chat
Chi è in linea
In totale ci sono 7 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 7 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Classifiche FIT 2014-15
Class. iniziale Risultati:
 
Guida Salva| Carica| Reset
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     

il rovescio, questo sconosciuto.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Chiros il Gio 24 Mar 2016, 16:38

Gennaro Volturo scrive:

Attualmente soltanto quattro dei primi venti tennisti della classifica Atp eseguono il rovescio a una mano. Sono Federer (nella foto), Wawrinka, Gasquet e Thiem. Per quanto concerne il circuito Wta, tra le prime venti giocatrici, Carla Suarez Navarro e Roberta Vinci sono le uniche interpreti di tale abilità tecnica. Nonostante i dati presi in considerazione indichino una netta prevalenza nel tennis moderno del rovescio bimane, è importante ricordare come i tennisti che eseguono il rovescio a una mano producano maggiore velocità della racchetta al momento dell’impatto rispetto ai giocatori bimani. Essendo il rovescio a una mano un’abilità contraddistinta dall’impiego di una catena cinetica aperta, i gradi di libertà di movimento dei segmenti corporei e delle articolazioni sono maggiori rispetto a quelli presenti nel rovescio a due mani, che al contrario è un’abilità contraddistinta dall’impiego di una catena cinetica chiusa. Inoltre, essendo il rovescio a una mano caratterizzato da un movimento di preparazione molto ampio, volto ad aumentare la distanza tra racchetta e punto di impatto, i tempi di applicazione della forza sono maggiori rispetto a quelli relativi al rovescio bimane (270 millisecondi contro 240 millisecondi). Tali considerazioni sono pertinenti nella misura in cui la meccanica esecutiva del rovescio a una mano rispetti alcuni parametri tecnico/biomeccanici.

1) La torsione del tronco
Una buona torsione del tronco è il primo aspetto tecnico significativo su cui focalizzare l’attenzione. Si ricordi che nel rovescio a una mano moderno, le spalle ruotano di circa 120° rispetto alla posizione di partenza e tale azione è enfatizzata dall’impiego di una stance (posizione dei piedi) chiusa.

2) L'arretramento dell’attrezzo
L’arretramento dell’attrezzo è vincolato alla torsione del tronco. Grazie alla torsione delle spalle e delle anche e all’azione dell’arto non dominante, è possibile ruotare la racchetta dai 240° ai 270° durante la fase di preparazione (ovviamente tali misurazioni sono puramente indicative in quanto devono necessariamente essere correlate alla situazione tattica). In tal modo il tennista può determinare una distanza dell’attrezzo dal punto di impatto che gli consenta di aumentare i tempi di applicazione della forza creando i presupposti per produrre la massima accelerazione dell’attrezzo. E’ molto importante che al termine della preparazione il gomito sia flesso, affinché il tennista possa sfruttare tale articolazione come componente di spinta attraverso un movimento di estensione.

3) L'azione dell’arto dominante
Braccio, avambraccio e mano intervengono in sequenza, durante la fase di accelerazione, attraverso le seguenti componenti di spinta: estensione orizzontale e abduzione (allontanamento dal tronco) del braccio, estensione del gomito e flessione della mano. È fondamentale che la palla sia colpita con una buona distanza laterale per sfruttare al meglio la lunghezza della leva ed è altrettanto rilevante che l’estensione del gomito si completi una frazione di secondo prima dell’impatto in modo da poter far intervenire la mano come ulteriore componente di accelerazione.

4) Azione dell’arto non dominante
L’arto non dominante in primo luogo favorisce il cambio di impugnatura e l’arretramento della racchetta. Nella prima fase del movimento di accelerazione, cioè al termine della caduta verticale dell’attrezzo, è molto importante che la mano sinistra (ci riferiamo a un giocatore destrimane) sia rilasciata dal cuore della racchetta per disporsi lungo il fianco posteriore. In tal modo l’arto non dominante può svolgere una funzione di equilibrio minimizzando la torsione del tronco durante la fase di accelerazione.

5) Il passo di recupero
Eseguendo l’abilità tecnica in posizione chiusa (la cosiddetta semi-closed stance), dopo aver eseguito il colpo si corre il rischio di essere fuori posizione. Pertanto è molto importante che dopo aver completato il finale di movimento, si effettui un passo laterale di recupero con il piede posteriore (il cosiddetto recovery step) per proseguire in forma dinamica e senza fasi di interruzione l’azione di gioco successiva.
avatar
Chiros

Messaggi : 3527
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 43
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Chiros il Gio 24 Mar 2016, 16:39

Per i dubbiosi, rispondo io Very Happy
avatar
Chiros

Messaggi : 3527
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 43
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da superpipp(a) il Gio 24 Mar 2016, 20:58

Chiros ha scritto:Per i dubbiosi, rispondo io Very Happy
si Cristia', spiega meglio il "recovery step"

Ciao
sp

P.s. Niente video però, la pratica Me la fai vedere da vicino
avatar
superpipp(a)

Messaggi : 2558
Data d'iscrizione : 27.08.12
Età : 62
Località : Vesuvio

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Incompetennis il Gio 24 Mar 2016, 23:54

Azz, quindi per ogni rovescio faccio tutta 'sta roba !!!!! Ecco perché mi stanco presto !!!! doh
avatar
Incompetennis

Messaggi : 1833
Data d'iscrizione : 26.04.13
Località : ETNA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da superpipp(a) il Ven 25 Mar 2016, 07:08

Incompetennis ha scritto:Azz, quindi per ogni rovescio faccio tutta 'sta roba !!!!! Ecco perché mi stanco presto !!!! doh
Azz hai imparato anche il rovescio? Sarà dura vincere con te Very Happy

Ciao
Sp
avatar
superpipp(a)

Messaggi : 2558
Data d'iscrizione : 27.08.12
Età : 62
Località : Vesuvio

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Chiros il Ven 25 Mar 2016, 14:53

superpipp(a) ha scritto:
Chiros ha scritto:Per i dubbiosi, rispondo io Very Happy
si Cristia', spiega meglio il "recovery step"

Ciao
sp

P.s. Niente video però, la pratica Me la fai vedere da vicino


Oggi grande rovescio da fuori del campo, lungolinea stampato sulla riga e soprattutto cercato. Mi hanno sentito al campo vicino. Very Happy

Il recovery step si può immaginare. Io nella descrizione non capisco la flessione della mano Punto 3
avatar
Chiros

Messaggi : 3527
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 43
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Doc68 il Gio 28 Set 2017, 22:33

Nel rovescio ad una mano per una migliore pronazione del polso meglio alla
Feliciano Lopez


o alla Roger Federer?
avatar
Doc68

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 29 Set 2017, 09:33

Azz... tutte quelle cose?

Io ho trovato il rovescio a luglio... ma trovato è il termine chiave. Prima in partita mi rifugiavo nel back spin, il top era troppo falloso.

Un'ora di cesto, con la mia solita miriade di errori di rovescio, quando ad un certo punto.... un movimento diverso, la rotazione, il polso e la chiusura del piatto... risultato una palla carica di spin... ho iniziato a ricercare le sensazioni, per fissarle nel movimento.

Da quel giorno (con alti e bassi, ma decisamente 100 volte meglio di prima) ho iniziato a giocare il rivescio con quasi più sicurezza del diritto, e sopratutto con più tecnica del diritto..

avatar
Matteo1970

Messaggi : 107
Data d'iscrizione : 16.06.17
Località : Trofarello

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Wacos il Ven 29 Set 2017, 10:08

Il rovescio in top/piatto è il mio colpo.
Aspetti fondamentali:

1) un allegoria scritta dal nostro King sull'altro forum. Il senso della frase era: pensa di sfondare la porta con la spalla destra. BUM! rotazione del tronco e spalle trovata in un secondo. Non ringrazierò mai abbastanza king.
2) in preparazione accelerare di polso come se fossimo in moto. L'angolo va mantenuto il più possibile.la racchetta deve finire la fase di preparazione dietro in modo verticale
3) Gomito disteso quando si impatta. Mano dietro l'impugnatura e peso dietro la palla. Chi non distende il gomito si sta assicurando l'epicondilite.
4) lo swing non è verso avanti fuori. lo swing è verso destra fuori. Se avessimo una palla sotto l'ascella destra questa non dovrebbe cadere se non dopo l'impatto, non prima.
avatar
Wacos

Messaggi : 1024
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 39
Località : Venezia e dintorni

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da correnelvento il Ven 29 Set 2017, 10:14

Ma veramente pensate a tutte queste cose quando fate un CAZZO di rovescio?

affraid
avatar
correnelvento

Messaggi : 11206
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (naturalizzato Ciociaro)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da fabione65 il Ven 29 Set 2017, 10:16

correnelvento ha scritto:Ma veramente pensate a tutte queste cose quando fate un CAZZO di rovescio?

affraid
Corre....x forza.....tu di rovesci non ne fai neanche uno!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy
Fabio.
avatar
fabione65

Messaggi : 322
Data d'iscrizione : 15.02.17
Località : Vicenza

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Wacos il Ven 29 Set 2017, 10:52

correnelvento ha scritto:Ma veramente pensate a tutte queste cose quando fate un CAZZO di rovescio?

affraid

Assolutamente no.
Le pensi quando lo devi imparare. Dopo che l'hai imparato lo tiri e basta.
avatar
Wacos

Messaggi : 1024
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 39
Località : Venezia e dintorni

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 29 Set 2017, 11:51

correnelvento ha scritto:Ma veramente pensate a tutte queste cose quando fate un CAZZO di rovescio?

affraid

boh, io cerco la sensazione fisica che ho fissato quel di' in cui l'ho "trovato"... e poi penso.... "incrocia, incrocia, incrocia, riordati che devi incrociare... doh, lo hai tirato lungolinea! "
avatar
Matteo1970

Messaggi : 107
Data d'iscrizione : 16.06.17
Località : Trofarello

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da correnelvento il Ven 29 Set 2017, 12:41

Wacos ha scritto:
correnelvento ha scritto:Ma veramente pensate a tutte queste cose quando fate un CAZZO di rovescio?

affraid

Assolutamente no.
Le pensi quando lo devi imparare. Dopo che l'hai imparato lo tiri e basta.

Mah: che ti devo dire...
Sicuramente sarai un'eccezione.
Ma il 90% (è più) degli avversari che ho incontrato che "sviscerano" così dettagliatamente colpi e tecnica, di solito sono delle pippe scatenate...
avatar
correnelvento

Messaggi : 11206
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (naturalizzato Ciociaro)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da correnelvento il Ven 29 Set 2017, 12:44

Io sono molto più "rustico" diciamo...

Mi limito a guardare la palla e, soprattutto, a scendere con.le gambe.
avatar
correnelvento

Messaggi : 11206
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (naturalizzato Ciociaro)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Doc68 il Ven 29 Set 2017, 15:13

Wacos ha scritto:Il rovescio in top/piatto è il mio colpo.
Aspetti fondamentali:

1) un allegoria scritta dal nostro King sull'altro forum. Il senso della frase era: pensa di sfondare la porta con la spalla destra. BUM! rotazione del tronco e spalle trovata in un secondo. Non ringrazierò mai abbastanza king.
2) in preparazione accelerare di polso come se fossimo in moto. L'angolo va mantenuto il più possibile.la racchetta deve finire la fase di preparazione dietro in modo verticale
3) Gomito disteso quando si impatta. Mano dietro l'impugnatura e peso dietro la palla. Chi non distende il gomito si sta assicurando l'epicondilite.
4) lo swing non è verso avanti fuori. lo swing è verso destra fuori. Se avessimo una palla sotto l'ascella destra questa non dovrebbe cadere se non dopo l'impatto, non prima.

Che dire... se non analisi perfetta!!!!
indirettamente grazie anche a kk...
avatar
Doc68

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Antaniserse il Ven 29 Set 2017, 16:59

Giusto per pignolare un  po'   Wink

Wacos ha scritto:2) in preparazione accelerare di polso come se fossimo in moto. L'angolo va mantenuto il più possibile.la racchetta deve finire la fase di preparazione dietro in modo verticale
Questo però è in funzione dell'impugnatura, non può essere un movimento a prescindere... OK se usi una eastern molto accentuata o oltre, ma se a Leconte dici di "accellerare" ti manda le palle nella stratosfera/deve fare un ghirigoro inutile dopo, visto che lui con una eastern leggerissima/quasi continental ha già il piatto orientato giusto per la preparazione, deve fare l'aggiustamento opposto all'impatto. Se si pensa a tenere la testa alta/verticale in fase di preparazione e "tirare" il collo con la mano sinistra, il movimento polso poi viene da se'.

Wacos ha scritto:3) Gomito disteso quando si impatta. Mano dietro l'impugnatura e peso dietro la palla. Chi non distende il gomito si sta assicurando l'epicondilite.

Ni... se iperestendi, e blocchi l'articolazione, è anche peggio, e basta un impatto un po' in ritardo per fare danni.
Diciamo disteso naturale, come quando tieni il braccio a penzoloni lungo il corpo, cosa che comunque l'inerzia della racchetta fa da se', non dovrebbe essere una distensione "pensata"

_________________
"I am not perfect and neither was my career. In the end tennis is like life, messy."
Marat Safin
avatar
Antaniserse
Admin

Messaggi : 1060
Data d'iscrizione : 09.12.09
Età : 44
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Doc68 il Ven 29 Set 2017, 22:07

Il problema era la spalla che andava in conflitto, e sono arrivato alla pronazione del polso, ma la domanda è (lo so che sono contorto) nel rovescio ad una mano, meglio impugnatura eastern o semi western? grazie
avatar
Doc68

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da seneca85 il Ven 29 Set 2017, 23:01

Doc68 ha scritto:Il problema era la spalla che andava in conflitto, e sono arrivato alla pronazione del polso, ma la domanda è (lo so che sono contorto) nel rovescio ad una mano, meglio impugnatura eastern o semi western? grazie

Non esiste un'impugnatura migliore o peggiore ma dipende da come ti sei abituato nel tempo, che tipo di gioco hai, caratteristiche fisiche/atletiche, modo di interpretare il tennis.
In teoria con la sw di rovescio ad una mano si riesce a dare più top spin, a colpire palle che rimbalzano più alte ma occorre saper scendere bene con le gambe per far passare la testa della racchetta sotto la traiettoria della palla.
Con la eastern di rovescio ad una mano si ha un colpo più lineare, più penetrante ma meno carico. Si soffre di più su palle che rimbalzano alte.
Il tutto dipende anche su che superficie si gioca, quanto si sta vicino o dietro la linea di fondo, quanto si riesce ad anticipare e quanto si è rapidi a mettersi bene sulla palla.
Insomma le variabili sono molteplici per cui non c'è un'unica interpretazione del colpo.

seneca85

Messaggi : 372
Data d'iscrizione : 26.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Doc68 il Dom 01 Ott 2017, 14:48

Fatto stamattina 1 ora e mezza. Rovescio ho provato concentrandomi molto su puntare la pallina e le due impugnature: eastern e semiwestern.
Ha vinto la seconda, mi viene più facile ed il top esce più alto e fastidioso, il polso mi da meno fastidio ed il colpo è molto più sciolto!
avatar
Doc68

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: il rovescio, questo sconosciuto.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum