chat
Chi è in linea
In totale ci sono 13 utenti in linea: 5 Registrati, 0 Nascosti e 8 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Chiros, correnelvento, mezzomozzo, Riki66, Tempesta

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag - 19:40
Ultimi argomenti
» Il viscido Dagoberto.
Da Riki66 Oggi alle 8:36

» Pure drive vs Pure strike
Da spalama Oggi alle 8:33

» A futura memoria: il post migliore della storia
Da Riki66 Oggi alle 8:30

» Quando si raggiunge il proprio potenziale tennistico
Da correnelvento Oggi alle 8:02

» Prince tour Pro 98
Da Doc68 Ieri alle 23:44

» A proposito di dwell time
Da Doc68 Ieri alle 23:43

» Full Kevlar
Da Doc68 Ieri alle 23:42

» che classe raga eh?
Da Riki66 Ieri alle 16:49

» Starburn, Weisscannon, Signum Pro, String Kong....
Da Doc68 Ieri alle 9:34

» Pure Strike 16*19 (modello vecchio rosso-nero)
Da felixx Ieri alle 8:11

» domande wise
Da adip89 Mar 25 Lug - 20:15

» PERCHE' I TENNISTI ITALIANI NON VINCONO ?
Da Mauro 66 Mar 25 Lug - 19:45

» Telaio Ufficiale di Frank
Da veterano Lun 24 Lug - 18:49

» Rublev
Da Incompetennis Lun 24 Lug - 15:28

» Prince Textreme Tour 100P
Da Doc68 Sab 22 Lug - 21:44

Classifiche FIT 2014-15
Class. iniziale Risultati:
 
Guida Salva| Carica| Reset
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
Parole chiave

Rublev  


Eutanasia, possiamo parlarne?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da marco61 il Sab 17 Set - 21:13

E' un argomento molto delicato e prego chiunque vorrà intervenire di farlo con estrema delicatezza.
Oggi, in Belgio, è stato praticato il primo caso (ufficiale, aggiungo io) di eutanasia al mondo su un essere umano.
La Chiesa è subito intervenuta ricordando che la vita è sacra, in qualunque condizione la si debba vivere.
Io non sono d'accordo, per diversi motivi. Io, fortunatamente, ho potuto decidere che Ronnie, il 27 ottobre scorso, aveva dato tutto e di più non poteva fare.
Qualcuno sarà scandalizzato, leggendo queste parole. Come si può accostare la vita di un essere umano a quella di un cane? La vita è vita, sempre. E quando un animale entra a far parte di una famiglia, va considerato esattamente come tutti gli altri membri.
Favorevole all'eutanasia nei confronti di un animale, ancor più favorevole se si tratta di una vita umana che, giunta al termine del proprio percorso, è consapevole di questo e chiede solo di abbreviare le proprie sofferenze.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9125
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 55
Località : sanremo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Gabrilele il Dom 18 Set - 0:26

l'argomento è estremamente interessante e mi permetto di condividere il mio punto di vista (ovviamente opinabile).
il caso specifico riguarda un 17enne. qui la minore età complica le cose. di nuovo sento persone della chiesa (della MIA chiesa) sentenziare senza pietà.
io sono di Paluzza, come il padre di Eluana Englaro.
il suo caso mi ha impressionato molto: sono un papà di 2 bimbe.
il padre di Eluana ha secondo me dimostrato un coraggio enorme, resistendo al fango di chi gli insegnava come era sua figlia pur avendola vista solo in foto ed affrontando un dolore estremo con una dignita enorme.
tutto questo speravo portasse ad affrontare un tema scottante.
al momento vi ricordo che la legge sul fine vita è ancora da approvare (eufemismo, è bloccata. evidentemente non porta voti).
questa non scelta pesa e non tutela chi è davvero debole.

la mia opinione è questa: so che ci sono delle storie LIMITE, dove il dolore e le condizioni di vita non consentano di proseguire la propria esistenza.
in queste condizioni, io da fuori non posso imporre cosa fare, nè vorrei che altri, dall'alto dei loro piedistalli insegnassero cosa non sanno perchè non sono nemmeno arrivati vicini a provarlo.
il dire che la vita è sempre una meraviglia dal mio punto di vista è un non affrontare questi casi, lasciandoli in balia del proprio dolore.

Gabrilele

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 06.12.11
Età : 38

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da superpipp(a) il Dom 18 Set - 1:07

Per decidere l'eutanasia di una persona si deve amarla veramente tanto da non sopportarne più le sofferenze.
Sono decisioni che comunque segnano la propria esistenza per sempre ....... e chi siamo noi, dall'esterno, per poter giudicare?

SP
avatar
superpipp(a)

Messaggi : 2472
Data d'iscrizione : 27.08.12
Età : 61
Località : Vesuvio

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Dom 18 Set - 16:36

Accidenti, mi sono assentato per qualche giorno (ero in trasferta a Roma) e quando ritorno mi trovo centinaia di nuovi messaggi da leggere su TT !!!!

Detto questo, vorrei precisare che l'eutanasia puó essere di 2 tipi:
-sospensione delle cure che permettono di rimanere in vita
-interruzione volontaria della vita

In entrambi i casi la legge di quasi tutti gli stati che l'approvano prevede l'esplicito consenso da parte del malato.
Il consenso puó essere dato in vari modi, sia precedentemente che durante la malattia.

A questo punto mi chiedo...............vorreste voi rimanere in vita come un vegetale per un numero di anni indefinito causando sofferenze a chi vi vuole bene?
Vorreste voi rimanere in vita coscientemente intrappolati dentro un corpo che non potete piú utilizzare nemmeno per gioire?
Vorreste voi patire le pene dell'inferno afflitte da alcune patologie incurabili la cui sola fine delle sofferenze coincide con la morte?

Non so voi, ma io dico No, No, No !!!!

Io sono sulla terra per vivere e non per soffrire o far soffrire gli altri. Quando il mio corpo non mi consentirá piú, con assoluta certezza, di assolvere lo scopo per il quale é stato creato tantovale farla finita.

Forse é piú facile l'eutanasia indotta quando una persona cara soffre oppure é in stato vegetativo a lungo termine ed é chiaramente, senza alcun dubbio, quasi impossibile che se ne esca.

Piú difficile l'auto eutanasia dove si vuole interrompere le proprie insopportabili sofferenze destinate comunque a morte certa.

In ogni caso, medici e psicologi dovrebbero assistere ed eventualmente coadiuvare le persone coinvolte in una decisione cosí drammatica.

A parte i minorenni dove anche loro hanno diritto di dire la loro, il caso piú difficile é quello della persona cara in coma irreversibile o nella incompleta possibilitá di comunicare col mondo esterno.
In questo caso subentrano molti fattori quali religione, educazione, intelligenza, cinismo, interessi ed egoismo (non volersi staccare da una persona perché NOI ne abbiamo bisogno).

Se dovesse succedere a me credo che ora, razionalmente, sceglierei di non soffrire e di non far soffrire chi mi stá vicino.
avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Incompetennis il Lun 19 Set - 8:12

In Italia tutte quelle leggi che vanno a cozzare contro interessi o principi della chiesa raramente vanno avanti. Com'é finito il discorso dell'IMU sulla proprietà ecclesiastiche? Si ha paura di toccare certi ambienti che portano tantissimi voti e che non dimenticano sgarbi ...
L'eutanasia è da regolamentare con leggi giuste che evitino sofferenze sia a chi soffre sia a chi ama chi soffre. Chissà quanto passerà, lì non c'é da guadagnare !!!
Il diritto di vivere è pari al diritto di morire senza soffrire .
avatar
Incompetennis

Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 26.04.13
Località : ETNA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Lun 19 Set - 8:34

Incompetennis ha scritto:In Italia tutte quelle leggi che vanno a cozzare contro interessi o principi della chiesa raramente vanno avanti. Com'é finito il discorso dell'IMU sulla proprietà ecclesiastiche? Si ha paura di toccare certi ambienti che portano tantissimi voti e che non dimenticano sgarbi ...
L'eutanasia è da regolamentare con leggi giuste che evitino sofferenze sia a chi soffre sia a chi ama chi soffre. Chissà quanto passerà, lì non c'é da guadagnare !!!
Il diritto di vivere è pari al diritto di morire senza soffrire .

Scusate l'ignoranza ma quello che non capisco é come la chiesa preferisca che tu soffra all'inverosimile piuttosto che tu possa riposare in pace.

avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 8:49

Ci sono inesattezze.
La Chiesa cattolica è contro l'eutanasia ma non contro l'accanimento terapeutico.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 9:15

A causa della mia ignoranza sarò breve e cercherò di non fare una predica.

Il confine tra eutanasia e accanimento terapeutico dovrebbe essere chiaro. Sul catechismo della chiesa potrete trovare le definizioni.
Il problema è che oggi questo confine viene spostato da molti. Legalmente o meno.

Il concetto di vita come  "bene-valore-dignità" oggi tende a perdersi.
Inoltre oggi ci si sente padroni della vita, anche di quella altrui. Dio non c'entra nulla. Si sostituisce Dio, è il peccato originale.

Se si prende ad esempio Wojtila, si vede come abbia accettato la sua malattia e come l'abbia portata avanti con dignità, offrendo un esempio e unendosi spiritualmente alla croce di Cristo, che trasforma la inutile sofferenza in gesto di amore e di salvezza.
Si dice che, giunto al termine, abbia rifiutato le ultime operazioni perchè sarebbe stato accanimento terapeutico. Ma questo non è stato accertato.


Ultima modifica di Chiros il Lun 19 Set - 9:17, modificato 1 volta
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Lun 19 Set - 9:16

Chiros ha scritto:Ci sono inesattezze.
La Chiesa cattolica è contro l'eutanasia ma non contro l'accanimento terapeutico.

Appuno, non puoi morire  e NON é contro l'accanimento terapeutico cioé possono mantenerti in vita "in eterno"


correzione.............ho letto il secondo messaggio ed ho capito - cioé la chiesa non é contro chi rifiuta le cure ovvero l'accanimento terapeutico.


Peró ci sono 2 situazioni ben distinte: quando si decide per la propria vita e quando si decide per quella degli altri

Sulla seconda ne potremmo discutere per ore ma sulla prima vorrei essere io a decidere!


Ultima modifica di Bertu il Lun 19 Set - 9:19, modificato 2 volte
avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 9:17

Bertu ha scritto:
Chiros ha scritto:Ci sono inesattezze.
La Chiesa cattolica è contro l'eutanasia ma non contro l'accanimento terapeutico.

Appuno, non puoi morire  e NON é contro l'accanimento terapeutico cioé possono mantenerti in vita "in eterno"
Non ho capito.
Si può morire quando le cure sono sproporzionate.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 9:38

Bertu, che tu possa decidere è chiaro. La libertà di decidere fa parte della nostra vita. Ognuno di noi può ad esempio suicidarsi.
Semmai sono gli Stati che impongono con la legislazione dei divieti.
Dio ci lascia liberi. Per esempio oggi si possono affittare gli uteri, domani probabilmente si potranno costruire gli uomini in laboratorio, tutti uguali e perfetti. Dio soffre per lasciarci liberi.

"amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti".

Dio ci chiama ad amare tutti, a far sorgere il sole dentro tutti. In questo modo, chiunque soffre sente comunque la bellezza della vita e così passa la voglia del suicidio.
La colpa di certe cose in fondo, è dei cristiani. Sad

E scusate la predica che mi è scappata proprio.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 10:37

Incompetennis ha scritto:In Italia tutte quelle leggi che vanno a cozzare contro interessi o principi della chiesa raramente vanno avanti. Com'é finito il discorso dell'IMU sulla proprietà ecclesiastiche? Si ha paura di toccare certi ambienti che portano tantissimi voti e che non dimenticano sgarbi ...
L'eutanasia è da regolamentare con leggi giuste che evitino sofferenze sia a chi soffre sia a chi ama chi soffre. Chissà quanto passerà, lì non c'é da guadagnare !!!
Il diritto di vivere è pari al diritto di morire senza soffrire .

Oggi i cattolici iniziano ad essere in minoranza e quindi la società cambia liberamente.
In Europa non si sono volute citare le "radici cristiane". In Belgio si usa l'eutanasia sui minori.
L'altro ieri la Raggi ha sposato due gay definendoli famiglia e quindi equiparandoli alla famiglia tradizionale. La Chiesa paga l'IMU, non è esentata. Poi c'è la legge sulla fecondazione assistita che non è certamente piaciuta a i cattolici e così via.
Tutto democraticamente cambia.
Si accetta la cosa perchè è la regola della democrazia, mantenendo il proprio diritto di parlare.
Insomma basta con i luoghi comuni.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da marco61 il Lun 19 Set - 12:42

Chiros, non credo nello stesso Dio in cui credi tu, però siamo qui per discuterne insieme e mi permetto di dare un mio parere.
Il credente che soffre, proprio perchè crede, non deve temere di raggiungere Dio perchè comunque proverà un'immensa gioia.
Mi pare però si stia confondendo suicidio con eutanasia.
Il suicida che è ancora in grado di ricevere qualcosa dalla vita, compie un peccato. Chi crede, sa che prima o poi il bene verrà fuori, e non ha diritto di togliersi la vita.
L'eutanasia parte dal principio che la persona che deve riceverla, e i propri cari, sono sottoposti a sofferenze che inderogabilmente porteranno alla morte.
Sono due cose molto differenti fra loro.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9125
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 55
Località : sanremo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 15:18

marco61 ha scritto:Chiros, non credo nello stesso Dio in cui credi tu, però siamo qui per discuterne insieme e mi permetto di dare un mio parere.
Il credente che soffre, proprio perchè crede, non deve temere di raggiungere Dio perchè comunque proverà un'immensa gioia.
Mi pare però si stia confondendo suicidio con eutanasia.
Il suicida che è ancora in grado di ricevere qualcosa dalla vita, compie un peccato. Chi crede, sa che prima o poi il bene verrà fuori, e non ha diritto di togliersi la vita.
L'eutanasia parte dal principio che la persona che deve riceverla, e i propri cari, sono sottoposti a sofferenze che inderogabilmente porteranno alla morte.
Sono due cose molto differenti fra loro.

Mi sembrava che criticaste la posizione della Chiesa.
Comunque voi non credenti fate come volete, avete le vostre idee. Ora cambierete la società perchè siete maggioranza.

Io credo che esistano valori che sono o almeno dovrebbero essere universali. Si tratta di qualcosa di analogo della dichiarazione universale dei diritti dell'uomo.
La vita ha valore per se stessa, sempre. Va conservata e tutelata in tutte le sue forme. Va curata. Su questo dovremmo essere d'accordo senza tirare in ballo la religione.
Dovremmo tutelare la vita dall'inizio. Per esempio dovremmo capire che i bambini malformati in grembo vadano sempre fatti nascere perchè siamo diversi dai nazisti. Dovremmo tutelare la vita fino alla fine dei giorni. Quando gli ammalati si vedono circondati da un clima di amore, non chiedono l'eutanasia. Danno amore e ricevono amore. La loro vita vale sempre. Questa è la mia esperienza.

Quando le cure risultano inutili per la guarigione per il miglioramento del malato o non fanno ottenere risultati, esiste comunque la possibilità di interromperle, anche per la Chiesa. L'accanimento terapeutico è sbagliato.
In questo caso si accetta l'evento morte naturale, senza affrettarne l'evento ma continuando a curare il paziente con gli antidolorifici e semplici cure ordinarie.

Su questo dovremmo essere d'accordo, indipendendemente dalla religione. Perchè siamo uomini.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Lun 19 Set - 16:29

Chiros, a me le disquisizioni sul credo non interessano.

Hai detto "Quando gli ammalati si vedono circondati da un clima di amore, non chiedono l'eutanasia. Danno amore e ricevono amore. La loro vita vale sempre. Questa è la mia esperienza."

Su questa frase non concordo. Se uno soffre le cosiddette pene dell'inferno, puó avere tutto l'amore del mondo che vuoi ma la cosa che desidera piú di ogni altra é che la morte sopraggiunga presto per porre fine alle sue sofferenze. All'uomo non fa paura la morte, fa paura la sofferenza.

L'11 settembre é da poco passato e nel rivedere un documentario mi sono rimasti impressi tutti quei poveracci che piuttosto che morire bruciati vivi hanno preferito suicidarsi buttandosi sotto. Non ha importanza se fossero o meno amati e quanto lo fossero. In quel momento la loro sofferenza era l'unica cosa che contava.

Non é forse questo un suicidio indotto dalla sofferenza? Cosa dovevano fare? Aspettare di morire bruciati con la flebile speranza di essere salvati? Io non li biasimo. Ed essere su un letto di ospedale sofferente, ad aspettare che la morte giunga lentamente non é la stessa cosa?

Oppure essere intrappolato dentro il tuo corpo senza poter comunicare con l'esterno ma perfettamente in grado di ascoltare tutto?

Io credo, ma smentitemi pure, che la fede per un qualunque Dio possano farci avere una determinata posizione su molti argomenti relativi alla vita umana ed alla sua gestione ma ho visto spesso repentini cambi di fronte quando le vite in gioco erano quelle delle persone direttamente interessate.

Io direi..........é facile dire agli altri cosa fare ma quando una situazione ci tocca direttamente allora la prospettiva cambia ed a volte si cambia anche opinione.
E questo non vale solo per l'eutanasia
avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Lun 19 Set - 16:50

In sintesi:
Una nazione che vuole definirsi civilmente avanzata deve dare la possibilitá ai propri cittadini di scegliere in base al proprio credo ed alla propria coscienza su quello che vogliono fare e non imporlo con le leggi.

Imporlo con la legge é sinonimo di limitazione della libertá dell'individuo
avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 17:09

Guarda, tu non concordi e fai bene, ma non puoi negare la mia esperienza.
Mia madre è morta di tumore a 38 anni. Potrai immaginare che i dolori fossero grandissimi. Io la sentivo urlare fin fuori dal palazzo. Mai ha chiesto di morire. Ha insegnato a scuola fino all'ultimo anno di vita. Ha insegnato a me l'amore per la vita.
Così sono passato da mia nonna, ero bambino. Poi sono cresciuto e l'ho accudita io. Se ti racconto quello che ha passato quella donna, non ci credi. Eppure a lei bastava guardarmi, a me anche. Con la sua voglia di vivere ha vinto le sue tante malattie e non mi ha lasciato solo finchè non mi ha visto sereno con la donna che ho sposato.
Ecco, questo è quello che intendo per vivere degnamente. La vita umana ha sempre valore. Questo è quello che dovremmo difendere (a mio parere).

Oggi invece si pensa che la vita non è degna di essere vissuta perchè si soffre troppo.
Chi stabilirà il limite del giusto soffrire, della sofferenza sopportabile?
Chi potrà obbligare un uomo a togliere la vita ad un altro uomo?
Chi potrà decidere se è giusto far nascere un bambino malato oppure no?
Quando ci si allontana dall'umanità, la vita si complica e peggiora. Questi sono solo alcuni dei tristi scenari che si aprono.

Spero che non ci sia mai una legge in materia. è impossibile stabilire cosa fare caso per caso. Spero che gli uomini rimangano liberi di scegliere, come liberi sono nati.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 17:25

E scusate per il pippone lungo ma altrimenti non ci si capisce.
Ho scritto pure troppo. Basta Smile
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Bertu il Lun 19 Set - 17:32

Chiros ha scritto:Guarda, tu non concordi e fai bene, ma non puoi negare la mia esperienza.
Mia madre è morta di tumore a 38 anni. Potrai immaginare che i dolori fossero grandissimi. Io la sentivo urlare fin fuori dal palazzo. Mai ha chiesto di morire. Ha insegnato a scuola fino all'ultimo anno di vita. Ha insegnato a me l'amore per la vita.
Così sono passato da mia nonna, ero bambino. Poi sono cresciuto e l'ho accudita io. Se ti racconto quello che ha passato quella donna, non ci credi. Eppure a lei bastava guardarmi, a me anche. Con la sua voglia di vivere ha vinto le sue tante malattie e non mi ha lasciato solo finchè non mi ha visto sereno con la donna che ho sposato.
Ecco, questo è quello che intendo per vivere degnamente. La vita umana ha sempre valore. Questo è quello che dovremmo difendere (a mio parere).

Oggi invece si pensa che la vita non è degna di essere vissuta perchè si soffre troppo.
Chi stabilirà il limite del giusto soffrire, della sofferenza sopportabile?
Chi potrà obbligare un uomo a togliere la vita ad un altro uomo?
Chi potrà decidere se è giusto far nascere un bambino malato oppure no?
Quando ci si allontana dall'umanità, la vita si complica e peggiora. Questi sono solo alcuni dei tristi scenari che si aprono.

Spero che non ci sia mai una legge in materia. è impossibile stabilire cosa fare caso per caso. Spero che gli uomini rimangano liberi di scegliere, come liberi sono nati.

Il tuo discorso é ricco di contraddizioni. Come si puó essere liberi di scegliere se la libertá di scelta non é concessa? Oggi io non sono libero di scegliere se vivere o morire. Datemi questa libertá e poi io, in base al mio credo, decideró cosa fare ma non imponetemi la VOSTRA decisione
avatar
Bertu

Messaggi : 3084
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 52
Località : Monaco di Baviera

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Lun 19 Set - 18:31

Bertu, in Germania non so come funzioni.
Qua in Italia nessun medico può obbligarti a fare un a cura se non sei d'accordo. Di fatto l'eutanasia passiva esiste.
Non esiste l'eutanasia attiva e io sono d'accordo. Non si può obbligare il medico o una persona ad ucciderne un'altra. Anche questa deve essere una scelta di libertà.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da marco61 il Lun 19 Set - 22:36

Chiros, non mi permetto di paragonare i momenti che hai vissuto con tua madre con la sofferenza che ho provato quando ho accompagnato Ronnie nella sua ultima passeggiata.
Però la vita è sempre vita, possiamo decidere di toglierla ai nostri animali ma non possiamo decidere di toglierla a noi stessi quando non siamo più in grado di apprezzarne il valore.
La Chiesa non dovrebbe mai imporre la propria voce, tanto meno quando una persona sta riconducendosi a Dio.
La religione, in particolare quella cristiana, nasce da molte contraddizioni. I sacerdoti non possono procreare, nè tanto meno le suore. Immagina se tutti noi prendessimo il voto, sarebbe la fine dell'umanità.
C'è qualcuno che può stabilire chi può essere sacerdote e chi no? Nessuno, per cui la religione si fonda su un'incredibile contraddizione. Il compito principale dell'uomo è procreare, ma ai rappresentanti della Chiesa non è concesso.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9125
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 55
Località : sanremo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Mar 20 Set - 7:41

Non è vero. Parlate di quel che non conoscete. I primi vescovi erano sposati. Leggete le lettere di S. Paolo. La cosa non è incompatibile.
Io vi consiglio di approfondire la conoscenza della religione cristiana, che in fondo non è nemmeno una religione.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Mar 20 Set - 7:44

marco61 ha scritto:Chiros, non mi permetto di paragonare i momenti che hai vissuto con tua madre con la sofferenza che ho provato quando ho accompagnato Ronnie nella sua ultima passeggiata.
Però la vita è sempre vita, possiamo decidere di toglierla ai nostri animali ma non possiamo decidere di toglierla a noi stessi quando non siamo più in grado di apprezzarne il valore.
La Chiesa non dovrebbe mai imporre la propria voce, tanto meno quando una persona sta riconducendosi a Dio.
La religione, in particolare quella cristiana, nasce da molte contraddizioni. I sacerdoti non possono procreare, nè tanto meno le suore. Immagina se tutti noi prendessimo il voto, sarebbe la fine dell'umanità.
C'è qualcuno che può stabilire chi può essere sacerdote e chi no? Nessuno, per cui la religione si fonda su un'incredibile contraddizione. Il compito principale dell'uomo è procreare, ma ai rappresentanti della Chiesa non è concesso.
Questa è un'ottima posizione, direi da credente Smile
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da marco61 il Mar 20 Set - 8:48

Chiros, come hai scritto tu, scrivo di ciò che conosco.
OGGI, preti e suore non possono sposarsi nè tanto meno procreare.
E' corretto?

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9125
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 55
Località : sanremo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Chiros il Mar 20 Set - 12:06

Teologicamente i preti possono sposarsi. I primi vescovi erano scelti dagli apostoli tra gli uomini che avevano una famiglia rispettata e con bravi figli.
Per cui, nel caso limite da te proposto, non ci sarebbero problemi nel far figli. Non si commette peccato per la chiesa.
Oggi non si fanno sposare i preti per altri motivi ma spero di essere riuscito a chiarire che il tuo problema non si pone perché non esiste alla radice.
avatar
Chiros

Messaggi : 3412
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Eutanasia, possiamo parlarne?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum