chat
Chi è in linea
In totale ci sono 10 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 10 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Tennis giocato
Da correnelvento Ieri alle 22:38

» Lavoro e tennis
Da Matusa Ieri alle 22:35

» cosa cambiereste nel vs tennis o nella vs storia di tennis
Da fabione65 Ieri alle 21:16

» Federer, spieghiamolo !!!!
Da squalo714 Ieri alle 18:23

» Nadal è al capolinea?
Da squalo714 Ieri alle 18:17

» Wilson Ultra CV
Da correnelvento Ieri alle 16:24

» Info su Prince
Da Doc68 Mer 18 Ott 2017, 10:10

» Telaio Ufficiale di Frank
Da frank Mer 18 Ott 2017, 00:55

» A distanza di un anno alla fine come è la Babolat Pure Strike 305 gr 16x19?
Da max1970 Mar 17 Ott 2017, 21:27

» Prince fan club
Da Pantera Mar 17 Ott 2017, 16:11

» Racchette mal incordate: segnalatele qui
Da marco61 Mar 17 Ott 2017, 13:27

» Yonex Ezone 98 VS Ai98
Da Chiros Mar 17 Ott 2017, 10:48

» Racchette da adulto più corte rispetto alla lunghezza standard
Da Eiffel59 Mar 17 Ott 2017, 08:12

» Il viscido Dagoberto.
Da superpipp(a) Lun 16 Ott 2017, 14:27

» Prince Textreme Tour 100P
Da Doc68 Lun 16 Ott 2017, 14:09

Classifiche FIT 2014-15
Class. iniziale Risultati:
 
Guida Salva| Carica| Reset
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
Parole chiave

textreme  grado  kick  servizio  custom  gioco  oversize  Yonex  prince  prova  volk  


Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da napalm_it il Lun 12 Giu 2017, 14:40

Ciao a tutti,
volevo condividere con voi una mia piccola esperienza sul tennis agonistico e come possano cambiare le cose da un momento all'altro ( ok, lo vediamo anche in tv ma vissuto dal vivo è diverso ).

Giovedì turno di torneo contro un 4.1, entro in campo con la mia solita cagarella ( prima o poi, ma penso mai, passerà ) e gioco.... neanche male, avversario ostico mancino che però stecca un pò troppo e così mi ritrovo dopo circa 1 oretta sul 6-3 5-2 per me... e qua inizia lo show.
15-40 sul suo servizio, aka 2 matchpoint, li sbaglio io, morale 5-3; ok... ho ancora un mio servizio da gestire...40-15, aka altri 2 matchpoint, li sbaglio io, morale 5-4; ok ho ancora un break da gestire.. morale 7-5 lui

in questo momento mi passa in mente il tutto... da come giustificare la sconfitta, a cosa mangiare dopo la partita... in  pratica la mia testa mi dava per sconfitto.. infatti sale lui 5-2 nel 3° set iniziando a giocare molto meglio di prima penso rinfrancato da quello che era successo.

Serve lui sul 5-2.. 40-15, aka 2 matchpoint lui... annullati con due vincenti ( farli prima no? )... morale 5-3; vado a servire io 0-40, aka 3 matchpoint lui, annullati con 2 vincenti e un errore diciamo forzato... morale arriviamo 6-6 pari al tiebreak finale...

in questo lasso di tempo le mia gambe hanno iniziato a salutarmi ( avevamo superato le 2 ore e mezza di gioco ), mi muovevo meno e la mia testa vagava per tutto il tempo in giro per il mondo tranne che sul campo da tennis ma ero ancora lì... come?? boh, tirando di là la palla 1 volta in più del mio avversario.

Cmq tiebreak lineare fino al 4-4 poi va avanti lui 6-4, aka 2 matchpoint ( 7 totali )... errore gratuito e volè vincente ... 6-6.. la guerra non era finita....

vincente mio 6-5, aka matchpoint mio dopo quasi 2 ore dal primo avuto, rovescio slice corto sul suo diritto che non riesce più ad alzarlo.. palla in rete.. vittoria!!!

Dopo quasi 3 ore sono uscito vittorioso da questa partita che io ho definito quasi una guerra per come l'ho vissuta e per come è andata a finire.

Certo, avrei dovuto chiudere subito, quand'ero in paradiso...ma la gioia di essere finito all'inferno e di essere riuscito a risalire lassù braccia al cielo, mi ha lasciato una gioia diversa dalla altre vittorie.

Strano il tennis... molto strano.....

:-)

ps: da tutto ciò si può notare la mia fragilità mentale ( oh.. però ho vinto dopo 3 ore ) e la poca sicurezza dei miei mezzi... Sad
avatar
napalm_it

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 38
Località : Prov nord Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da miguel il Lun 12 Giu 2017, 15:17

grande vittoria gigi , hai controllato che il tuo avversario non sia sia impiccato negli spogliatoi dopo il match ? Normalmente dopo che si sprecano cosi' tanti match points le partite si perdono 8almeno a me è sempre successo cosi' nel bene e nel male) tu sei stato bravo e fortunato a portarla a casa.
avatar
miguel

Messaggi : 4795
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 50
Località : torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da Chiros il Lun 12 Giu 2017, 15:26

Queste partite ti fanno sentire veramente vivo, è il bello del tennis.
avatar
Chiros

Messaggi : 3479
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 42
Località : Mai una stabile.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da napalm_it il Lun 12 Giu 2017, 15:28

Ciao Michele, rimettiti presto con il problema al mignolo così possiamo trovarci una volta
avatar
napalm_it

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 38
Località : Prov nord Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da napalm_it il Lun 12 Giu 2017, 15:29

Hai ragione Chiros, probabilmente sei avessi vinto 6-3 6-2 al primo matchpoint sarei stato sicuramente contento ma non mi sarei goduto la vittoria braccia la cielo come invece è successo... mah... strano il tennis e strani i tennisti Very Happy
avatar
napalm_it

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 38
Località : Prov nord Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da miguel il Lun 12 Giu 2017, 16:20

napalm_it ha scritto:Ciao Michele, rimettiti presto con il problema al mignolo così possiamo trovarci una volta  

purtroppo il dito è l'ultimo dei miei problemi, causa cataratta improvvisa e precoce devo operarmi agli occhi nelle prossime settimane e quindi per un po' saro' fuori gioco...aspetto positivo dopo l'operazione dovrei vedere come mai ho visto in vita mia... combiniamo a settembre prima che rimettano i palloni... se poi sei disponibile potremmo anche aggregarci al raduno fiorentino se si fa...
avatar
miguel

Messaggi : 4795
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 50
Località : torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da fabione65 il Lun 12 Giu 2017, 16:48

Bravo. Ottimo risultato.
Se ti puo' consolare domenica scorsa in campionato a squadre D4 ero 53 e 40 0 sopra il primo set e dopo 3 set point sprecati....ho vinto il primo solo 76 al tie brek...consolati non sei solo!!!
Fabio.
avatar
fabione65

Messaggi : 245
Data d'iscrizione : 15.02.17
Località : Vicenza

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da Doc68 il Lun 12 Giu 2017, 21:42

Il solito discorso, serve allenare la mente come i colpi. Solo facendo partite, partite ed ancora partite. Da quando ho cambiato telaio, inizialmente era una tragedia vera, errori pazzeschi e distrazioni continue. Inizialmente i 61 61 fioccavano a manetta. Ultime 3 partite importanti mi sono ripreso un poco ma più o meno andazzo primo perso 62 e secondo vinto 63 ma ero 41 per me.... il chè non depone proprio bene...
Secondo serve pensare meno e ributtare di più.
avatar
Doc68

Messaggi : 1265
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da squalo714 il Lun 12 Giu 2017, 23:38

Bravo! Riuscire a crederci fino alla fine è un gran merito.
Personalmente partite così le ho perse quasi tutte, dico quasi perché nelle poche che ho vinto 7/6 o 7/5 al terzo non avevo sciolto fisicamente..e ho giocato punto per punto fino alla fine.
avatar
squalo714

Messaggi : 1549
Data d'iscrizione : 21.09.11
Località : trento

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da correnelvento il Mar 13 Giu 2017, 05:54

Rod Laver (non uno qualsiasi):

"Quando si comincia a pensare al punteggio, è la volta che si perde"
avatar
correnelvento

Messaggi : 10822
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (naturalizzato Ciociaro)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da Doc68 il Mar 13 Giu 2017, 10:24

correnelvento ha scritto:Rod Laver (non uno qualsiasi):

"Quando si comincia a pensare al punteggio, è la volta che si perde"
ave
avatar
Doc68

Messaggi : 1265
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da spalama il Mar 13 Giu 2017, 17:16

A tennis contano solo i punti importanti.

Mettitelo bene in testa, sono quelli che fanno la differenza.

avatar
spalama

Messaggi : 711
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 49
Località : ROMA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da marco61 il Mar 13 Giu 2017, 19:32

Sinceramente, se in una partita mi succedessero tutte queste cose, farei fatica a ricordarle tutte.
Questo può significare che napalm non abbia così tante difficoltà a restare nel match, ma anche che tutte queste cose tutte insieme possano portarlo a distrarsi.
Per quanto mi riguarda, tendo a reagire mentalmente male dopo le occasioni perse, ma nel giro di un paio di games dimentico tutto e riprendo a giocare come se niente fosse.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9221
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 55
Località : sanremo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da spalama il Mar 13 Giu 2017, 20:12

Il trucco è quello di pensare solo a vincere il punto successivo.
Punto punto.
avatar
spalama

Messaggi : 711
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 49
Località : ROMA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da Doc68 il Mar 13 Giu 2017, 22:03

spalama ha scritto:Il trucco è quello di pensare solo a vincere il punto successivo.
Punto punto.
Facile a dirsi un poco meno a farlo...
avatar
Doc68

Messaggi : 1265
Data d'iscrizione : 23.10.13
Località : Profondo Sud

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il tennis: dal paradiso all'inferno per poi tornare in paradiso

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum