Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 11 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 10 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

correnelvento

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Wimbledon 2018
Da Eiffel59 Oggi alle 09:28

» Genitori di tennisti
Da lob4thewin Oggi alle 08:59

» è iniziata la d/4d/3 ecc. parliamone per chi la gioca
Da muster Ieri alle 22:51

» Le chicche di wetton...
Da wetton76 Ieri alle 21:26

» Djkovic è al capolinea ?
Da Attila17 Ieri alle 21:17

» Artech Artengo CUSTOM recensione
Da Tempesta Ieri alle 21:04

» Ultra si Ultra no
Da Raffus Ieri alle 20:16

» Basse tensioni e vibrazioni racchetta
Da doppiofallo Ieri alle 16:35

» Prince Woodie
Da jimmyita Sab 14 Lug 2018, 18:07

» La situazione dei fantastici 3.
Da ace59 Sab 14 Lug 2018, 15:01

» Ciao a tutti sono Raffus!
Da ace59 Sab 14 Lug 2018, 14:58

» Fabione65 Vs Simba 5 Giugno a Vicenza
Da Riki66 Sab 14 Lug 2018, 13:34

» Partitella di rientro post infortunio
Da Matteo1970 Sab 14 Lug 2018, 09:40

» Giovani italiani fanno ben sperare ( lontani dalla federazione) crescono Musetti e Nardi
Da Tempesta Sab 14 Lug 2018, 01:19

» Polystar energy
Da gilgamesh Ven 13 Lug 2018, 10:43

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
chat

Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Chiros il Mar 22 Ago 2017, 09:48

Non sto vedendo molto tennis ma mi pare di capire che Federer ultimamente stia usando nuovamente molto il back. Nonostante il "racchettone" da 97.
Persa la forma fisica, perso il super rovescio in top.
Della serie, la nuova racchetta non gli ha regalato niente o quasi.
Un po' come succede a noi Very Happy

Anzi mi sembra abbia un dritto meno letale.
avatar
Chiros

Messaggi : 3913
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 43
Località : Mai una stabile.

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Chiros il Mar 22 Ago 2017, 09:52

correnelvento ha scritto:
correnelvento ha scritto:CASUALMENTE, Dimitrov, che non aveva mai vinto nulla di importante usando un piatto 97...

Passando al 93, si è aggiudicato il primo master 1000 della carriera.

Anche questo, è un fatto inconfutabile.

Nessun commento, per questo down-grade?

Molti commenti su come Federer sia migliorato, passando ad un piatto più ampio...

Ma nessuno che parli del fatto che Dimitrov sia (nettamente) migliorato "scendendo" ad un piatto 93... fiufiu

Ripeto, io vedo solo qualche punto e nulla in più.

Anche nel caso di Dimitrov mi sembra soprattutto un miglioramento fisico.
O no?


avatar
Chiros

Messaggi : 3913
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 43
Località : Mai una stabile.

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da correnelvento il Mar 22 Ago 2017, 09:53

Wacos ha scritto:
correnelvento ha scritto:
correnelvento ha scritto:CASUALMENTE, Dimitrov, che non aveva mai vinto nulla di importante usando un piatto 97...

Passando al 93, si è aggiudicato il primo master 1000 della carriera.

Anche questo, è un fatto inconfutabile.

Nessun commento, per questo down-grade?

Molti commenti su come Federer sia migliorato, passando ad un piatto più ampio...

Ma nessuno che parli del fatto che Dimitrov sia (nettamente) migliorato "scendendo" ad un piatto 93... fiufiu

Per un rovescio monomane qualsiasi piatto sopra i 95 è solo un ostacolo nell'esecuzione del rovescio, ci credo che si trova più a suo agio con un 93 che un 97.




Mah...
Tutto è soggettivo Wacos.
Gasquet, Youzny, Suarez-Navarro, Carlos Costa, Montanes, Schiavone....
tutti rovesci monomano eccezionali giocano con piatto 100... Anzi: la Navarro 102...
avatar
correnelvento

Messaggi : 13475
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (rassegnato alla Ciociaria)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 10:18

Insomma, ho scoperto che giocare con una sweet area grande come un francobollo è la soluzione di ogni problema...che nel tour ci sono psicopatici che giocano il rovescio con dei tegami da paella anziché un mestolo e che i piatti piccoli in realtà sono grandi. Geometria degli ovali, punti di risonanza e materiali: chi se ne frega!
Ovviamente su come lavorino le corde è un fatto assolutamente irrilevante...
Boh????!!!!! Il pseudo-revisionismo ad oltranza è una forma di khomeinismo tennistico che non condivido.

P.S. Pensare che contro il muro uso una Kramer in VS giallo...


Ultima modifica di Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 10:22, modificato 1 volta

Kingkongy

Messaggi : 724
Data d'iscrizione : 07.02.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Ospite il Mar 22 Ago 2017, 10:22

Io uso ancora la mia Dunlop Maxply Fort... e la gente resta a bocca aperta...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da felixx il Mar 22 Ago 2017, 10:23

raga se ve sente Agassi ve scomunica...

felixx

Messaggi : 2071
Data d'iscrizione : 30.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da felixx il Mar 22 Ago 2017, 10:24

Andre... io non li conosco fiufiu

felixx

Messaggi : 2071
Data d'iscrizione : 30.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 10:24

...hihihihihi !

Kingkongy

Messaggi : 724
Data d'iscrizione : 07.02.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da correnelvento il Mar 22 Ago 2017, 10:28

Kingkongy ha scritto:

Boh????!!!!! Il pseudo-revisionismo ad oltranza è una forma di khomeinismo tennistico che non condivido.

 

Dai Enrico: non estremizzare tu (Khomeinisticamente) i concetti.

Non si sta parlando di piatti da 80 pollici, o addirittura inferiori: ma da 93 fino a 100.

Quello che sostengo io è che i piatti più contenuti (tipo 93) stanno sparendo perchè le nuove leve tennistiche DEVONO giocare con piatti più ampi, visto che i mid sono troppo pesanti per usarli da ragazzi...

Ovvviamente, una volta abituati al piatto grande, non possono tornare indietro.

Ma io penso che un piatto 93-95, in un giocatore forte fisicamente e tecnicamente, dia più vantaggi che svantaggi.
avatar
correnelvento

Messaggi : 13475
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (rassegnato alla Ciociaria)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 10:42

Giova, tu sai che a me piace giocare con le parole...

Ero convinto anche io che il 95" fosse il compromesso ideale e che i vari mold Pk in giro per il mondo (vedi PT e gli H di Wilson) fossero i totem dell'ingegneria tennistica.
Poi, però, parli con Marietto, Gabriele e Raffaello e quando cominciano a parlarti di "far lavorare le corde" (che son loro a spingere la palla!!!) allora la prospettiva cambia.
Io sono un po' in mezzo al guado, ma ho già un piede verso la riva "avversa".
Quando vedo mio figlio che gioca e stramazza 10 minuti con la mia Zebra (in ibrido con Pacific Bull) a 367 punti di SW rido... Però lo dice anche lui che fa un suono pazzesco. Capirai...Burn + Revolve...
E' anche vero che mio nonno è sopravvissuto senza cefalosporine e senza Aulin...
Very Happy

Kingkongy

Messaggi : 724
Data d'iscrizione : 07.02.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da felixx il Mar 22 Ago 2017, 10:44

però forse Connors è arrivato in semi a 39 anni allo us open aiutato dal passaggio ad un piatto grande...

felixx

Messaggi : 2071
Data d'iscrizione : 30.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da correnelvento il Mar 22 Ago 2017, 11:06

felixx ha scritto:però forse Connors è arrivato in semi a 39 anni allo us open aiutato dal passaggio ad un piatto grande...

E chi ti dice non ci sarebbe arrivato con la T-2000? (allo stesso modo in cui NESSUNO può sapere se Federer abbia vinto per la racchetta nuova, o per la lunga pausa rigenerante di mesi che fece prima di tornare a giocare).

Voglio ricordarti che Jimbo, prima di giocare con Estusa (con cui arrivò ai quarti allo US Open), giocò con la Pro staff 85, abbandonata nel mezzo di un torneo per rigiocare con la T 2000, poi fece la stessa cosa con la Panther Pro ceramic.

Se avesse tutti questi vantaggi da un piatto grande, perchè le scartò per rigiocare con la T-2000?
avatar
correnelvento

Messaggi : 13475
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (rassegnato alla Ciociaria)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da correnelvento il Mar 22 Ago 2017, 11:12

Qui NESSUNO sta dicendo che un giocatore ANZIANO, magari appesantito e con le ginocchia di cristallo (tipo te, Felix ) , non abbia giovamento nell'usare una racchetta più grande: E' OVVIO!

Io sto ponendo il problema se un atleta, NEL PIENO DELLE SUE FORZE, DELLA SUA TECNICA E DEL SUO ATLETISMO, renda di più con un piatto 93-95, piuttosto che con un 100...
avatar
correnelvento

Messaggi : 13475
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (rassegnato alla Ciociaria)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da felixx il Mar 22 Ago 2017, 11:23

correnelvento ha scritto:Qui NESSUNO sta dicendo che un giocatore ANZIANO, magari appesantito e con le ginocchia di cristallo (tipo te, Felix ) , non abbia giovamento nell'usare una racchetta più grande: E' OVVIO!

Io sto ponendo il problema se un atleta, NEL PIENO DELLE SUE FORZE, DELLA SUA TECNICA E DEL SUO ATLETISMO, renda di più con un piatto 93-95, piuttosto che con un 100...

sciocco

ps: Connors arrivò in semi nel 1991

felixx

Messaggi : 2071
Data d'iscrizione : 30.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da correnelvento il Mar 22 Ago 2017, 11:29

felixx ha scritto:
correnelvento ha scritto:Qui NESSUNO sta dicendo che un giocatore ANZIANO, magari appesantito e con le ginocchia di cristallo (tipo te, Felix ) , non abbia giovamento nell'usare una racchetta più grande: E' OVVIO!

Io sto ponendo il problema se un atleta, NEL PIENO DELLE SUE FORZE, DELLA SUA TECNICA E DEL SUO ATLETISMO, renda di più con un piatto 93-95, piuttosto che con un 100...

sciocco perchè: ho scritto il falso?

ps: Connors arrivò in semi nel 1991 Vero: vinse ai quarti con Haarius... ma la sostanza non cambia un cazzo!  
avatar
correnelvento

Messaggi : 13475
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : Ligure DOC (rassegnato alla Ciociaria)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Iron il Mar 22 Ago 2017, 12:38

correnelvento ha scritto:CASUALMENTE, Dimitrov, che non aveva mai vinto nulla di importante usando un piatto 97...

Passando al 93, si è aggiudicato il primo master 1000 della carriera.

Anche questo, è un fatto inconfutabile.
É anche vero che mancavano sette top ten, non credo sia mai successo in precedenza inun master 1000
avatar
Iron

Messaggi : 119
Data d'iscrizione : 29.06.13
Località : Spagna

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 13:11

...erano tutti da Decathlon a comprare i fondi di magazzino (telai da 85")... Very Happy

Kingkongy

Messaggi : 724
Data d'iscrizione : 07.02.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Wacos il Mar 22 Ago 2017, 13:29

Ho appena finito di leggere il libro del padre di agassi.
C'è un punto in cui egli si chiedeva come mai il servizio di Pete, e non solo, fosse così incisivo e cosa si potesse fare migliorare quello di Andrè.

Mike agassi (il padre) intuì che un piatto MID fende l'aria molto meglio dei padelloni e lo propose al suo allenatore, che però rifiutò per paura di destabilizzare ulteriormente Andrè che già non se la stava passando benissimo.





avatar
Wacos

Messaggi : 1117
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 40
Località : Mira

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Ospite il Mar 22 Ago 2017, 13:32

Wacos ha scritto:Ho appena finito di leggere il libro del padre di agassi.
C'è un punto in cui egli si chiedeva come mai il servizio di Pete, e non solo, fosse così incisivo e cosa si potesse fare migliorare quello di Andrè.

Mike agassi (il padre) intuì che un piatto MID fende l'aria molto meglio dei padelloni e lo propose al suo allenatore, che però rifiutò per paura di destabilizzare ulteriormente Andrè che già non se la stava passando benissimo.


Ecchestamoadì!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Suspect

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Wacos il Mar 22 Ago 2017, 13:38

Kingkongy ha scritto:Insomma, ho scoperto che giocare con una sweet area grande come un francobollo è la soluzione di ogni problema...che nel tour ci sono psicopatici che giocano il rovescio con dei tegami da paella anziché un mestolo e che i piatti piccoli in realtà sono grandi. Geometria degli ovali, punti di risonanza e materiali: chi se ne frega!
Ovviamente su come lavorino le corde è un fatto assolutamente irrilevante...
Boh????!!!!! Il pseudo-revisionismo ad oltranza è una forma di khomeinismo tennistico che non condivido.

P.S. Pensare che contro il muro uso una Kramer in VS giallo...

Dai king, La sweetzone piccola ce l'hanno anche moltissimi midplus 100 eh, non è prerogativa della dimensione del piatto.
Per quanto riguarda il rovescio una mano se dimitrov, haass, wawrinka sono ancora nella zona 93-95 ... vuol dire che funziona
ancora e che non è una questione "superata".

Non è nemmeno il massimo sottointendere che più grande è il piatto e maggiori sono i vantaggi, se no giocherebbero tutti con un 135.

P.s. Agassi nel suo libro specifica che lui non avrebbe voluto giocare con l' oversize perchè diceva che aveva zero precisione. Lo fece per recuperare potenza ma era ben conscio della perdita sul piano del controllo.
avatar
Wacos

Messaggi : 1117
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 40
Località : Mira

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Kingkongy il Mar 22 Ago 2017, 13:44

Wacos... tutti andranno verso piatti corde più ampi...perché i vantaggi superano i "contro". Per compensare, i materiali giocheranno la loro parte. Le corde comandano il gioco.

p.s. comunque con buon senso hehehehhehe

Kingkongy

Messaggi : 724
Data d'iscrizione : 07.02.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Ospite il Mar 22 Ago 2017, 14:20

Wacos ha scritto:
Kingkongy ha scritto:Insomma, ho scoperto che giocare con una sweet area grande come un francobollo è la soluzione di ogni problema...che nel tour ci sono psicopatici che giocano il rovescio con dei tegami da paella anziché un mestolo e che i piatti piccoli in realtà sono grandi. Geometria degli ovali, punti di risonanza e materiali: chi se ne frega!
Ovviamente su come lavorino le corde è un fatto assolutamente irrilevante...
Boh????!!!!! Il pseudo-revisionismo ad oltranza è una forma di khomeinismo tennistico che non condivido.

P.S. Pensare che contro il muro uso una Kramer in VS giallo...

Dai king, La sweetzone piccola ce l'hanno anche moltissimi midplus 100 eh, non è prerogativa della dimensione del piatto.
Per quanto riguarda il rovescio una mano se dimitrov, haass, wawrinka sono ancora nella zona 93-95 ... vuol dire che funziona ancora e che non è una questione "superata".

Non è nemmeno il massimo sottointendere che più grande è il piatto e maggiori sono i vantaggi, se no giocherebbero tutti con un 135.

P.s. Agassi nel suo libro specifica che lui non avrebbe voluto giocare con l' oversize perchè diceva che aveva zero precisione. Lo fece per recuperare potenza ma era ben conscio della perdita sul piano del controllo.

E molti preferiscono il piatto "ovale" o isometrico perchè più aerodinamico (vedi Head, Prince, etc)

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Wacos il Mar 22 Ago 2017, 14:23

Kingkongy ha scritto:Wacos... tutti andranno verso piatti corde più ampi...perché i vantaggi superano i "contro". Per compensare, i materiali giocheranno la loro parte. Le corde comandano il gioco.

p.s. comunque con buon senso hehehehhehe

Beh le corde sono rimaste le stesse da un bel pò di anni: alla fine sempre budello ,luxilon alu power o 4g,lisce o rough, o entrambi.
Unica vera novità le decantate meraviglie sulle nuove giapponesi, rut'zo, chissà.

Intanto la Wilson in mezzo ai suoi 10 mila modelli nuovi che quasi nessun pro usa... ha riesumato la mitica 6.1 18x20.

Se dovessi scegliere, come meraviglia tecnologica del futuro, tra un oversize che controlla come una 95 e una 95 che spinge come un over, sceglierei senza dubbio la seconda.
avatar
Wacos

Messaggi : 1117
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 40
Località : Mira

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Ospite il Mar 22 Ago 2017, 15:01

Wacos ha scritto: Se dovessi scegliere, come meraviglia tecnologica del futuro, tra un oversize che controlla come una 95 e una 95 che spinge come un over, sceglierei senza dubbio la seconda.

Anche io...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da felixx il Mar 22 Ago 2017, 16:48

Kingkongy ha scritto:Wacos... tutti andranno verso piatti corde più ampi...perché i vantaggi superano i "contro". Per compensare, i materiali giocheranno la loro parte. Le corde comandano il gioco.

p.s. comunque con buon senso hehehehhehe

anche secondo me questa è la tendenza...

per le donne è già così... quasi tutte giocano con il 100

felixx

Messaggi : 2071
Data d'iscrizione : 30.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Piatti piccoli: uno spunto di riflessione.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum