Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 14 utenti in linea: 3 Registrati, 0 Nascosti e 11 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

muster, pasky76, st13

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Wimbledon 2018
Da Eiffel59 Oggi alle 09:28

» Genitori di tennisti
Da lob4thewin Oggi alle 08:59

» è iniziata la d/4d/3 ecc. parliamone per chi la gioca
Da muster Ieri alle 22:51

» Le chicche di wetton...
Da wetton76 Ieri alle 21:26

» Djkovic è al capolinea ?
Da Attila17 Ieri alle 21:17

» Artech Artengo CUSTOM recensione
Da Tempesta Ieri alle 21:04

» Ultra si Ultra no
Da Raffus Ieri alle 20:16

» Basse tensioni e vibrazioni racchetta
Da doppiofallo Ieri alle 16:35

» Prince Woodie
Da jimmyita Sab 14 Lug 2018, 18:07

» La situazione dei fantastici 3.
Da ace59 Sab 14 Lug 2018, 15:01

» Ciao a tutti sono Raffus!
Da ace59 Sab 14 Lug 2018, 14:58

» Fabione65 Vs Simba 5 Giugno a Vicenza
Da Riki66 Sab 14 Lug 2018, 13:34

» Partitella di rientro post infortunio
Da Matteo1970 Sab 14 Lug 2018, 09:40

» Giovani italiani fanno ben sperare ( lontani dalla federazione) crescono Musetti e Nardi
Da Tempesta Sab 14 Lug 2018, 01:19

» Polystar energy
Da gilgamesh Ven 13 Lug 2018, 10:43

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
chat

Occhio... al Tennis!

Andare in basso

Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Dom 27 Ago 2017, 10:27

Il tennis è un gioco ad elevato contenuto tecnico che richiede una elevata coordinazione per la perfetta esecuzione dei movimenti. Il tennis richiede gesti veloci e precisi, si basa molto sulla capacità di accelerazione e decelerazione.
Per sviluppare al meglio queste capacità atletiche è necessario che il tennista sviluppi e migliori la propria consapevolezza corporea, la stabilità dei propri movimenti, la coordinazione occhio mano.

Ad un giocatore di tennis sono richieste molteplici abilità visive che usa senza esserne cosciente.

Quanti di voi hanno problemi visivi non solo al sole o con le luci in notturna?...

To be continued...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Tempesta il Dom 27 Ago 2017, 17:03

Eh....io mi sono accorto che al calar del sole,quando poi fa buio non riesco a vedere bene per una mezz'ora buona con le luci artificiali.
Sembra quasi che abbia difficoltà a mettere a fuoco bene con differenti tipologie di luce come se gli occhi non riuscissero velocemente ad adattarsi a condizioni di luce che variano.
avatar
Tempesta

Messaggi : 1271
Data d'iscrizione : 19.12.14
Età : 47
Località : Prato

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Tempesta il Dom 27 Ago 2017, 17:04

Nb...tra l'altro le illuminazioni dei campi tennis sarebbe un argomento da affrontare.
Tra un circolo a norma di lux minimi X attività agonistica ed un circolo normale ce ne corre di differenza......
avatar
Tempesta

Messaggi : 1271
Data d'iscrizione : 19.12.14
Età : 47
Località : Prato

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da muster il Dom 27 Ago 2017, 18:19

io in inverno con luci artificiali o quando cala la luce non vedo niente ,ormai devo usare le lenti a contatto .
avatar
muster

Messaggi : 769
Data d'iscrizione : 17.01.11
Località : bergamasco adottivo ma nato in brianza

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Ago 2017, 10:12

muster ha scritto:io in inverno  con luci artificiali o quando cala la luce non vedo niente ,ormai devo usare le lenti a contatto .
I problemi essenzialmente sono due:
il primo è legato alla "rifrazione" della luce con impatto sulla lente (occhiale) che non è trattata per l'anti riflesso quindi si viene penalizzati come quando si gioca con il sole.
il secondo è legato al fatto che al crepuscolo, ossia con la diminuzione della luce, si ha una iniziale midriasi fisiologica, il diaframma pupillare di apre di più producendo un maggiore abbagliamento ed una riduzione della sensibilità al contrasto.
Ecco perchè chi è stato sottoposto a chirurgia refrattiva o usa lenti a contatto, non avverte o avverte in maniera ridotta l'abbagliamento.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da fabione65 il Lun 28 Ago 2017, 10:16

Doc68 ha scritto:
muster ha scritto:io in inverno  con luci artificiali o quando cala la luce non vedo niente ,ormai devo usare le lenti a contatto .
I problemi essenzialmente sono due:
il primo è legato alla "rifrazione" della luce con impatto sulla lente (occhiale) che non è trattata per l'anti riflesso quindi si viene penalizzati come quando si gioca con il sole.
il secondo è legato al fatto che al crepuscolo, ossia con la diminuzione della luce, si ha una iniziale midriasi fisiologica, il diaframma pupillare di apre di più producendo un maggiore abbagliamento ed una riduzione della sensibilità al contrasto.
Ecco perchè chi è stato sottoposto a chirurgia refrattiva o usa lenti a contatto, non avverte o avverte in maniera ridotta l'abbagliamento.
Doc.....parli come un'oculista!!!!!!!
Bravo!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy
Fabio.
avatar
fabione65

Messaggi : 853
Data d'iscrizione : 15.02.17
Località : Vicenza

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Ago 2017, 10:21

fabione65 ha scritto:
Doc68 ha scritto:
muster ha scritto:io in inverno  con luci artificiali o quando cala la luce non vedo niente ,ormai devo usare le lenti a contatto .
I problemi essenzialmente sono due:
il primo è legato alla "rifrazione" della luce con impatto sulla lente (occhiale) che non è trattata per l'anti riflesso quindi si viene penalizzati come quando si gioca con il sole.
il secondo è legato al fatto che al crepuscolo, ossia con la diminuzione della luce, si ha una iniziale midriasi fisiologica, il diaframma pupillare di apre di più producendo un maggiore abbagliamento ed una riduzione della sensibilità al contrasto.
Ecco perchè chi è stato sottoposto a chirurgia refrattiva o usa lenti a contatto, non avverte o avverte in maniera ridotta l'abbagliamento.
Doc.....parli come un'oculista!!!!!!!
Bravo!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy
Fabio.
Ma cosa vai a dire! Io sono solo un Oftalmologo... Very Happy


Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Ago 2017, 10:23

Qualcuno di voi sa cos'è la visione periferica o un Campo Visivo? E l'attinenza col tennis?

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da gabr179 il Lun 28 Ago 2017, 12:23

La visione periferica nel tennis dovrebbe essere quella capacità di tenere sotto controllo l'avversario mentre si sta per colpire la palla o ci si sta avvicinando ad essa, senza perderla di vista. E' una cosa che non credo di saper fare, forse viene istintivamente e non me ne accorgo.
avatar
gabr179

Messaggi : 502
Data d'iscrizione : 06.06.17
Località : Tra Como e la Brianza

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Ago 2017, 14:37

gabr179 ha scritto:La visione periferica nel tennis dovrebbe essere quella capacità di tenere sotto controllo l'avversario mentre si sta per colpire la palla o ci si sta avvicinando ad essa, senza perderla di vista. E' una cosa che non credo di saper fare, forse viene istintivamente e non me ne accorgo.
appunto

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Ago 2017, 21:54

La Visione Periferica la utilizziamo tutti per muoverci negli spazi. Senza di questa, avremmo difficoltà a passare attraverso una porta: è quell'insieme di dati che ci fanno capire dove siamo e cosa abbiamo di lato.
Una Visione Periferica molto ampia ci permetterebbe di fissare la palla ma percependo il campo su cui ci muoviamo e l’avversario in modo molto più netto e cosciente.
Parliamo quindi:
- di Acuità Visiva Dinamica che ci permette di rilevare soggetti o oggetti in movimento con l’osservatore anch'esso in movimento;
- di Percezione della Profondità, una delle doti più importanti per discriminare dove va la palla e a che distanza devo arrivare per colpirla nel modo corretto;
- di Localizzazione Spaziale di fondamentale importanza per localizzare la palla nello spazio;

to be continued...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Ospite il Gio 31 Ago 2017, 22:16

DISTURBI DELLA PERFORMANCE VISIVA IN SEGUITO AD ATTIVITÀ FISICA
(Tratto da: “L’occhio e lo Sport: la funzione Visiva nell’attività sportiva” di A. Manganotti, I. Sfragara, 1997)
– La fatica diminuisce l’acuità visiva (fondamentale in molte attività sportive – tiro a segno, sport motoristici e aerei, TENNIS – la cui pratica, senza un normale grado di acuità, non potrebbe essere immaginata ) e la sensibilità del campo visivo, e può compromettere la visione binoculare.
– Le vibrazioni sonore (sport meccanici o al chiuso) alterano il senso cromatico e la percezione del rilievo e della profondità. Per contro, se l’impegno visivo è particolarmente importante, la percezione uditiva risulta diminuita.
– Le accelerazioni: i disturbi oculari provocati dall’accelerazione sono noti fin dagli esordi dell’aviazione. I suoi effetti dipendono da numerosi fattori (intensità, durata, rapidità d’insorgenza e senso di applicazione).
Nelle accelerazioni nel senso piedi-testa possiamo avere un offuscamento diffuso del campo visivo, il classico “velo grigio”, accompagnato da senso di pesantezza delle palpebre e difficoltà a muovere i bulbi; esso è seguito poi da un velo nero, premonitore di una imminente perdita di coscienza, legata a disturbi di origine circolatoria. Nelle accelerazioni negative nel senso testa-piede si possono verificare: scompenso delle eteroforie, emorragie congiuntivali e retiniche con cefalee violente, che precedono uno stato di confusione mentale e incoordinazione motoria.
– L’altitudine: L’apparato visivo risente della depressione barometrica: intorno ai 9000 metri può comparire l’obnubilazione visiva, sotto forma di annebbiamento accompagnato da fosfeni (sensazione di luci o lampi) periferici.
– L’ipossia disturba l’accomodazione, diminuisce il visus per lontano, può variare il senso cromatico;
a circa 3200 m c’è una perdita visiva del 25%, a 4900 m del 40%. Se avviene un adattamento progressivo le modificazioni si minimizzano.
– Le variazioni di illuminazione provocano vari disturbi: ad esempio, con l’abbagliamento si ha comparsa temporanea di uno scotoma positivo (cioè una macchia scura) e la perdita del senso cromatico; la durata dell’alterazione della performance visiva sembra aumentare in conseguenza della fatica, del fattore età, della esistenza di malattie croniche e, nella donna, nel periodo premestruale.
Infine se l’abbagliamento è disuguale, si verifica un disturbo della visione binoculare con alterazione della percezione del rilievo e della profondità.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Occhio... al Tennis!

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum