Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 15 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 14 Ospiti

Attila17

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» E se....volessi provare una racchetta nuova????Casting per la nuova arma possibile
Da Attila17 Oggi alle 14:27

» mi ero dimenticato di dirvi
Da Attila17 Oggi alle 12:24

» A volte...purtroppo
Da Matador66 Ieri alle 21:45

» Djkovic è al capolinea ?
Da Incompetennis Ieri alle 20:33

» Tennis Agenda
Da andreaaschei Ieri alle 15:15

» Reunion BOLOGNESE 10 marzo 2018
Da max1970 Ieri alle 13:10

» Lievi alterazioni della ripolarizzazione in fase di recupero
Da gabr179 Ieri alle 00:50

» E'solo un clone?
Da Simba Mer 23 Mag 2018, 12:57

» Scienza e religione
Da max1970 Mar 22 Mag 2018, 18:45

» Non vi pare un controsenso?
Da Simba Mar 22 Mag 2018, 16:37

» mountain bike (leggera) e tennis
Da st13 Mar 22 Mag 2018, 13:56

» Prince fan club
Da st13 Mar 22 Mag 2018, 10:28

» Fabione/ace VS Simba/Riki
Da st13 Mar 22 Mag 2018, 09:56

» preparazione invernale (scheda)
Da gabr179 Lun 21 Mag 2018, 20:51

» 23 studi pubblicati: risultati. Regime low carb vs low fat
Da correnelvento Lun 21 Mag 2018, 16:51

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
chat

Lo sport e l'imprevedibilità

Andare in basso

Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da Incompetennis il Dom 20 Ott 2013, 21:20

Ho finito di vedere la Juve perdere contro la Fiorentina prendendo 4 reti in 15 minuti. La Juventus è la squadra che ha dominato gli ultimi 2 campionati, a detta degli esperti è ancora la più forte e a metà 2° tempo vinceva per 2 a 0 la sopracitata partita. Cos'é successo ? Come si spiega tecnicamente quanto accaduto? Il più forte che vince (tranquillamente) crolla e soccombe senza scuse.
Domani i critici useranno fiumi di parole per farci capire cosa è accaduto trascurando una sola cosa: l'imprevedibilità dello sport.
E qui entra in gioco il tennis. Quante volte in questo forum leggo di partite chiuse improvvisamente riesumate. Da ovetti a frittatine, da sorrisi di soddisfazione a racchette fracassate, passando per nastri che ci odiano e righe prezzolate.
Certo la frase "Lo sport è bello per questo" la sento dire solo da chi vince mentre normalmente la parte soccombente normalmente se ne esce con "ho regalato la partita".
Forse tra tutti gli sport il tennis è quello più "traditore". Una caz.... di riga, un doppio fallo, una rubacchiata dell'avversario, un avversario che da 37 partite batti e proprio in quella più importante tira fuori la partita della vita ... ecco quante cose ci possono far andare fuori di testa e la partita vinta svanisce.
Il bello è che noi ce ne accorgiamo ma non riusciamo a far nulla. Cerchiamo di star calmi ma pensiamo sempre " Caz...una partita già vinta" ed in quel momento la stiamo perdendo.
Credo che ognuno di noi abbia avuto a che fare con un'esperienza del genere sia nel bene che nel male.
Insomma il punto è che nello sport e nel tennis, come dice il buon Trap, "Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco" . Perdere una partita già vinta (o viceversa) non ha spiegazioni particolari o forse ha mille spiegazioni tutte valide;
Amo il tennis perché non so mai se ho vinto o ho perso finché non avrò vinto o perso, non un quindici prima e non un quindici dopo !


avatar
Incompetennis

Messaggi : 2087
Data d'iscrizione : 26.04.13
Località : ETNA

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da johnnyyo il Lun 21 Ott 2013, 00:26

Secondo me il tennis e il calcio in questo sono molto diversi.
Ho visto la Juve oggi ed è successo qualcosa che alla fine, nella sua eccezionalità, è comunque un classico: partita chiusa, quasi strachiusa con occasioni per il 3 a 0 e poi un mare di leggerezze imperdonabili che sono state pagate a caro prezzo.
Il calcio è così, con un po' di fortuna può succedere che il Barcellona pareggi per 0-0 contro l'Osasuna (successo ieri), mentre il tennis è più veritiero nell'esito.
Di solito chi è più forte vince. E con FORTE intento tutto, non solo la tecnica. Ma anche il fisico, la testa, la lettura del match, etc...
Poi ci sono alcune (poche) partite dove l'equilibrio è tale per cui una riga può fare la differenza, ma credo che il calcio si presti di più ad esiti imprevedibili (come dice il post) Smile

Ho espresso il mio parere perché sono i due sport che ho fatto a livello agonistico: a calcio abbiamo battuto molte squadre superiori a noi. A tennis è capitato raramente, forse 3 volte Smile
avatar
johnnyyo

Messaggi : 894
Data d'iscrizione : 15.01.12
Età : 37

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da Incompetennis il Lun 21 Ott 2013, 10:04

Sono d'accordo. Il tennis è più scontato del calcio o della pallavolo, per dire un altro sport . Però fortunatamente il 100% non esiste e specialmente nel calcio le statistiche son piene di sorpresone. Quello che intendo dire è che tra atleti o squadre dello stesso (o quasi) livello di appartenenza la partita già chiusa può girare improvvisamente . Ovviamente nel calcio se vinci 4 a 0 a 3 min. dalla fine puoi anche spegnere la tv mentre nel tennis la rimonta (sulla carta) è sempre possibile.
avatar
Incompetennis

Messaggi : 2087
Data d'iscrizione : 26.04.13
Località : ETNA

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da oedem il Lun 21 Ott 2013, 10:09

a tennis vince sempre il più forte durante la partita.

questo perché nel tennis bisogna fare sempre i conti con cosa si ha "a disposizione" in quel momento per cui non vince sempre il più forte in assoluto ma in quel preciso istante (altrimenti non si spiegherebbero alcune sconfitte dei top player)
avatar
oedem

Messaggi : 6058
Data d'iscrizione : 01.12.09

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da miguel il Lun 21 Ott 2013, 10:30

quoto amedeo, nel tennis solitamente chi gioca meglio durante la partita vince. l'influenza degli episodi é sicuramente inferiore a quanto succede nel calcio. sicuramente anche nel tennis a volte puo' succedere qualcosa che capovolge l'esito di un incontro (ad es. vinco il primo perdo il secondo al tiebreak per una palla fortunosa e sciolgo completamente nel terzo) pero' non succede frequentemente. altra cosa che differenzia profondamente il tennis dagli sport a tempo é che non si puo' gestire il vantaggio. devi farti i tuoi punti sino all'ultimo anche in una partita dove stai dominando.
avatar
miguel

Messaggi : 5140
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 51
Località : torino

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da johnnyyo il Lun 21 Ott 2013, 10:36

miguel ha scritto:altra cosa che differenzia profondamente il tennis dagli sport a tempo é che non si puo' gestire il vantaggio. devi farti i tuoi punti sino all'ultimo anche in una partita dove stai dominando.
Ehgggìàààà... differenza IMMANE rispetto calcio, basket, rugby, etc...
Anche una delle poche cose che lo differenzia dal pugilato, a cui spesso il tennis è (giustamente) accostato.

Quante volte si fa fatica a chiudere una partita apparentemente già in tasca.... lol! 
avatar
johnnyyo

Messaggi : 894
Data d'iscrizione : 15.01.12
Età : 37

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da Incompetennis il Lun 21 Ott 2013, 11:52



Quante volte si fa fatica a chiudere una partita apparentemente già in tasca.... lol! [/quote]
E quante volte quella partita non la chiudi proprio ?

Panatta b.Warwick 3-6,6-4,7-6(8-6). 25 maggio 1976 Internazionali d'Italia

Panatta miracolato

Rimonta Warwick da 1-5 nel terzo set

gli annulla 10 matchpoints su 11 sul suo servizio.
avatar
Incompetennis

Messaggi : 2087
Data d'iscrizione : 26.04.13
Località : ETNA

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da marco61 il Lun 21 Ott 2013, 13:08

Uno sport individuale è sempre più "sincero" nei risultati rispetto ad uno sport di squadra. E' anche vero però che se quel giorno il giocatore più forte, per qualunque motivo, esce dal match, al giocatore non troppo più debole vengono concesse delle chances.
Ma non deve esserci troppa differenza, mentre nel calcio, sul singolo risultato, può succedere di tutto.
Ricorderò sempre un Catanzaro-Juventus 1-0 con goal di Mammì che dalla gioa si è messo a correre attorno al campo e non si è ancora fermato adesso:


_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller



"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
avatar
marco61
Admin

Messaggi : 9813
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 56
Località : sanremo

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da squalo714 il Lun 21 Ott 2013, 15:57

D'accordo anch'io, sostanzialmente nel calcio puo' anche vincere la squadra piu' scarsa, una partita e' fatta anche di episodi..nel tennis puo' succedere che nei momenti clou, vedi set point o anche match point un colpo fortunato faccia girare la partita, ma se la partita e' equilibrata evidentemente i giocatori si equivalgono.
Anche se un giocatore sulla carta meno forte vince la partita per demerito dell'avversario vuol dire che per un qualsiasi motivo si e' cercato la sconfitta, anche se ha perso per colpa della testa .
Quanti giocatori bellissimi tecnicamente si vedono perdere da altri molto piu' sgraziati? Spesso e volentieri.
Mi fa venire in mente quello che ho visto in un torneo recente, un 4.2 completamente autodidatta, giocatore di tennis tavolo che impugnando la racchetta quasi al cuore ha fatto fuori un 4.1 e due 3.5 , un esempio lampante.
avatar
squalo714

Messaggi : 1671
Data d'iscrizione : 21.09.11
Località : trento

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da Maurizio il Mar 22 Ott 2013, 09:52

negli sport individuali l'imprevedibilità è individuale, il giorno che ti gira male, qualunque sia il motivo, fisico o mentale, perdi perché non ci sarà nessuno a salvarti.
in uno sport di squadra difficilmente la cattiva prestazione di uno soltanto pregiudica in modo irreversibile l'andamento della partita
e inoltre non tutti gli sport di squadra sono uguali: l'episodicità può essere determinante in una partita di calcio, difficile che lo sia nel basket
avatar
Maurizio

Messaggi : 1639
Data d'iscrizione : 18.01.11
Età : 57
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo sport e l'imprevedibilità

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum