Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 5 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Esperti di pure drive e vibrazioni
Da correnelvento Oggi alle 16:07

» Sto ancora ballando
Da Chiros Ieri alle 21:58

» CORONAVIRUS
Da muster Ieri alle 21:16

» Lorenzo Musetti
Da muster Ieri alle 21:09

» LA REUNION DI TT DI DOPPIO
Da Simba Dom 23 Feb 2020, 16:59

» Daniil Medvedev
Da scimi65 Sab 22 Feb 2020, 21:14

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da Tempesta Sab 22 Feb 2020, 17:12

» Rios (l'antipatico) santo subito
Da Riki66 Sab 22 Feb 2020, 07:25

» Jannik Sinner
Da squalo714 Gio 20 Feb 2020, 20:15

» Quando Roger smettera'?
Da squalo714 Gio 20 Feb 2020, 20:12

» st13 vs Fit
Da st13 Gio 20 Feb 2020, 09:25

» Guardate questo diritto
Da Tempesta Mer 19 Feb 2020, 19:51

» Voi come li chiamereste?
Da Tempesta Mer 19 Feb 2020, 19:48

» TENNIS E DOPING
Da correnelvento Mer 19 Feb 2020, 17:26

» Erba sintetica....
Da Chiros Mar 18 Feb 2020, 08:21

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     
chat

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da correnelvento il Mar 17 Ago 2010, 16:56

Cosa è lo sweet spot? A cosa si riferisce un giocatore quando ritiene di aver colpito la palla bene? La questione rischia di essere controversa, perché una racchetta ha più di uno sweet spot: ne ha sicuramente due, ma possiamo arrivare a contarne tre e non coincidono.

La traduzione letterale delle due parole inglesi è dolce luogo o impatto, o dolce luogo d’impatto. Quindi dovremmo chiederci quando un giocatore ha la sensazione di gioco di non avere ripercussioni o vibrazioni dovute all’impatto tra racchetta e pallina, o più in generale l’impressione di aver ben eseguito il colpo. Una racchetta da tennis, come una mazza da baseball o da cricket possiede almeno due luoghi di dolce impatto e se una pallina viene colpita in uno di questi due posti le forze che vengono trasmesse alla mano e al braccio sono sufficientemente piccole che il giocatore ha la sensazione che l’impatto sia stato privo di conseguenze. Se la pallina viene colpita lontano da questi luoghi lo stesso giocatore avrà delle sensazioni di impatto violento e poco efficace.


Il nodo vibratorio

Uno di questi posti è il nodo vibratorio che è dislocato più o meno al centro delle corde. Il nodo vibratorio (sarebbe meglio parlare dei nodi vibratori perché in realtà sono due) è il luogo di una racchetta dove la frequenza delle vibrazioni è intorno ai 100Hz in una racchetta relativamente flessibile, e, intorno ai 180Hz in una racchetta rigida. E’ il luogo dove si ha una minima sensazione di vibrazioni. L’altro nodo fondamentale si trova nel manico.
Il centro di percussione
L’altro luogo di dolce impatto (sweet spot) è il centro di percussione, che si trova sotto il nodo vibratorio e non coincide con esso come erroneamente si ritiene. Quando una pallina colpisce una racchetta questa tende a ruotare e a traslare trasmettendo alla mano che la impugna la sommatoria delle due forze di traslazione e rotazione. Il centro di percussione (COP) è il luogo dove le forze di traslazione e rotazione sono uguali e opposte e quindi si annullano. Questo luogo è da considerare un altro luogo di dolce impatto perchè le forze trasmesse alla mano sono pari a zero.


Il centro di massima restituzione

Ma le racchette hanno anche un altro centro che è il luogo dove la pallina riceve dalle corde la massima spinta. E’ il luogo dove si ha il miglior rimbalzo sul piatto corde. Questo luogo si trova ancora più in basso rispetto sia al nodo vibratorio che al centro di percussione. A mio giudizio può essere considerato anche questo come uno sweet spot dal punto di vista empirico, infatti il giocatore ha la sensazione che il colpo sia stato eseguito o colpito bene, perchè esce dalla racchetta con il massimo aiuto di spinta delle corde.
I tre punti non coincidono e non sono fissi.

Come evidenziato dalla figura i tre punti sono dislocati in luoghi diversi del piatto corde e non sono fissi per ogni tipo di racchetta, infatti la loro localizzazione precisa dipende dal tipo di racchetta e dalla distribuzione della massa lungo la struttura dell’attrezzo. Aggiungere peso a una racchetta significa abbassare o alzare la posizione di questi tre centri.
A quale sensazione di gioco si riferisce un giocatore quando parla di sweet spot? Non sente frequenze vibratorie fastidiose? Allora si tratterebbe del nodo vibratorio. Non sente ripercussioni all’impatto? Allora parlerebbe del centro di percussione. Ha la sensazione che la palla scorra via senza sforzo? In questo caso avrebbe in mente il centro di massima restituzione o miglior rimbalzo. La questione dal punto di vista empirico appare controversa. Due sono forse gli aspetti da prendere in considerazione: il primo è che l’allargamento dei piatti corde ha aumentato la spinta della cordatura aumentando l’effetto del best bounce all’impatto e incrementando la superficie d’attrito da utilizzare per imprimere rotazioni; la seconda riguarda l’avvento delle nanotecnologie, le quali consentendo di agire sulla materia a livello atomico e molecolare permettono di agire sul peso specifico dei materiali in fase di costruzione e quindi di perfezionare la distrubuzione dell masse di una racchetta, influendo sulla localizzazione dei suoi primi due centri. In linea generale si può affermare che il nodo vibratorio e il centro di percussione tendono a seguire la massa: se aggiungiamo peso in testa si sposteranno in alto.


Ho preso questo post da "le ali della farfalla"
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16776
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty Re: SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da patillo il Lun 23 Ago 2010, 11:37

...Mi permetto di sfruttare il post di Corre per chiedere info in merito alla varaiazione dello SS in relazione al tipo di corda utilizzata, nel senso.....come faccio a sapere se la corda che oggi ho deciso di testare va ad influire o meno sullo SS della mia racca?.....oppure dove posso trovare queste info?......grazie
patillo
patillo

Messaggi : 1297
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 47
Località : Besate - MI

Torna in alto Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty Re: SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da correnelvento il Lun 23 Ago 2010, 12:19

Qui vai oltre le mie conoscenze.

Chiediamo aiuto al MASTER! study
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16776
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty Re: SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da Ospite il Lun 23 Ago 2010, 12:42

Fra l'altro c'é un concetto che non ho mai ben capito e che mi ha sempre lasciato perplesso su questo argomento.
Leggendo qua e lá prove tecniche, esperienze ecc. ecc. si parla di grande SS con dati alla mano e misurazioni inconfutabili.
Poi peró spesso mi capita di prendere in mano la racchetta in questione e non trovare nella pratica quell'ampio SS dichiarato.
Mi son messo una mia idea in testa, che questo benedetto SS non é in realtá un dato poi cosí rilevante, ma il dato rilevante é "la porzione utile di impatto" ovvero quella zona che colpendo hai un risultato sufficientemente simile o paragonabile al centro della racchetta.
Che poi é quello che noi usuari dl tennis identifichiamo con SS, ma che é diverso da quello che i tecnici dei materiali e le misurazioni identificano.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty Re: SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da correnelvento il Mer 25 Ago 2010, 22:01

wik ha scritto:Fra l'altro c'é un concetto che non ho mai ben capito e che mi ha sempre lasciato perplesso su questo argomento.
Leggendo qua e lá prove tecniche, esperienze ecc. ecc. si parla di grande SS con dati alla mano e misurazioni inconfutabili.
Poi peró spesso mi capita di prendere in mano la racchetta in questione e non trovare nella pratica quell'ampio SS dichiarato.
Mi son messo una mia idea in testa, che questo benedetto SS non é in realtá un dato poi cosí rilevante, ma il dato rilevante é "la porzione utile di impatto" ovvero quella zona che colpendo hai un risultato sufficientemente simile o paragonabile al centro della racchetta.
Che poi é quello che noi usuari dl tennis identifichiamo con SS, ma che é diverso da quello che i tecnici dei materiali e le misurazioni identificano.

Il concetto è corretto, perchè quasi tutti i PRO non colpiscono nella parte di massima potenza (che si trova sotto la metà dell'ovale... ma più verso la punta della racca.
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16776
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

SVISCERIAMO LO SWEET SPOT Empty Re: SVISCERIAMO LO SWEET SPOT

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum