Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Letture suggerite
Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 6 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 6 Ospiti

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Una bella intervista a Wilander
Da veterano Oggi alle 16:32

» Dimitrov segue l'esempio di Federer
Da franzx Oggi alle 16:28

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da Attila17 Ieri alle 18:02

» Il servizio bistrattato
Da Matteo1970 Mar 07 Lug 2020, 17:05

» Tappy Larsen
Da Chiros Mar 07 Lug 2020, 13:08

» Racchetta definitiva
Da spalama Mar 07 Lug 2020, 12:05

» Formula Uno 2019
Da Tempesta Sab 04 Lug 2020, 10:06

» Impresa impossibile
Da Riki66 Sab 04 Lug 2020, 08:15

» Impostare una dieta dimagrante "sostenibile"
Da patillo Ven 03 Lug 2020, 08:46

» Rubare è un'arte ? Certo che sì .....
Da superpipp(a) Mar 30 Giu 2020, 22:56

» Muro a Milano
Da miguel Lun 22 Giu 2020, 18:16

» La regola che cambiereste
Da Tempesta Lun 22 Giu 2020, 10:22

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

chat

Dedicato a quelli "che giocano bene"

Andare in basso

Dedicato a quelli "che giocano bene" Empty Dedicato a quelli "che giocano bene"

Messaggio Da correnelvento il Mer 17 Mag 2017, 17:01

Ripropongo un post che tempo fa ho scritto su di un altro Forum, da cui ho fatto cancellare il mio account, e di cui non sento la minima nostalgia:




Dedico questo post a "quelli che giocano un bel tennis".

Chi sono (tennisticamente) io?

Un amatore di 54 anni, con un livello di gioco (certificato da svariati forumisti) che si pone intorno al 4.1 buono.... quindi una "nullità tennistica".

Ma in una cosa sono "bravo": frequentando circoli e giocando da 4 decenni conosco perfettamente tutti i personaggi che frequentano i campi rossi, e con i quali mi piace intrattenermi in scambi di idee, a volte anche "vivaci", ma sempre all'impronta delle buone maniere.

Essendo un autodidatta puro, il mio stile è artigianale, poco estetico... oserei dire piuttosto brutto a vedersi.

Scusate se mi sono dilungato nella presentazione, ma la ritenevo funzionale all'argomento.

Tale argomento riguarda quelli "che giocano un bel tennis", che per comodità chiamerò da ora i "belli", contrapposti a quelli come me, che appartengono alla categoria dei "brutti".

A tutti i livelli tennistico, la guerra dei belli contro i brutti si combatte con veemenza, e più scende il livello di gioco, tanto tale battaglia diventa più cruenta.

Nelle paludi di quarta, scorre il sangue a fiumi, come fiumi di parole e discussioni si ripetono, sempre uguali, negli anni.

Il bello ama Federer, MC Enroe, ed i tennisti di talento (e come non si potrebbe amarli?) E si identifica in loro...

Il brutto rispetta Nadal e Borg... Ed allo stesso modo a loro si ispira.

Fino a qui, tutto semplice, no?

No!

Perché poi ci sono le partite di tennis, le sfide di circolo.

Statisticamente, specialmente ai nostri bassi livelli, il brutto è vincente rispetto al bello... perché se si è pippe, non è facile vincere con i colpi che non si possiedono...

E qui i belli si incazzano a morte, mostrando spesso il peggio di loro (non sempre, naturalmente) dileggiando il brutto di turno che li ha battuti, con frasi irriverenti:

"Ho perso con una pippa"
"Sei senza colpi"
"Non fai un vincente"
"Hai uno stile inguardabile"

Normalmente il brutto incassa le sfuriate, e va sotto la doccia con il 62, 62 a suo favore è l'ennesimo scalpo del bello alla cinta.

Chiaro che a volte perde anche: è naturale...

Ma il nocciolo della questione non è questo:

Perché il bello deve rompere (quasi sempre ) il caxxo quando perde dal brutto?

Perché deve dileggiare il suo gioco?
Non ha alcun senso!

Ognuno (nel rispetto della regole) fa il gioco che vuole...

E, quando si perde, occorre, complimentarsi sempre con chi vince, prescindendo dal suo gioco.

Difficilmente al brutto interessa criticare il tipo di gioco dell'avversario:entra in campo, si impegna, e cerca di vincere.

Perché quasi sempre il fine del brutto è vincere, quello del bello migliorare i propri colpi, il proprio stile... cosa lodevole.

Come si può criticare chi cerca di migliorarsi? Impossibile.

Ma si può criticare chi rompe "Los cojones" a quello che ti ha appena battuto, criticando il suo gioco e dicendo frasi del tipo: "tra un anno ti faccio fare due giochi".

Allora devo dare una brutta notizia statistica a chi fa questi ragionamenti (a meno che non siano ragazzi in crescita): nel 80% dei casi (o più) continuerete a perdere con i brutti.

Non è un bene o un male: è semplicemente la dura realtà della terra rossa.

Chiaramente ci sta un 20% di eccezioni...I belli che poi miglioreranno davvero, e vinceranno contro i brutti.

Ma questi belli, di solito, sono diversi: non parlano dello stile dei brutti, stanno zitti, si allenano duro, sputano sangue... rispettano gli avversari... si focalizzano sul loro tennis, non su quello degli altri!

Che, guarda caso, è quello che fanno i brutti.

Noi brutti non pensiamo agli altri, non critichiamo il loro gioco...
Cerchiamo di dare il massimo con quel poco che abbiamo.

Concludo questo lungo post con una preghiera a voi belli: almeno per una volta nella vostra vita tennistica, quando perderete (come spesso succede) dal brutto di turno...

Fate uno sforzo: complimentatevi con lui.




correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16804
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Dedicato a quelli "che giocano bene" Empty Re: Dedicato a quelli "che giocano bene"

Messaggio Da Bertu il Mer 17 Mag 2017, 18:07

Il bello é quasi sempre convinto di essere superiore al brutto per il semplice fatto che il suo gesto é stilisticamente migliore. Questo lo porta a pensare che battere il brutto debba essere per forza facile oltre che un dovere.
Quando poi perdono, le balle girano a mille perché non possono accettare di aver perso con uno che stilisticamente é inguardabile e siccome il loro ego non lo puó accettare ecco che se ne escono con tutto lo scibile che passa loro per la testa.
È comunque un atteggiamento umano ma che denota inconsapevolezza, mancanza di obbiettivitá ed immaturitá, a prescindere dall'etá.
Saper perdere é la prima cosa da imparare quando si vuole iniziare a fare un'attivitá competitiva.
Che sia una partita a briscola o una finale al circolo di tennis la sostanza non cambia.
Bertu
Bertu

Messaggi : 3387
Data d'iscrizione : 06.07.11
Età : 55
Località : Monaco di Baviera

Torna in alto Andare in basso

Dedicato a quelli "che giocano bene" Empty Re: Dedicato a quelli "che giocano bene"

Messaggio Da Wacos il Gio 18 Mag 2017, 11:14

in passato ho pensato di essere stato a volte uno di questi: non mi vergogno affatto nel dire che qualche volta ho provato fastidio per l'atteggiamento troppo passivo dell'avversario di turno, e quindi pensavo che la causa di questo sentimento derivasse dal loro modo di giocare artigianale.

Invece poi ho capito cosa mi da fastidio, che non ha nulla a che fare con lo stile o la tecnica del giocatore.

Quello che mi da fastidio è "fare i conti con la contingente mia incapacità di rispondere adeguatamente ad un gesto teoricamente sconsiderato del mio avversario che però risulta essere vincente a causa della mia incompetenza."

Quello che mi da fastidio è quando l'avversario fa una cosa tennisticamente stupida o insensata e si consegna nelle tue mani, e tu non capitalizzi.

Vado via di testa perchè penso: mai avresti fatto un tiro così di merda se dall'altra parte del campo avessi uno che sa chiuderti la palletta in muso, MAI. e invece con me ti permetti di prenderti un rischio tennisticamente enorme e sconsiderato e di dare a me tutta la responsabilità del tuo gesto.

In pratica ti fa sentire "un mona", come si dice dalle mie parti.

Però non è mica colpa sua se riesce a rigirare il coletello nella piaga, e neanche colpa mia se non riesco a volte a rispondere adeguatamente.

E' frustrante e ti mostra quanto difficile sia riuscire ad imparare a gestire le difficoltà che sopraggiungono in campo e quando importante sia avere un piano B e magari pure il C.


Wacos
Wacos

Messaggi : 1317
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 42
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Dedicato a quelli "che giocano bene" Empty Re: Dedicato a quelli "che giocano bene"

Messaggio Da Ospite il Mer 24 Mag 2017, 22:56

Wacos ha scritto:in passato ho pensato di essere stato a volte uno di questi: non mi vergogno affatto nel dire che qualche volta ho provato fastidio per l'atteggiamento troppo passivo dell'avversario di turno, e quindi pensavo che la causa di questo sentimento derivasse dal loro modo di giocare artigianale.

Invece poi ho capito cosa mi da fastidio, che non ha nulla a che fare con lo stile o la tecnica del giocatore.

Quello che mi da fastidio è "fare i conti con la contingente mia incapacità di rispondere adeguatamente ad un gesto teoricamente sconsiderato del mio avversario che però risulta essere vincente a causa della mia incompetenza."

Quello che mi da fastidio è quando l'avversario fa una cosa tennisticamente stupida o insensata e si consegna nelle tue mani, e tu non capitalizzi.

Vado via di testa perchè penso: mai avresti fatto un tiro così di merda se dall'altra parte del campo avessi uno che sa chiuderti la palletta in muso, MAI. e invece con me ti permetti di prenderti un rischio tennisticamente enorme e sconsiderato e di dare a me tutta la responsabilità del tuo gesto.

In pratica ti fa sentire "un mona", come si dice dalle mie parti.

Però non è mica colpa sua se riesce a rigirare il coletello nella piaga, e neanche colpa mia se non riesco a volte a rispondere adeguatamente.

E' frustrante e ti mostra quanto difficile sia riuscire ad imparare a gestire le difficoltà che sopraggiungono in campo e quando importante sia avere un piano B e magari pure il C.



mi sembra la mia descrizione...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Dedicato a quelli "che giocano bene" Empty Re: Dedicato a quelli "che giocano bene"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum