Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Chi è online?
In totale ci sono 16 utenti online: 1 Registrato, 0 Nascosti e 15 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Chiros

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 116 il Mar 29 Dic 2020, 06:45
Ultimi argomenti attivi
» I tennisti "poveri"
Da Chiros Oggi alle 12:29

» Flood control
Da Riki66 Oggi alle 11:59

» Montecarlo master 1000
Da paoletto Oggi alle 10:08

» Spalama e Giovanni: allenamento con 2.1
Da spalama Oggi alle 10:03

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da max1970 Ieri alle 17:27

» Tensione corde
Da paoletto Ieri alle 17:15

» Lorenzo Musetti
Da Giovanni62 Ieri alle 14:21

» Consiglio per un miglioramento del mio tennis
Da Incompetennis Ieri alle 13:55

» Addio profilate
Da Giulio81 Gio 15 Apr 2021, 15:00

» Analisi di una (rara) vittoria.
Da Giovanni62 Gio 15 Apr 2021, 14:37

» Stefanos Tsitsipas
Da Giovanni62 Mer 14 Apr 2021, 18:23

» Jannik Sinner
Da max1970 Mer 14 Apr 2021, 18:15


Koellererer ed il doping

Andare in basso

Koellererer ed il doping Empty Koellererer ed il doping

Messaggio Da Ospite Mar 16 Lug 2019, 13:13

Il diacusso tennista austriaco in una intervista (tennisworlditalia) parla delle scommesse e del doping nel tennis.

Dicendo cose sensate:

Quando sono libero, preferisco passare il tempo con la mia famiglia”. Basta sfiorare l'argomento e il rancore sgorga ancora, per nulla sopito. Quando gli hanno chiesto se la situazione economica fuori dai top-100 ATP sia davvero così difficile, si è scatenato.

“Sei vulnerabile alla corruzione. A un 18enne vengono offerti 5.000 euro per perdere una partita: la stessa cifra si ottiene vincendo il torneo. Spesso i giocatori sono esposti, soprattutto da giovani”. Ma non finisce qui: “Non è vero che gli Slam sono puliti.

Per esempio, al Roland Garros mi hanno offerto molti più soldi di quanti ne avrei incassati vincendo. Raramente scoppiano scandali perché sono coinvolti i migliori. Se un vincitore Slam viene condannato pubblicamente, il tennis è finito.

Guarda cosa è successo al ciclismo..”. . Il paragone con la bicicletta è ancora più calzante quando il discorso scivola sul doping. “Funziona allo stesso modo – prosegue Koellerer – ci sono pochissimi casi di positività, almeno in pubblico.

Capita di vedere vincitori Slam che scompaiono all'improvviso, poi tornano e vincono subito. Per me è strano, ma se li fermi pubblicamente il circo va nei guai. Proprio come il ciclismo”. Non ha menzionato nessuno: probabilmente qualcuno lo ha invitato alla cautela, o forse aveva avuto problemi dopo che nel 2013 (in un'intervista con il settimanale Sporwoche) non si era tirato indietro al momento di fare nomi.

Ma le sue opinioni non sono cambiate: “In un torneo del Grande Slam, ritengo che il 10% dei giocatori siano dopati. E non è vero che il doping non serva, perché alcune sostanze accelerano la ripresa molto rapidamente.

La rapidità nel recupero è un fattore decisivo per il torneo. Ad alcuni giocatori sono state date sanzioni brevi, mentre io – senza prove – sono stato squalificato a vita. Ma è facile prendersela con Crazy Dani”.

Nell'ultima parte dell'intervista, Koellerer è tornato sulla sua radiazione. “Chi è stato accusato ingiustamente di omicidio come può dimostrare la sua innocenza? Io non posso farlo, perché non ci sono prove contro di me”.

Su questo, Koellerer ha ragione. La sua radiazione è avvenuta esclusivamente sulla base di testimonianze ritenute “credibili”, ma non ci sono documenti né registrazioni. Zero assoluto. Persino i giudici del TAS, nella sentenza, non hanno escluso a priori la possibilità che qualcuno avrebbe potuto spacciarsi per lui, in particolare nelle due telefonate a Munoz de la Nava (punto 57 della sentenza).

Alla fine – sia pur senza prove – hanno deciso di condannarlo utilizzando la soglia più bassa per dare valore a una prova. E così, Crazy Dani può scaricare tutto il suo rancore e ritenersi vittima di un complotto.

Con una speranza: "Vorrei che mia figlia possa vedermi giocare in un torneo. Magari un giorno sarà possibile in qualche gara a squadre in Austria o in Germania. Chissà"

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Koellererer ed il doping Empty Re: Koellererer ed il doping

Messaggio Da Eiffel59 Mer 17 Lug 2019, 09:05

Corre, il discorso ha una logica e nello specifico potrebbe anche avere ragione.
Sta di fatto che in 40 anni di frequentazione del Tour non ho mai (e sottolineo "mai") conosciuto un'altra persona altrettanto stronza, maleducata, dispettosa, strafottente, ipocrita e falsa di lui.
Nei confronti degli incordatori, dei colleghi, degli organizzatori, del personale di servizio...potrei citare aneddoti ad oltranza.
Ti assicuro che non conosco nessuno che abbia versato una lacrima per la sua squalifica… No
Eiffel59
Eiffel59

Messaggi : 2297
Data d'iscrizione : 11.12.09
Età : 62
Località : Brescia/Parigi

Torna in alto Andare in basso

Koellererer ed il doping Empty Re: Koellererer ed il doping

Messaggio Da Ospite Mer 17 Lug 2019, 09:20

@Eiffel59 ha scritto:Corre, il discorso ha una logica e nello specifico potrebbe anche avere ragione.
Sta di fatto che in 40 anni di frequentazione del Tour non ho mai (e sottolineo "mai") conosciuto un'altra persona altrettanto stronza, maleducata, dispettosa, strafottente, ipocrita e falsa di lui.
Nei confronti degli incordatori, dei colleghi, degli organizzatori, del personale di servizio...potrei citare aneddoti ad oltranza.
Ti assicuro che non conosco nessuno che abbia versato una lacrima per la sua squalifica… No

Mario, concordo in toto.

Una merda di uomo.

Ma la sua sospensione per doping è ingiusta.

Avrebbero dovuto punirlo, e pesantemente, per i suoi comportamenti.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Koellererer ed il doping Empty Re: Koellererer ed il doping

Messaggio Da marco61 Mer 17 Lug 2019, 15:38

Anch'io concordo con Mario. In queste dichiarazioni c'è qualcosa di vero ma il personaggio in questione non è credibile e, per come mi ricordo si comportasse in campo, non merita di essere preso troppo in considerazione.
Inoltre preferisco ancora credere che il tennis sia uno sport "pulito". Alla prima prova contraria probabilmente smetterò di seguirlo come ho fatto col ciclismo.
Mi riferisco ovviamente a eventuali casi di doping riferiti a personaggi di spessore. Le mezze figure non fanno testo.


Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 11239
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 59
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Koellererer ed il doping Empty Re: Koellererer ed il doping

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.