Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Chi è online?
In totale ci sono 10 utenti online: 1 Registrato, 0 Nascosti e 9 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Riki66

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 116 il Mar 29 Dic 2020, 06:45
Ultimi argomenti attivi
» Consiglio per un miglioramento del mio tennis
Da Incompetennis Oggi alle 22:16

» Stefanos Tsitsipas
Da Giovanni62 Oggi alle 18:23

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da max1970 Oggi alle 18:22

» Montecarlo master 1000
Da max1970 Oggi alle 18:18

» Jannik Sinner
Da max1970 Oggi alle 18:15

» Analisi di una (rara) vittoria.
Da Matteo1970 Oggi alle 16:51

» Addio profilate
Da Matusa Oggi alle 14:56

» Gambe nel rovescio a due mani
Da paoletto Oggi alle 12:23

» Giocatori di padel ne abbiamo?
Da st13 Oggi alle 11:29

» Lorenzo Musetti
Da max1970 Ieri alle 17:18

» Fidarsi o non fidarsi !!!!
Da paoletto Dom 11 Apr 2021, 19:03

» Giovani stranieri
Da Matusa Dom 11 Apr 2021, 10:52


Come gestire le palle senza peso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mar 02 Feb 2021, 14:08

Croce di tutti i quarta, la palla senza peso è lo spauracchio di ogni tennista, anche a livelli più alti.
Molto spesso si sente dire: beh.. basta che impari a chiuderla.

Ma siamo davvero sicuri che sia la soluzione ideale?

Come per il discorso delle diagonali, ogni situazione richiede un diverso approcio.
E così come cambiare in lungolinea ha senso farlo quando ci sono le condizioni, così anche il cosiddetto colpo di chiusura richiede che la situazione permetta di farlo con buone % di succcesso...

Vi posto qui un filmato (è in inglese, se non lo sapete... peccato) di un circa 300 ATP che fa da sparring partner della Osaka, quindi uno che la palla la spacca come vuole, che affronta l'argomento in modo molto dettagliato.

Nel caso specifico egli distingue la "palla moscia" in più categorie, ognuna della quali richiede un approcio specifico.

Nel caso in questione tratta della "nothing ball" (ovvero "palla niente") , quella specifica palla che non ha alcun peso ma che comunque arriva sufficientemente profonda.

Quella palla per cui sei comunque coi piedi dentro il campo ma non in una posizione così avanzata... Ovvero il 70% delle palle che girano in quarta categoria.

Come si gestiscono? enjoy


Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da gabr179 Mar 02 Feb 2021, 14:26

il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.
gabr179
gabr179

Messaggi : 1088
Data d'iscrizione : 06.06.17
Età : 41
Località : Tra Como e la Brianza

A paoletto piace questo messaggio.

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mar 02 Feb 2021, 14:43

@gabr179 ha scritto:il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.

Non è che ti dimentichi... è che sei semplicemente in ritardo.

Per forza a leziona va tutto bene: sai esattamente dove arriverà la palla, che tipo di palla sarà e quando arriverà.
Se ti facessi riprendere ti accorgeresti che probabilmente parti già da mezzo metro dentro il campo.
Quello che devi portare a casa dalla lezione è la parte tecnica: come si colpisce quel tipo di palla o dove va indirizzato.

Quello che devi portare tu stesso in partita, nella realtà di uno scambio, è invece riconoscere i segnali che indicano che ti sta arrivando una palla da attaccare.

E questo comincia innanzitutto da una cosa: essere sempre pronti.

il 90% delle volte veniamo sopresi.. "toh guarda.. l'avversario ha accorciato" e nel tempo che elabori la situazione la palla è già scesa quel tanto che basta che diventa complicata tirarla su e farci qualcosa di buono.

Nel tuo caso, visto che ti piace essere aggressivo, dovresti giocare l'intera partita con un unica idea in mente: fare male per ottenere proprio quel tipo di palla.

Quindi parte tutto dal colpo precedente, è uno schema a conti fatti: Ogni qual volta aggredisci la palla devi aspettarti una risposta corta ed essere pronto.
Stare sulle punte, essere pronto a scattare in avanti, e soprattutto leggere i segnali del tuo avversario.

Esattamente come fa un leone che si lancia nel branco per creare il panico e non aspetta altro che la prima gazzella che resta indietro...


Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

A paoletto piace questo messaggio.

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Iron Mar 02 Feb 2021, 15:01

@gabr179 ha scritto:il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.
Partendo dal presupposto che senza vedere giocare è sempre difficile dare consigli,ma il punto fondamentale è che la prima cosa da fare non è affiancarsi,ma girare le spalle,sono due cose diverse

Se si girano come prima cosa le spalle difficilmente capiterà di arrivare frontali e con una cattiva distanza dalla palla
Iron
Iron

Messaggi : 332
Data d'iscrizione : 29.06.13
Località : Spagna

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mar 02 Feb 2021, 15:10

@Iron ha scritto:
@gabr179 ha scritto:il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.
Partendo dal presupposto che senza vedere giocare è sempre difficile dare consigli,ma il punto fondamentale è che la prima cosa da fare non è affiancarsi,ma girare le spalle,sono due cose diverse

Se si girano come prima cosa le spalle difficilmente capiterà di arrivare frontali e con una cattiva distanza dalla palla

Non è un problema meramente tecnico, altrimenti non riuscirebbe a farlo nemmeno in allenamento.

E' che non è abituato a cercare attivamente la palla perché in allenamento sa esattamente dove cadrà, e partendo in anticipo ha tutto il tempo di preparare il colpo.

In partita invece non è pronto, e quando si accorge della palla corta corre linearmente verso la palla e prepara all'ultimo...


Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Iron Mar 02 Feb 2021, 15:17

@Wacos ha scritto:
@Iron ha scritto:
@gabr179 ha scritto:il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.
Partendo dal presupposto che senza vedere giocare è sempre difficile dare consigli,ma il punto fondamentale è che la prima cosa da fare non è affiancarsi,ma girare le spalle,sono due cose diverse

Se si girano come prima cosa le spalle difficilmente capiterà di arrivare frontali e con una cattiva distanza dalla palla

Non è un problema meramente tecnico, altrimenti non riuscirebbe a farlo nemmeno in allenamento.

E' che non è abituato a cercare attivamente la palla perché in allenamento sa esattamente dove cadrà, e partendo in anticipo ha tutto il tempo di preparare il colpo.

In partita invece non è pronto, e quando si accorge della palla corta corre linearmente verso la palla e prepara all'ultimo...
Spesso è un problema técnico e di automatismo
Faccio lo split ,appena capisco da che lato va la palla comincio a girare le spalle e dopo mi muovo(tranne casi in emergenza)
Se manca l'automatismo (problema tecnico)quando le variabili aumentano (come non sapere dove andrà la palla) nascono i problemi

Questo è uno dei motivi per i quali si utilizzano sempre più spesso esercizi aperti( con più variabili) rispetto a esercizi chiusi
Iron
Iron

Messaggi : 332
Data d'iscrizione : 29.06.13
Località : Spagna

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mar 02 Feb 2021, 16:44

@Iron ha scritto:
@Wacos ha scritto:
@Iron ha scritto:
@gabr179 ha scritto:il mio problema è che ho una palla sufficientemente pesante e veloce da far accorciare l'avversario ma, quando questo accade, molto spesso non mi affianco, vado contro la palla "di pancia" con il risultato che la palla finisce sul telone. La cosa che mi fa più incavolare è che a lezione riesco a fare tutto bene, nel match invece la foga di arrivare sulla palla, mi fa dimenticare come dovrei fare.
Partendo dal presupposto che senza vedere giocare è sempre difficile dare consigli,ma il punto fondamentale è che la prima cosa da fare non è affiancarsi,ma girare le spalle,sono due cose diverse

Se si girano come prima cosa le spalle difficilmente capiterà di arrivare frontali e con una cattiva distanza dalla palla

Non è un problema meramente tecnico, altrimenti non riuscirebbe a farlo nemmeno in allenamento.

E' che non è abituato a cercare attivamente la palla perché in allenamento sa esattamente dove cadrà, e partendo in anticipo ha tutto il tempo di preparare il colpo.

In partita invece non è pronto, e quando si accorge della palla corta corre linearmente verso la palla e prepara all'ultimo...
Spesso è un problema técnico e di automatismo
Faccio lo split ,appena capisco da che lato va la palla comincio a girare le spalle e dopo mi muovo(tranne casi in emergenza)
Se manca l'automatismo (problema tecnico)quando le variabili aumentano (come non sapere dove andrà la palla) nascono i problemi

Questo è uno dei motivi per i quali si utilizzano sempre più spesso esercizi aperti( con più variabili) rispetto a esercizi chiusi

E' ovvio che manca l'automatismo, altrimenti non si porrebbe nemmeno il problema..

Però sono altrettanto sicuro che se si accorgesse per tempo che sta per arrivare una palla da attaccare, la cercherebbe più correttamente di quanto fa ora: aprirebbe prima, girerebbe le spalle prima, ed avrebbe tutto il tempo per mettere bene i piedi.





Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Matteo1970 Mar 02 Feb 2021, 18:07

Da oggi non sarai più Wacos,.. ma SENSEI...

scherzi a parte, mi paice questa tua nuova "voglia" e che sia anche nel trasmettere...
Matteo1970
Matteo1970

Messaggi : 1755
Data d'iscrizione : 16.06.17
Località : Trofarello

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da ace Mar 02 Feb 2021, 20:47

Non voglio essere maleducato....pre nulla anche perché Alberto è un caro amico per cui mi permetto


Ma non è che vi fare troppe pappe mentali?
Porca zozza parliamo di attempati tennisti che vanno in campo per passare una ora tra le rotture di palla della vita di ogni giorno !

Ma forse sono limitato nel mio modo di vedere
ace
ace

Messaggi : 2437
Data d'iscrizione : 26.02.14
Località : treviso

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da ace Mar 02 Feb 2021, 20:48

Una palla senza peso la attacchi
Se sei bravo fai punto
Se sei una pippa come me ne sbagli due su tre
ace
ace

Messaggi : 2437
Data d'iscrizione : 26.02.14
Località : treviso

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da squalo714 Mar 02 Feb 2021, 21:37

ace59 ha scritto:Non voglio essere maleducato....pre nulla anche perché Alberto è un caro amico per cui mi permetto


Ma non è che vi fare troppe pappe mentali?
Porca zozza parliamo di attempati tennisti che vanno in campo per passare una ora tra le rotture di palla della vita di ogni giorno !

Ma forse sono limitato nel mio modo di vedere

Ale, credo tu abbia ragione a meta', c'è chi, come te, va in campo quell'ora alla settimana senza obiettivi particolari se non quello di passare un po' di tempo in serenità, però c'è anche chi cerca di migliorare la propria tecnica proprio perché quell'oretta cerca di farla con maggiore soddisfazione anche se pippa rimane e, visto che Wacos da grande appassionato di tecnica ci da' qualche spunto per correggere qualcosina, non vedo niente di male in tutto questo.


..e riconobbi il tuo sguardo in quello di un passante. (cit. Tiziano Ferro)
squalo714
squalo714

Messaggi : 2584
Data d'iscrizione : 21.09.11
Località : trento

A paoletto piace questo messaggio.

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Ospite Mar 02 Feb 2021, 21:40

ace59 ha scritto:Una palla senza peso la attacchi
Se sei bravo fai punto
Se sei una pippa come me ne sbagli due su tre

La logica del vecchio Ace è ferrea! Very Happy

Cmq, visto che sprechiamo tonnellate di chiacchiere su racchette, materiali e corde...

Ben venga qualche sana "pippa mentale" con la tecnica! pirat

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mar 02 Feb 2021, 21:41

ace59 ha scritto:Non voglio essere maleducato....pre nulla anche perché Alberto è un caro amico per cui mi permetto


Ma non è che vi fare troppe pappe mentali?
Porca zozza parliamo di attempati tennisti che vanno in campo per passare una ora tra le rotture di palla della vita di ogni giorno !

Ma forse sono limitato nel mio modo di vedere
So che può sembrarti una pippa,ma non lo è. È semplicemente voglia di migliorare e si può fare anche a 70 anni, nel limite delle proprie possibilità. Mi hai visto giocare e sai che anche io avevo grossi problemi sulle palle da chiudere..fino a qualche mese fa. Ora va molto meglio... Nessuna formula magica ne pippa,solo 3 ore di allenamento ogni settimana. Se ci sono riuscito io, possono farlo tutti,a meno che non mi consideriate una specie di alieno. Io penso che tutti abbiano margini di miglioramento. Ho visto certi elementi inguardabili nel mio club fare passi da gigante... In questo Forum il peggiore gioca tre volte meglio


Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Riki66 Mer 03 Feb 2021, 07:15

va bene tutto.. ma dare del 70enne ad Ace... Very Happy Very Happy Very Happy

e poi Wacos.. non spiegare tutto a Matteo... finirà per battere Chiros muro muro muro


Se la rete fosse più vicina... ci andrei più spesso! drunken
Riki66
Riki66
Staff
Staff

Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 26.11.11
Località : Verona

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Giampi83 Mer 03 Feb 2021, 08:00

Io mi ritrovo nelle parole di Ace..ben venga la tecnica, ma sono arrivato alla conclusione che da un certo punto in poi, occorre essere sostenuti da un buon fisico, altrimenti anche col braccio di Federere non si quaglia un cazzo. O si portano avanti sia fisico che tecnica, e più passa il tempo e peggio è, oppure più di tanto non si ottiene. Al mio livello, trovo molto più penalizzante la lentezza di gambe o la mancanza di fiato, che la "incapacità" di giocare una palla senza peso, situazione che puoi gestire in diversi modi, sempre che ci arrivi in tempo..


Tira sul dritto del tuo avversario, potrebbe essere peggio del rovescio!
Giampi83
Giampi83

Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 08.05.18
Età : 38
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Chiros Mer 03 Feb 2021, 08:53

@Riki66 ha scritto:va bene tutto.. ma dare del 70enne ad Ace... Very Happy Very Happy Very Happy

e poi Wacos.. non spiegare tutto a Matteo... finirà per battere Chiros muro muro muro

Tanto prima o poi passo a Verona... smash
Chiros
Chiros

Messaggi : 5152
Data d'iscrizione : 27.10.10
Età : 46
Località : Mai una stabile.

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da ace Mer 03 Feb 2021, 09:13

@squalo714 ha scritto:
ace59 ha scritto:Non voglio essere maleducato....pre nulla anche perché Alberto è un caro amico per cui mi permetto


Ma non è che vi fare troppe pappe mentali?
Porca zozza parliamo di attempati tennisti che vanno in campo per passare una ora tra le rotture di palla della vita di ogni giorno !

Ma forse sono limitato nel mio modo di vedere

Ale, credo tu abbia ragione a meta', c'è chi, come te,  va in campo quell'ora alla settimana senza obiettivi particolari se non quello di passare un po' di tempo in serenità, però c'è anche chi cerca di migliorare la propria tecnica proprio perché quell'oretta cerca di farla con maggiore soddisfazione anche se pippa rimane e, visto che Wacos da grande appassionato di tecnica ci da' qualche spunto per correggere qualcosina,  non vedo niente di male in tutto questo.


severino

figurati se ce lo vedo io !

anzi TT mi piace proprio perché lancia queste discussioni di livello

quindi la mia posizione non era " che cavolo scrivete " ma semplicemente la mia opinione sul tema dovuta al mio modo di vedere il tennis , alla mia età e alla mia capacità

ovvio che ognuno di noi vive il tennis in maniera diversa e c'è chi, come Alberto , è un appassionato del miglioramento della tecnica e vive il tennis con passione anche agonistica

tra l'altro conosco Alberto da molto tempo , ci ho giocato spesso , e credo sia quello che è cresciuto di più tra i forumisti che conosco ( non in altezza Very Happy ) aumentando la sua efficacia tennistica di tanto ma tanto .

ace
ace

Messaggi : 2437
Data d'iscrizione : 26.02.14
Località : treviso

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da ace Mer 03 Feb 2021, 09:19

@Wacos ha scritto:
ace59 ha scritto:Non voglio essere maleducato....pre nulla anche perché Alberto è un caro amico per cui mi permetto


Ma non è che vi fare troppe pappe mentali?
Porca zozza parliamo di attempati tennisti che vanno in campo per passare una ora tra le rotture di palla della vita di ogni giorno !

Ma forse sono limitato nel mio modo di vedere
So che può sembrarti una pippa,ma non lo è. È semplicemente voglia di migliorare e si può fare anche a 70 anni, nel limite delle proprie possibilità. Mi hai visto giocare e sai che anche io avevo grossi problemi sulle palle da chiudere..fino a qualche mese fa. Ora va molto meglio... Nessuna formula magica ne pippa,solo 3 ore di allenamento ogni settimana. Se ci sono riuscito io, possono farlo tutti,a meno che non mi consideriate una specie di alieno. Io penso che tutti abbiano margini di miglioramento. Ho visto certi elementi inguardabili nel mio club fare passi da gigante... In questo Forum il peggiore gioca tre volte meglio

alberto io ti ammiro per la qualità della tua passione e della determinazione al miglioramento

non volevo essere scortese

ripeto solo che ci sono molti modi di vedere il tennis
sai quante volte , da quando gioco a tennis, mi hanno detto " ma se facessi cosi " " se facessi cosà " sai come miglioreresti .

detto questo 70 anni ce li ha tuo nonno Come gestire le palle senza peso 106988 Come gestire le palle senza peso 106988 tongue tongue
ace
ace

Messaggi : 2437
Data d'iscrizione : 26.02.14
Località : treviso

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da taglia64 Mer 03 Feb 2021, 10:22

Dopo aver letto tutto e guardato tutto il filmato mi vien da dire: Ma un "quarta" potrebbe mai pensare di gestire le pallette (pallette che in quarta sarebbero dei "topponi") come un 371 ATP? Credo di no. Colpire la palla all'altezza della testa con quella spinta e quella continuità è cosa da pro. un buon quarta o meglio un terza lo può fare da almeno 2 mt dentro al campo. non è tanto il gesto del colpire alto, quanto il movimento ed il piazzamento necessari per essere sempre puntuali sulla palla. Chi è in grado di giocare certe palle come il buon 371 ATP non è un quarta e neppure un terza.
Se si è in quarta vuole dire che si ha a disposizione una certa quantità di "materiale" tecnico, atletico, tattico il cui prodotto genera un quarta. Ad esempio do una valutazione di me stesso in valori percentili:

tecnica: 80, tattica: 40, atletica: 15 --- il prodotto è 48.000

un giocatore che abbia: tecnica: 55, tattica: 50, atletica: 80 ---- avrebbe un prodotto di 220.000 (saremmo probabilmente nella seconda alta)

Il classico quarta forte è spesso un: Tecnica 25, tattica 30, atletica 65 con prodotto 48.750

Detto questo, se ognuno di noi fa la propria autovalutazione, può chiaramente capire quale aspetto del proprio materiale deve migliorare per ottenere un effetto che ne elevi il prodotto.

Si può poi discutere su coefficienti, e spaccare il capello in 4, ma quel che conta è sempre il sapersi chiedere e rendersi conto di quel che si sa fare e che si può fare. Il metodo 371 ATP sulle pallette è perfetto per il nostro sig 220.000 punti ma pessimo per il mio 48.000 almeno fino a quando non potrò portare il mio valore atletico a 30 (cosa difficile con 15 kg di zavorra e guaietti articolari di vario genere).







taglia64
taglia64

Messaggi : 346
Data d'iscrizione : 06.11.18
Età : 57
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Wacos Mer 03 Feb 2021, 11:23

@taglia64 ha scritto:Dopo aver letto tutto e guardato tutto il filmato mi vien da dire: Ma un "quarta" potrebbe mai pensare di gestire le pallette (pallette che in quarta sarebbero dei "topponi") come un 371 ATP? Credo di no. Colpire la palla all'altezza della testa con quella spinta e quella continuità è cosa da pro. un buon quarta o meglio un terza lo può fare da almeno 2 mt dentro al campo. non è tanto il gesto del colpire alto, quanto il movimento ed il piazzamento necessari per essere sempre puntuali sulla palla. Chi è in grado di giocare certe palle come il buon 371 ATP non è un quarta e neppure un terza.
Se si è in quarta vuole dire che si ha a disposizione una certa quantità di "materiale" tecnico, atletico, tattico il cui prodotto genera un quarta. Ad esempio do una valutazione di me stesso in valori percentili:

tecnica: 80, tattica:  40, atletica: 15 --- il prodotto è 48.000

un giocatore che abbia: tecnica: 55, tattica: 50, atletica: 80 ---- avrebbe un prodotto di 220.000 (saremmo probabilmente nella seconda alta)

Il classico quarta forte è spesso un: Tecnica 25, tattica 30, atletica 65 con prodotto  48.750

Detto questo, se ognuno di noi fa la propria autovalutazione, può chiaramente capire quale aspetto del proprio materiale deve migliorare per ottenere un effetto che ne elevi il prodotto.

Si può poi discutere su coefficienti, e spaccare il capello in 4, ma quel che conta è sempre il sapersi chiedere e rendersi conto di quel che si sa fare e che si può fare. Il metodo 371 ATP sulle pallette è perfetto per il nostro sig 220.000 punti ma pessimo per il mio 48.000 almeno fino a quando non potrò portare il mio valore atletico a 30 (cosa difficile con 15 kg di zavorra e guaietti articolari di vario genere).



Il concetto che io ho tratto dal questo filmato, e che volevo condividere, è che sulle palle a tre quarti senza peso, non le si tratta come se fossero delle palle a 1 metro dalla rete, quindi aggredendole, primo perché sono difficili da spingere, secondo perché essendo relativamente lente l'avversario avrà modo di recuperare la posizione.

La soluzione migliore che ipotizza il tizio del video, su cui concordo, è quella di aprire l'angolo (o di cercare l'angolo), ovvero usare la palla senza peso come testa di ariete per ottenere la palla più corta, quella si, da attaccare.


Nano da Battaglia
Wacos
Wacos
Staff
Staff

Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 06.02.13
Età : 43
Località : Mira

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Riki66 Mer 03 Feb 2021, 11:26

taglia, quando pensavo che taglia64 fosse quella dei tuoi pantaloni mi stavi simpatico.. ora coi 15kg di troppo hai recuperato!!!


Se la rete fosse più vicina... ci andrei più spesso! drunken
Riki66
Riki66
Staff
Staff

Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 26.11.11
Località : Verona

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da taglia64 Mer 03 Feb 2021, 11:29

ora sono sceso a 85kg... ne ho persi 10 in un paio d'anni… e ho ridotto il principio attivo della pastiglia per la pressione da 40mg a 10mg...
la strada è ancora lunga
taglia64
taglia64

Messaggi : 346
Data d'iscrizione : 06.11.18
Età : 57
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Riki66 Mer 03 Feb 2021, 11:30

Anticipare una palla lenta colpendo alto al mio livello vuol dire sbagliarne 10 su 10.. preferisco colpirla facendo finta che sia un back basso e spingendo forte in top.. almeno di solito va di là...


Se la rete fosse più vicina... ci andrei più spesso! drunken
Riki66
Riki66
Staff
Staff

Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 26.11.11
Località : Verona

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Ospite Mer 03 Feb 2021, 12:20

@taglia64 ha scritto:


Ad esempio do una valutazione di me stesso in valori percentili:

tecnica: 80, tattica:  40, atletica: 15 --- il prodotto è 48.000



Il classico quarta forte è spesso un: Tecnica 25, tattica 30, atletica 65 con prodotto  48.750



Taglia, vedo che ti sei tenuto basso con l'autovalutazione della tecnica!

Very Happy

Guarda che se partecipi ad una delle nostre reunion qualche cagacazzo potrebbe rinfacciartelo! Come gestire le palle senza peso 150354

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da spalama Mer 03 Feb 2021, 12:37

Il famoso "cane morto" o meglio lo "straccio bagnato" cioè la palla senza peso, al nostro livello ha fatto più vittime di ogni pandemia.

Anzi è il vero virus della quarta categoria.

Perchè nella coglionaggine che ci contraddistingue, nonchè nella sopravvalutazione del nostro tennis che il nostro ego squilibrato ci induce, nel 90% dei casi si pensa che sia una palla aggredibile.

Ma non siamo ne Nadal ne Federer, che se gli tiri una palla senza peso ti fanno i buchi per terra, siamo semplicemente delle inconsapevoli pippe che di fronte alla palla lenta e senza peso, caricano il braccio, contraggono il muscolo dell'avambraccio e pensano di spaccare la pallina colpendo a tutta forza.

Risultato: perfetta potatura delle siepi, palle incastrate in alto nella rete di recinzione, racchette sbattute a terra con tanto di smadonnamenti vari e recita del tutti i santi ad ogni punto perso.

Lo so perchè nella gestione delle palle lente non sono mai stato un fenomeno, proprio per i motivi di cui sopra.

Poi ci ho lavorato con un maestro, e ti rendi conto che per spingere una palla lenta ci vuole un braccione, e che più che il braccio va curato l'aspetto delle gambe per dargli un pò di peso.

In sintesi ad una palla lenta non si risponde con un colpo a tutta velocità e potenza a chiudere, ma si risponde con una palla in controllo, che sia abbastanza veloce ma non di chiusura, giocata ponendo al massima attenzione al movimento accompagnandolo molto, piegando bene le gambe, e cercando di dare solo profondità e direzionalità al colpo.

Direte: hai detto niente?

In pratica invece di giocare il vostro solito dritto o rovescio alla solita velocità, dovrete giocare un colpo, tecnicamente perfetto, rallentando tutta la catena cinematica del 20%, in tranquillità e controllo.

Vedrete che tenendo lo scambio in quel modo, cercando solo profondità e direzionalità, con meno forza e potenza, prenderete sempre più campo fino a che l'altro non accorcerà a tal punto che potete giocare il vincente di chiusura.
spalama
spalama

Messaggi : 1178
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 53
Località : ROMA

Torna in alto Andare in basso

Come gestire le palle senza peso Empty Re: Come gestire le palle senza peso

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.