Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Letture suggerite
Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 5 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Dimitrov segue l'esempio di Federer
Da gabr179 Oggi alle 07:09

» Impresa impossibile
Da Chiros Oggi alle 07:00

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da max1970 Gio 09 Lug 2020, 18:37

» Una bella intervista a Wilander
Da veterano Gio 09 Lug 2020, 16:32

» Il servizio bistrattato
Da Matteo1970 Mar 07 Lug 2020, 17:05

» Tappy Larsen
Da Chiros Mar 07 Lug 2020, 13:08

» Racchetta definitiva
Da spalama Mar 07 Lug 2020, 12:05

» Formula Uno 2019
Da Tempesta Sab 04 Lug 2020, 10:06

» Impostare una dieta dimagrante "sostenibile"
Da patillo Ven 03 Lug 2020, 08:46

» Rubare è un'arte ? Certo che sì .....
Da superpipp(a) Mar 30 Giu 2020, 22:56

» Muro a Milano
Da miguel Lun 22 Giu 2020, 18:16

» La regola che cambiereste
Da Tempesta Lun 22 Giu 2020, 10:22

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

chat

Il Re delle palle di pezza ...

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Dom 31 Gen 2010, 19:59

Credo che molti come me, si allenano con le palle del cesto che ormai non ne hanno piu' ... poi in partita con le palle nuove , o con l'amico della domenica che ...pfffffffffff........ apre il tubo di tecnifibre o tretorn ... non si riesce a giocare come si vorrebbe perchè tutta l'attenzione è solo sul non andare lungo.

Giovedi' scorso grande allenamento con un quarta ... ho vinto quasi tutti gli esercizi sulla profondita' di dritto e di rovescio ... e le "palle di pezza" del cesto si dovevano spingere di brutto per giocare profondo (poi abbiamo giocato qualche punto e non ne ho vinto neanche uno ...vabbè, fa niente). Stamattina ho giocato con palle nuove... non le potevo toccare che andavo lungo di 1 metro abbondante .. cosi' ho giocato contratto , senza sbracciare, tutto a "trattenere" ... non mi sono divertito. Solo quando sentivo di poter coprire tanto mi lasciavo un po' andare ... ma con i topponi che mi tirava il mio socio e la mia scarsa propensione ad anticipare ... coprire la palla era un gran casino.

Nessuno di voi ha sperimentato un escamotage facile facile per settare lo swing da "modalita palle di pezza" a "modalita palle nuove" ? Non ditemi di fare una racca con corde piu' tirate che i miei coach mi avvelenenano la birra questo fine aprile..
Ciao
Alberto
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da oedem il Dom 31 Gen 2010, 21:56

albe, ho subito un trauma del genere nel primo torneo fatto.

tubo appena stappato di babolat vs....'mazza, riscaldamento disastroso dove non riuscivo a tenere nulla

bel dilemma....sono curioso anche io di leggere i consigli altrui

p.s.: evita le tretorn, sono pietre!
oedem
oedem

Messaggi : 6055
Data d'iscrizione : 01.12.09

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da RenaTheWiz il Dom 31 Gen 2010, 21:58

Anche io ho lo stesso problema...col maestro spesso buona parte della palle del cesto sono parecchio usate e poi quando gioco in partita con palle nuove ho riferimenti diversi.
Non ho una soluzione, se non quella di far notare che è necessario un ricambio di palle più frequente... Lo scorso anno la cosa è riuscita, infatti dopo un pò mi facevano giocare con un set di palle più nuove, separate da quelle dei corsi di gruppo.

In ogni caso ultimamente mi porto le mie palline così negli esercizi di palleggio prolungato sulle diagonali almeno vado sul sicuro.

ciao Smile
RenaTheWiz
RenaTheWiz

Messaggi : 533
Data d'iscrizione : 07.12.09
Età : 43
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da clemclem il Dom 31 Gen 2010, 21:59

usate solo le dunlop fort quelle si sono palle!! le babolat sono troppo scarseeee!!!!
mah albe credo sia una questione di sensibilità e basta devi giocare tanto e abituarti .... ma usale le palle di pezza ti aiuteranno nella concetrazione e nella sensibilità... almeno per me è stato cosi.
clemclem
clemclem

Messaggi : 260
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 59
Località : molto lontano da wik

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Dom 31 Gen 2010, 23:06

clemclem ha scritto:usate solo le dunlop fort quelle si sono palle!! le babolat sono troppo scarseeee!!!!
mah albe credo sia una questione di sensibilità e basta devi giocare tanto e abituarti .... ma usale le palle di pezza ti aiuteranno nella concetrazione e nella sensibilità... almeno per me è stato cosi.

Si clem, ma convieni con me che costruire uno swing "modulabile" è veramente difficile se non c'è un santo che te lo insegni ???? Ma mi volete spiegare una cosa per favore ? Se è un fatto arcinoto che la palla nuova andra' trattata diversamente da quella del cesto, ma per quale diavolo di motivo non è previsto negli allenamenti lo sviluppo di questa abilita' ??? Mi pare davvero assurdo ... tanto impegno in allenamento per sviluppare la profondita' e la consistenza , poi pallina nuova e ...

.. allievo mio : e mo' so ca**i tua !


Ma me volete di' che c'avemo da fa ????!!

rallentare lo swing ?
diminuire la spinta di gambe ?
cambiare angolo di attacco ?
lavorare piu' di avambraccio ?
coprire la palla ?
tirare le corde a ventisette ????

AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHRRRRRRRGGGGGGGG !!!!!! Il Re delle palle di pezza ... 106988
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da superteo il Lun 01 Feb 2010, 01:49

secondo me non c'è soluzione, la prima ora le palle nuove sono ingiocabili per non parlare poi delle dunlop fort che clem adora........le odioooooooooooo Il Re delle palle di pezza ... 106988
superteo
superteo

Messaggi : 197
Data d'iscrizione : 07.12.09
Età : 42
Località : Viterbo/Roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Lun 01 Feb 2010, 09:55

A pensarci bene una soluzione sensata potrebbe essere diminuire l'ampiezza dell' apertura di spalle ... in questo modo si avrebbe meno spazio per accelerare senza stravolgere lo swing e i punti di riferimento.... ( stanotte ho avuto incubi... Smile )..
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da enrico65 il Lun 01 Feb 2010, 12:15

Mah! per me è l'esatto contrario... le palline vecchie sono usurate, quindi più leggere e partono a razzo... riesco a controllare meglio con quelle nuove, più pesanti che oltretutto sento meglio nei colpi


Ultima modifica di enrico65 il Lun 01 Feb 2010, 19:48, modificato 1 volta
enrico65
enrico65

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 28.01.10
Età : 55
Località : Palermo

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Lun 01 Feb 2010, 12:24

albesca ha scritto:A pensarci bene una soluzione sensata potrebbe essere diminuire l'ampiezza dell' apertura di spalle ... in questo modo si avrebbe meno spazio per accelerare senza stravolgere lo swing e i punti di riferimento.... ( stanotte ho avuto incubi... Smile )..

Proprio perchè c'è piu' controllo ho pensato ad un adattamento attraverso una minore apertura di spalle ... trovare il corretto timing sulla palla sarebbe piu' semplice aprendo meno.
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da marco61 il Lun 01 Feb 2010, 13:46

A mio avviso è solo una questione di sensibilità. Non c'è nessun movimento da adattare, la tecnica è sempre quella, sia giocando con palle nuove, sia giocando con castagne bollite. Al limite può variare la velocità di braccio, che è ciò che permette alla palla di viaggiare. La palla nuova è sicuramente più veloce, quindi anche uno swing più lento ma ben portato può generare un'elevata velocità di palla. Con palle "moscie", per ottenere lo stesso risultato occorrerà sbracciare di più, ma la tecnica è sempre la stessa.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10986
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da clemclem il Lun 01 Feb 2010, 14:59

superteo ha scritto:secondo me non c'è soluzione, la prima ora le palle nuove sono ingiocabili per non parlare poi delle dunlop fort che clem adora........le odioooooooooooo Il Re delle palle di pezza ... 106988

anch'io la prima ora le dunlop fort le tiro sul telone ma poi sono una goduria!! Il Re delle palle di pezza ... 776930
clemclem
clemclem

Messaggi : 260
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 59
Località : molto lontano da wik

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da m4nd il Lun 01 Feb 2010, 15:04

Io ho trovato utile giocare un pò di volte con le artengo piene, senza pressione . Può sembrare un'eresia ma una volta che riesci a controllare quei sassi impazziti le palline nuove non ti spaventano più Il Re delle palle di pezza ... Lol
m4nd
m4nd

Messaggi : 1088
Data d'iscrizione : 29.01.10
Età : 44
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da Satrapo il Lun 01 Feb 2010, 15:12

marco61 ha scritto:A mio avviso è solo una questione di sensibilità. Non c'è nessun movimento da adattare, la tecnica è sempre quella, sia giocando con palle nuove, sia giocando con castagne bollite. Al limite può variare la velocità di braccio, che è ciò che permette alla palla di viaggiare. La palla nuova è sicuramente più veloce, quindi anche uno swing più lento ma ben portato può generare un'elevata velocità di palla. Con palle "moscie", per ottenere lo stesso risultato occorrerà sbracciare di più, ma la tecnica è sempre la stessa.
Perfetto, nessun cambiamento a livello tecnico. Aggiungo solo un piccolo appunto sulla velocità di braccio che deve mantenersi elevata anche e soprattutto con palle nuove perchè la velocità di braccio è essenziale per produrre spin ovvero controllo.

I professionisti che in torneo si confrontano sempre con palle nuovissime (vengono cambiate ogni 9 game non perchè siano da buttare ma proprio per farli giocare sempre con palle nuovissime) hanno swing molto ampi e velocità di braccio elevatissime per ottenere potenza ed elevate quantità di spin (controllo).

In generale col tempo man mano che migliora la tecnica e si perfeziona una adeguata sensibilità di braccio le sensazioni si ribalteranno completamente: un giocatore tecnicamente maturo fatica a tenere in campo le palle sgonfie perchè per spingerle adeguatamente è costretto a diminuire la quantità di spin e perde per questo controllo sulla profondità, mentre con le palle nuove non ha problemi a spingere con decisione mantenendo la palla in campo.

Un'altra cosa che fa impazzire i giocatori di buon livello quando devono trattare palle sgonfie è la tendenza a sbagliare a rete, perchè la palla sgonfia tende a non salire come una palla nuova, cosa che porta il gocatore ad esagerare nel tirar su le palle sgonfie mandandole facilmente sui pini quindi anche qui prospettiva opposta rispetto ai giocatori in fase di crescita che gestiscono bene le palle sgonfie e mandano in orbita quelle nuove.

Il cesto che è da sempre una accozzaglia di vecchissme caciotte alternate a sassi di marmo ha in questa totale variabilità il suo punto di forza: ogni palla è diversa dalla precedente, tu non puoi saperlo e allora l'unica cosa che puoi fare è concentrarti sul tuo swing imponendolo alla palla qualunque essa sia, perchè uno swing deciso fluido e regolare soffre meno i capricci delle palle, e così facendo formi la mentalità del tennista che è quella di dominare la palla senza essere da essa condizionato e del fregarsene se di tanto in tanto una finisce in orbita o rimane tra i piedi, concetto che si riassume nel celeberrimo detto:

"Play the ball, don't let the ball play you."

Il cesto è infatti un esercizio tecnico e mentale, che richiede un livello di concentrazione del tutto simile ad un match.
Invece il principiante (comprensibilmente perchè è stato e sempre sarà per tutti così!) facendo cesto o comunque giocando tende ad andare subito nel panico non appena una palla gli finisce sui pini cercando immediatamente una qualche correzione che magari si tradurrà in una palla affossata a rete e così facendo precipiterà nel vortice causa-effetto che lo porterà a sparar palle ovunque con esecuzioni sempre diverse, mentre invece magari proprio la prima esecuzione che ha mandato la palla in orbita era di per se formalmente corretta e necessitava solo di un microscopico aggiustamente a livello di timing o di ricerca palla. Avete presente Federer quando di tanto in tanto manda un dritto in tribuna? Credete che questo gli provochi un qualche pensiero e che ad un simile orrore segua un aggiustamento tecnico? Al massimo si guarda la racchetta e pensa "sono stato io a fare questo?" ed esegue il dritto successivo nello stesso identico modo stampando in fronte all'avversario un vincente da paura.

Ovviamente qui entra in gioco l'esperienza di chi vi segue che deve essere in grado di gestire correttamente le vostre reazioni quando una palla sgonfia non vi esce dalle corde o una troppo dura vi finisce sui pini rassicurandovi sulla bonta del vostro swing oppure intervenendo immediatamente per correggendolo se sbagliato, indipendentemente dalla buona o cattiva riuscita del colpo i nse. A volte una palla veloce potente e perfettamente in campo scatena le ire del tecnico perchè uscita per caso da una esecuzione errata mentre una palla mandata sui pini riceve un plauso perchè il colpo era stato portato tecnicamente bene. Il tecnico deve anche e soprattutto insegnare all'allievo ad interpretare le sue sensazioni correttamente, perchè umanamente chi sta imparando ragiona così:

palla bella veloce e in campo -> esecuzione giusta, continuo così
palla sui pini, piccione abbattuto oppure sprofondata a rete -> esecuzione sbagliata, devo modificare qualche cosa

Molto spesso però dietro ad una palla mandata in orbita c'è una esecuzione formalmente corretta quindi da ripetere aggiustando magari un dettaglio nella ricerca di palla e dietro a un vincente a fil di nastro (casuale) una esecuzione orrida da cancellare a mazzate dalla memoria muscolare dell'allievo.

Nelle agonistiche la cosa che viene "punita e repressa" magiormente è la tendenza in allenamento a lamentarsi dopo un errore o a gioire dopo un ottimo colpo. Il tecnico dice all'allievo "solo io posso dirti quando hai giocato una buona palla o fatto un brutto errore, tu ancora non sei in grado di distinguere queste cose perciò non gioire e non lamentarti ma pensa solo a fare quello che ti viene detto di fare nel miglior modo possibile". In questo modo si insegna all'allievo sia a colpire la palla, sia ad interpretare correttamente le sensazioni che la palla ci trasmette che non sempre sono in linea con la buona riuscita del colpo perchè ricordate che una pallina ci può scappare lunga anche colpendo in modo tecnicamente perfetto e questo non ci deve mandare nel panico, così come ci può uscire un vincente di Halley colpendo alla bersagliera e questo non deve farci insistere in una esecuzione che tecnicamente errata è stata solo baciata dalla fortuna.

Perciò al cesto si lavora e si soffre MUTI, parla solo il tecnico che vi segue e chi si lamenta delle palle subito a raccogliere perchè noi vogliamo diventare tennisti, non signorine lamentose!! Il Re delle palle di pezza ... 786556
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da gp il Lun 01 Feb 2010, 15:24

io adotto il seguente protocollo: palle mosce corde mosce, palle dure corde dure! Il Re delle palle di pezza ... 786556
gp
gp

Messaggi : 1963
Data d'iscrizione : 11.12.09
Età : 59
Località : roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da m4nd il Lun 01 Feb 2010, 15:34

Ecco satrapo , questa è una bella spiegazione !! Penso sia utile comunicarla agli allievi, soprattutto quelli adulti che son più portati a ragionare sul campo .. (Io sono uno di questi e ,lo ammetto,uno che si lamenta pure parecchio !) , un discorso del genere aiuta a capire quello che si fa! Penso che avrei lavorato con piu attenzione se il mio ultimo istruttore mi avesse fatto un discorso del genere.
m4nd
m4nd

Messaggi : 1088
Data d'iscrizione : 29.01.10
Età : 44
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da gp il Lun 01 Feb 2010, 15:55

penso che il problema del cesto sia però leggermente diverso da quello di una partita regolare: mi spiego meglio, in modo anche da spiegare la mia personale semplicissima teoria esposta poco dianzi...
un allenamento al cesto con palle necessariamente differenti (più gonfie, meno gonfie , gonfie con pelo, gonfie senza pelo, sgonfie con pelo, sgonfie senza pelo, gonfie con pelo umide, ....ecc. Il Re delle palle di pezza ... 786556 ) è assolutamente accettabile ed anche proficuo, perchè abitua alla reattività: ciò che secondo me infastidisce di più è il rimbalzo della palla , non tanto il feeling all'impatto. su una palla che rimbalza alta utilizzerò una preparazione ed un finale di colpo tipici, così come per una palla che rimbalza bassa, ma come anche per una palla veloce od una palla lenta: a mio avviso non esiste una sola impugnatura che vada bene per tutte le palle, a meno di non correggere continuamente con il polso un difetto di chiusura del piatto corde, ad es.

in una partita si gioca normalmente solo con un tipo di palle: o tutte dure o tutte mosce ed allora questo introduce un "errore di tipo sistematico" che è un qualcosa che accomuna qualunque situazione di gioco. allora può avere senso eliminare l'errore sistematico in maniera sistematica, ammesso che vi sia un modo: io trovo che, ad esempio, una palla dura come può essere quella nuova o quella gonfia senza pelo, può essere addomesticata meglio con una incordatura leggermente più tesa, mentre una palla più vecchia o addirittura moscia puoi giocarla meglio se l'incordatura è meno tesa.
gp
gp

Messaggi : 1963
Data d'iscrizione : 11.12.09
Età : 59
Località : roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Mar 02 Feb 2010, 00:42

Farneticazione finale di albesca.....

L'Ipotesi : traendo spunto dai discorsi sul polso ... sono giunto a questa ipotesi, tutta da smontare: chi sa giocare bene, usa uno swing dove il vero motore che fa viaggiare la palla è la pronazione dell'avambraccio ... questo è il segreto del "controllo" sul dritto ... tutto il resto ... fuffa.

Per cui deduco che : con palle nuove basta chiudere un pelo di piu' il piatto corde rispetto alle palle del cesto ...questo è quello che fanno quelli che dicono di avere "sensibilita' " e neanche se ne accorgono ... perchè ce l'hanno davvero ! Lo swing non cambia, la sbracciata nemmeno, e la palla nuova non finisce in rete perchè avendo piu grip parte piu' alta di quanto non farebbe la sua molle cugina... parte piu' forte ma scende prima perchè prende piu' rotazione .... a patto che proniamo quell'avambraccio malefico come dei dannati in preda alla disperazione, e ....BADA BEN, BADA BEN ..... con il polso a 90 gradi !!! Smile
....altrimenti, l'unico controllo che conosceremo sara' quello del bigliettaio sul treno..

Wink
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da Satrapo il Mar 02 Feb 2010, 13:22

albesca ha scritto:Lo swing non cambia, la sbracciata nemmeno, e la palla nuova non finisce in rete perchè avendo piu grip parte piu' alta di quanto non farebbe la sua molle cugina... parte piu' forte ma scende prima perchè prende piu' rotazione .... a patto che proniamo quell'avambraccio malefico come dei dannati in preda alla disperazione, e ....BADA BEN, BADA BEN ..... con il polso a 90 gradi !!! Smile
....altrimenti, l'unico controllo che conosceremo sara' quello del bigliettaio sul treno..

Wink
Ti quoto Albe, stavolta hai detto una cosa vagamente sensata! Il Re delle palle di pezza ... 786556
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da oedem il Mar 02 Feb 2010, 13:26

Satrapo ha scritto:
albesca ha scritto:Lo swing non cambia, la sbracciata nemmeno, e la palla nuova non finisce in rete perchè avendo piu grip parte piu' alta di quanto non farebbe la sua molle cugina... parte piu' forte ma scende prima perchè prende piu' rotazione .... a patto che proniamo quell'avambraccio malefico come dei dannati in preda alla disperazione, e ....BADA BEN, BADA BEN ..... con il polso a 90 gradi !!! Smile
....altrimenti, l'unico controllo che conosceremo sara' quello del bigliettaio sul treno..

Wink
Ti quoto Albe, stavolta hai detto una cosa vagamente sensata! Il Re delle palle di pezza ... 786556
incredibile amisci

il maestro ha promosso l'allievo

Il Re delle palle di pezza ... Lol

bravo Albe, dacci soddisfazioni Il Re delle palle di pezza ... Icon_cheers
oedem
oedem

Messaggi : 6055
Data d'iscrizione : 01.12.09

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da gp il Mar 02 Feb 2010, 13:45

albesca ha scritto:

Per cui deduco che : con palle nuove basta chiudere un pelo di piu' il piatto corde rispetto alle palle del cesto ...
non solo con palle nuove ma anche con palle che rimbalzano alte (es.: vecchie, dure e senza pelo)

albesca ha scritto: a patto che proniamo quell'avambraccio malefico come dei dannati in preda alla disperazione
solo se le correzioni sono piccole (ad es. se la tua statura è elevata e riesci a trovarti in buona posizione su una palla che rimbalza alta), altrimenti, secondo me, è meglio adottare una impugnatura più chiusa.
gp
gp

Messaggi : 1963
Data d'iscrizione : 11.12.09
Età : 59
Località : roma

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Dom 18 Lug 2010, 15:31

Mi è successo ancora..... stamattina avevo il torneo di doppio ..giocavo alle 12...
mi sono preso il campo con il mio socio per fare un po' di diagonali .... tutto bene...il dritto filava a meraviglia ...avevo trovato distanze e riferimenti perfetti.... non so se abbia mai tirato il dritto cosi' bene come in questa oretta di palleggio.

Palle head ATP ... quelle che usiamo sempre tra amici...

in torneo ci danno un tubo di palle spelacchiate PRINCE.... dure come sassi...

.. i riferimenti sul dritto non funzionavano piu'...ero sempre un po' lungo, ma sopratutto quella sgradevolissima sensazione di contatto duro mi infastidiva... come se io avessi associato l'impatto morbido al controllo di palla...

servizio uguale...tutto un palmo lungo..la palla non si lasciava lavorare..non so come spiegare...il contatto era una sensazione orribile ...durissimo... bah,
ho messo un po' a prenderci la mano...troppo tempo.... la partita era gia' finita... Smile

Ma devo davvero mettermi in borsa una racchetta identica con corde piu' tirate per gestire sti sassi ?????

Sapete che vi dico ... io sto a sentire zio gippi' ... e mi tengo sempre una racchetta incordata 2 kili in piu'.... alla fin fine quello che accade è che la palla dura piega di piu' le corde .... quindi è ovvio che esca piu' veloce del previsto dalle corde. Certo che uno bravo fa in fretta ad aggiustarsi....ma io ci metto troppo tempo... e poi fuori dal torneo sociale, non usero' mai quelle palline oscene.

Io alla prossima provo con corde piu' tirate .... e magari faccio un'oretta di test co sti sassi malefici .... ho risolto problemi ben piu' grossi di questa storiella assurda delle palle dure...e che cappero !!! Smile
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da marco61 il Dom 18 Lug 2010, 16:23

Vedi Alberto, la tua buona volontà ti ha fatto incorrere in un grave errore.
Le palline spesso possono essere molto diverse una dall'altra, il fatto di palleggiare a lungo immediatamente prima del match con una pallina sostanzialmente diversa da quella usata in torneo, è stato controproducente.
Non avresti risolto la cosa tenendo in borsa un telaio più teso rispetto al consueto, perchè comunque il tuo braccio aveva trovato un feeling con una pallina diversa e giocare il match con una palla con tutt'altre caratteristiche è diventato frustrante.
Avresti dovuto palleggiare con le stesse malefiche Prince, sarebbe stata tutta un'altra cosa.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10986
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da correnelvento il Dom 18 Lug 2010, 16:30

Personalmente... con le palle appena aperte cerco di aumentare lo spin.

Questo lo ottengo "verticalizzando" maggiormente la traiettoria della racchetta.

Questo mi permette di giocare "in sicurezza" fino a quando le palline si ammorbidiscono.

Un altro accorgimento è quello che le faccio scendere più in basso del solito prima si colpirle.

Questo mi permettere di colpire una palla più "scarica" e di imprimere maggiore rotazione alla stessa.
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16804
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da albesca il Dom 18 Lug 2010, 17:37

correnelvento ha scritto:Personalmente... con le palle appena aperte cerco di aumentare lo spin.

Questo lo ottengo "verticalizzando" maggiormente la traiettoria della racchetta.

Questo mi permette di giocare "in sicurezza" fino a quando le palline si ammorbidiscono.

Un altro accorgimento è quello che le faccio scendere più in basso del solito prima si colpirle.

Questo mi permettere di colpire una palla più "scarica" e di imprimere maggiore rotazione alla stessa.

ma sai, la palla nuova non è bastarda come la palla "scarsa" e dura ..queste erano pure usate ... sono dure per costruzione..
poi erano spelacchiate .. e cosi' il contatto diventa ancora piu' sgradevole. Io adesso gioco senza problemi con le Head ATP o con le Dunlop Fort appena stappate ... sono un po' piu' durette ma hanno il pelo nuovo e l'impatto è sempre gradevole, tutta un'altra storia.

poi considera che in doppio sembra di giocare con i piedi legati... prendere le distanze sembra essere un tantino piu' complicato... finisci sempre ad aspettare la palla con i piedi nel campo... e la distanza "magica", quella che ti consente di tirare a tutto braccio... non arriva mai... e quando cominci a fare una serie di errori di fila senza riuscire in tempi decenti ad auto-correggerti,
perdi fiducia e la frittata e fatta.( si giocava con set al 4 senza vantaggi .....bleahhh.....).
albesca
albesca

Messaggi : 1172
Data d'iscrizione : 19.12.09
Località : Prov. MI

http://www.tennisinveruno.it

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da marco61 il Dom 18 Lug 2010, 20:49

Albe, ho letto con più attenzione ed ho capito ora che non potevi sapere quali palline, e soprattutto in quale stato, avresti dovuto usare per il torneo.
Se davvero erano così malridotte forse la cosa migliore sarebbe stata rifiutare di giocare con quelle palline. Ok al torneo sociale, ma pur sempre torneo è, e anche la pallina ha la sua importanza.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10986
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Il Re delle palle di pezza ... Empty Re: Il Re delle palle di pezza ...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum