TENNISTEAM
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Chi è online?
In totale ci sono 2 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 320 il Dom 25 Lug 2021, 13:48
Ultimi argomenti attivi
» Verdasco e doping
Da Chiros Oggi alle 06:27

» Lorenzo Musetti
Da spalama Ieri alle 20:22

» Coppa Davis
Da MacP Gio 01 Dic 2022, 11:03

» Artengo TR990 Power Pro o Artengo TR990 Pro
Da st13 Mer 30 Nov 2022, 21:15

» Aliassime la meteora del tennis
Da correnelvento Mar 29 Nov 2022, 10:34

» Felix Auger Aliassime
Da correnelvento Mar 29 Nov 2022, 10:27

» Lorenzo Sonego
Da Pinox Lun 28 Nov 2022, 20:44

» Atp finals
Da slaze Lun 28 Nov 2022, 13:07

» Scommettere sul tennis...sì o no?
Da Juan8574 Lun 28 Nov 2022, 12:21

» Mansour Bahrami
Da nw-t Dom 27 Nov 2022, 23:36

» Ma le racchette sono migliorate realmente negli ultimi anni?
Da spalama Ven 25 Nov 2022, 11:41

» Nadal è al capolinea?
Da paoletto Gio 24 Nov 2022, 18:46

» Stefanos Tsitsipas
Da yatahaze Dom 20 Nov 2022, 09:11

» Alloggio a Brescia 8/10 dicembre
Da marco61 Dom 20 Nov 2022, 06:54

» Rovesci bimani
Da veterano Gio 17 Nov 2022, 01:01

» rovescio ad una mano
Da Davidev88 Lun 14 Nov 2022, 21:54

» United Cup
Da correnelvento Lun 14 Nov 2022, 18:59

» NextGen
Da spalama Dom 13 Nov 2022, 08:35

» Nuove corde per U12/14
Da marco61 Ven 11 Nov 2022, 21:55

» Pure Aero 2022
Da nw-t Ven 11 Nov 2022, 20:29

» Asini da circolo: quello che dice "non sa fare un rovescio in top"
Da yatahaze Mer 09 Nov 2022, 08:42

» Holger Rune
Da yatahaze Mar 08 Nov 2022, 14:30

» Qualche incordatore in provincia di Salerno?
Da giascuccio Lun 07 Nov 2022, 17:36

» Mercatini in rete
Da wetton76 Dom 06 Nov 2022, 19:34

» Fabio Fognini
Da johnnyyo Gio 03 Nov 2022, 11:31

conversione misure telai
Lun. inc  cm
Peso oz  g
Ovale inc2  cm2
Bil. HL  cm
     

Il tennista e la sconfitta.

+8
Ursus
b52_ste
frank
Satrapo
circeo3
Lupo65
Panacef
marco61
12 partecipanti

Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Ven 27 Mag 2011, 22:09


Personalmente, ho sempre pensato che l'Uomo (notate la "U" maiuscola) si vede di fonte alla sconfitta... perchè essere signorili quando si vince è troppo facile.

Perdere non piace a nessuno, e perdere a Tennis piace ancora di meno. Questo è un concetto chiaro a tutti.

Poichè la sconfitta tennistica (e non solo) è motivo di frustrazione, è ovvio che gli individui reagiscano in modi molto differenti dopo questo infausto avvenimento.

Sottolineo che non mi riferisco alla sconfitta con un tennista nettamente più forte, e quindi scontata... ma alla sconfitta subita dasll'odiatissimo avversario di Circolo, o dal pari classifica FIT!

Cercherò quindi di analizzare una serie di reazioni alla sconfitta tenute dai tennisti che ho avuto l'opportunità di osservare nei tanti (purtroppo) lustri di gioco che ho accumulato.

Nelle casistiche ci si potrebbe ritrovare qualche frequentatore del Forum. Voglio subito assicurare i lettori che quello che andrò a scrivere non è in alcun caso riferibile a Forumisti... ma solo e soltanto da giocatori conosciuti sui campi di gioco ed ai circoli e ai vari tornei di tennis a cui ho partecipato.

Come vi dicevo, essere sconfitti non piace a nessuno, e poichè il tennis è sport singolo, non possiamo scaricare le colpe su altri giocatori... quindi entra in gioco l'inconscio, che cerca di alleviarci questo maledetto tormento.

Ecco le tipologie classiche, le reazioni più comuni:

1. QUELLO CHE TROVA SCUSE: il più comune: lo avete conosciuto tutti. Tira fuori scuse (mai richieste) come un prestigiatore estrae conigli dal cappello a cilindro: Vento, sole, pioggia, lavoro, mogli, figli, racchetta, corde. Riesce a giustificarsi per ore, ritenendo le proprie scusanti motivo di interesse assoluto. In realtà nessuno lo ascolta.


2. QUELLO CHE PERDE CON I FENOMENI: è più raffinato. Minimizza la sua sconfitta elevando alla massima potenza le capacità dell'avversario. "Tirava sempre fortissimo sulle righe, serviva costantemente a 230 all'ora..." Ovviamente nessuno capisce perchè quel giocatore sia a malapena un 4.5 FIT.


3. QUELLO CHE DENIGRA IL GIOCO DELL'AVVERSARIO: usa una tecnica molto "femminile". Quando una donna incontra una più bella di lei, comincia a criticare aspramente ogni più piccolo difetto dell'avversaria. Ma se questa è una bella gnocca resterà una bella gnocca.... allo stesso modo in cui un cosiddetto "pallettaro" ti suona in campo, resterà sempre un tennista più solido di te, qualunque cosa tu dica di lui.


4. LO STATISTICO: ha la mente matematica. Dopo che ha perso 6-1, 6-1... con una serie di ragionamenti statistico-matematici su palle break non sfruttate e nastri presi dall'avversario ti dimostra, al di là di ogni ragionevole dubbio, che lui è più forte di te.


5. QUELLO CHE GIOCA PER DIVERTIRSI: è un bugiardo. Allo stesso modo di chi dice: "Non è questione di soldi, ma di principio". La realtà è che vorrebbe vincere, ma non ci riesce. Se giocasse solo per divertirsi, non lo direbbe. Si limiterebbe a divertirsi, giocando e basta.


6. QUELLO CON PROBLEMI FISICI: una vecchia volpe: Un malanno per ogni sconfitta. Alla fine deve comprarsi un'enciclopedia medica per conoscere nuove patologie.


7. IL TECNICO: anlizza la partita al microscopio, "Ho anticilpato troppo l'ovalizzazione dell'apertura rispetto all'angolazione del piede". Diventa vecchio studiando tecnica... ma non caccia una lira per fare cestini con un buon Maestro.


8. QUELLO CHE NON RIESCE A GIOCARE CON GLI SCARSI: la sua frase preferita è: "mi mandi fuori palla"...devo giocare con quelli più forti". L'avversario, attonito, non capisce come mai, dopo aver vinto 6-0, 6-0 venga snobbato dallo sconfitto.


9. QUELLO CHE MENTE SUI PUNTEGGI. Oggi ha perso 6-2, 6-1..... che domani diventa 6,4- 6-4.... e dopo un mese diventa una vittoria piena al terzo set. alla lunga, è vincente pure contro Federer.


10. QUELLO CHE GIOCA DA POCO. Subdolo: "Gioco solo da 2 anni... se giocassi da 30 come te, non ti vedrei neppure". Fantastico. Se io fossi nato con 5 palle, sarei un flipper!



Sicuramente ne dimentico molti.... ma potete aggiungere!

Saluti dal vecchio Corre. pirat



PS: Ma stringere la mano all'avversario e dirgli: "Bravo. Hai giocato bene, e hai meritato la vittoria" è un'opzione che non piace proprio a nessuno? Il tennista e la sconfitta. 786556

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da marco61 Ven 27 Mag 2011, 22:17

Io ne ho trovato uno che mi ha detto: "Ma non ti sei accorto che ho perso apposta perchè tanto domani parto?" Notare che avevo vinto 7/5 6/4 dopo due ore di lotta.


Tecnico dei materiali Fitp
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 11516
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 61
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Ven 27 Mag 2011, 22:21

marco61 ha scritto:Io ne ho trovato uno che mi ha detto: "Ma non ti sei accorto che ho perso apposta perchè tanto domani parto?" Notare che avevo vinto 7/5 6/4 dopo due ore di lotta.

Eccellente scusa, direi! cheers

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Panacef Ven 27 Mag 2011, 23:00

mmm oggi questo è il mio post... dopo 15 anni di stop assoluto, da circa 2 anni ho ripreso a giocare con una certa regolarità e fra lunedì e questa sera ho rimediato le prime 2 sconfitte al Torneo sociale. 1-6 3-6 al primo turno del torneo A ...esco e passo al torneo B. 0-6 3-6 ...FINE. non male dire!!

Il merito ai miei avversari che giocando profondo mi hanno impedito di aggredire col dritto lungolinea o anomalo ad uscire come mi riesce nei giorni migliori ma mi hanno costretto a difendere cosa impossibile per chi non ha una mobilità eccellente.

Pero forse la mia è anche presunzione, nel senso che obiettivamente avrei dovuto aspettare la prossima stagione, una preparazione atletica più adeguata, infatti in entrambi i casi ho perso con le gambe; o forse è la consapevolezza che da qualche parte bisogna pur iniziare e che la nostra reputazione non la fa certo il tennis ma piuttosto la maturità con cui si vive questo meraviglioso Hobby, nella buona e nella cattiva sorte, ricordiamocelo!

Corre che categoria sono??
Wink
Panacef
Panacef

Messaggi : 244
Data d'iscrizione : 18.11.10
Età : 59
Località : Castellarano (RE)

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Sab 28 Mag 2011, 06:30


Di quelli seri, direi!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Lupo65 Sab 28 Mag 2011, 08:11

Corre, bell'analisi; mi ci ritrovo in alcuni punti, ma stringo la mano e dico "ben giocato" all'avversario e mi tengo le lamentele per me stesso. In generale o perdo perche' ho davanti uno piu' bravo, o perche' ho avuto scelte tattiche da Napoleone a Waterloo, o perche' ho giocato na schifezza.

In realta' che io perda o che io vinca penso sempre a cosa avrei potuto far meglio, e se il dubbio e' grande allora tiro fuori i soldi e pago qualcuno che mi mostri cos'e' che devo cambiare/sviluppare. So di avere un limite naturale come tutti, ma c'e' sempre un margine di progresso a cui tutti possiamo accedere, che sia tattico o fisico o tecnico.

L'altra sera in un incontro di doppio parte del campionato qui nella mia provincia (il Tayside) ho vinto 6-1 6-1 contro una coppia formata da un 71enne e 62enne (contro me, 45enne e il mio partner 37enne). Il risultato non dimostra lo sforzo che abbiam dovuto fare per vincere; anche se non propriamente mobili, i nostri avversari tra slice, lob e palle corte ci han fatto sudare.
E questo e' il bello del tennis; a volte l'eta' non conta proprio, e che scusa avremmo potuto addurre se avessimo perso? Che tiravano mozzarelle, o ricottine? No, solo che avevano giocato meglio di noi. Smile
Lupo65
Lupo65
Moderatore

Messaggi : 5077
Data d'iscrizione : 17.01.11
Età : 57
Località : Kinross-shire

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da circeo3 Sab 28 Mag 2011, 08:36

Bellissima analisi, complimenti. A volte non è il tennista pero' che vince o perde una partita. Ho visto racchette che hanno subìto un set per 26 ed altre che sostituendo le prime nello stesso incontro hanno avuto un parziale di 55, oppure anche per la stessa racchetta, corde che scientificamente rendono nella stessa partita vari 15 in più o in meno.... il giocatore è relativo, conta di più l'attrezzatura.....
circeo3
circeo3

Messaggi : 921
Data d'iscrizione : 17.07.10
Età : 58
Località : SABAUDIA

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Sab 28 Mag 2011, 09:15

circeo3 ha scritto:Bellissima analisi, complimenti. A volte non è il tennista pero' che vince o perde una partita. Ho visto racchette che hanno subìto un set per 26 ed altre che sostituendo le prime nello stesso incontro hanno avuto un parziale di 55, oppure anche per la stessa racchetta, corde che scientificamente rendono nella stessa partita vari 15 in più o in meno.... il giocatore è relativo, conta di più l'attrezzatura.....

Very Happy

Grande Circeo!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Sab 28 Mag 2011, 09:18

Lupo65 ha scritto:Corre, bell'analisi; mi ci ritrovo in alcuni punti, ma stringo la mano e dico "ben giocato" all'avversario e mi tengo le lamentele per me stesso.

Questo è il funto focale della questione. Lupo.

Tutti noi abbiamo delle motivazioni, a fronte di una sconfitta. E' umano.

Ma dobbiamo tenercele dentro.

All'avversario non importa un caxxo se abbiamo dormito poco, o se il sole negli occhi ci infastidiva.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Satrapo Sab 28 Mag 2011, 15:09

marco61 ha scritto:Io ne ho trovato uno che mi ha detto: "Ma non ti sei accorto che ho perso apposta perchè tanto domani parto?" Notare che avevo vinto 7/5 6/4 dopo due ore di lotta.

Tanti anni fa ho assistito ad una cosa che in un certo senso si riallaccia a questo episodio.

Era un turno avanzato di un bel torneo di B, penso almeno quarti di finale, bella battaglia i due arrivano al tieb del secondo set e quello che aveva già vinto il primo si porta a match point ma prima di giocare il punto va dall'avversario e gli fa "Gran bella partita, ma te la do vinta perchè io stanotte ho il traghetto per la sardegna e la vacanza al villaggio prenotata, quindi anche se vincessi oggi, domani non potrei giocare".

Sulle prime la cosa lasciò tutti perplessi ma poi ripensandoci per quanto particolare ho trovato molto corretto il modo scelto dal giocatore per dare partita vinta al suo avversario; ha giocato tutto il match impegnandosi e faticando parecchio dimostrando comunque rispetto per avversario e torneo, e ha stoppato il match quando il punto che si stava per giocare poteva essere risolutivo (tra l'altro per lui!) dicendo però "ANCHE SE io vincessi", come a dire ok ho un match point ma non è detto che tu non potresti essere in grado di annullarlo e di portare a casa il match al terzo.

Per quanto mi riguarda invece agli inizi reagivo alle sconfitte in maniera particolare assillando tutti i presenti con l'ossessiva domanda "Ma come ho giocato?" credo nella speranza che qualcuno mi dicesse che avevo perso per mie colpe più che per inferiorità. lol!

Poi un po' grazie al grande vantaggio di averi iniziato da piccolo (cosa che ti forma perchè quando entri in una agonistica da ragazzino collezioni tante di quelle mazzate trovandoti quasi sempre di fronte ad avversari non solo più forti tennisticamente ma proprio inarrivabili per questioni anagrafiche perchè per un ragazzino di 12-13 anni scendere in campo con un C3-C2 di 30 era come essere investito da un tir in pieno petto!) ho capito presto quanto fosse comune e utile perdere a tennis, soprattutto grazie alla illuminata guida di alcuni che ebbero la sincerità di iniziare a rispondere alla mia domanda con argomentazioni sensate del tipo: beh per come giochi adesso se la rifai 100 volte sta partita la perdi 150 volte!

Guardando in faccia la realtà e lavorandoci sopra pian piano ho iniziato a perdere un po' di meno e contemporaneamente ho "magicamente" capito che sul campo da tennis chi esce sconfitto in quel giorno è stato tennisticamente inferiore al suo avversario, ovvero ha giocato un tennis peggiore quindi poche chiacchiere e dal giorno dopo si ricomoncia con la solita routine: palla in campo e pedalare!
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ospite Sab 28 Mag 2011, 15:58

Satrapo ha scritto:

Ho capito presto quanto fosse comune e utile perdere a tennis, soprattutto grazie alla illuminata guida di alcuni che ebbero la sincerità di iniziare a rispondere alla mia domanda con argomentazioni sensate del tipo: beh per come giochi adesso se la rifai 100 volte sta partita la perdi 150 volte!

Guardando in faccia la realtà e lavorandoci sopra pian piano ho iniziato a perdere un po' di meno e contemporaneamente ho "magicamente" capito che sul campo da tennis chi esce sconfitto in quel giorno è stato tennisticamente inferiore al suo avversario, ovvero ha giocato un tennis peggiore quindi poche chiacchiere e dal giorno dopo si ricomoncia con la solita routine: palla in campo e pedalare!

Ricopiate le frasi in grassetto, e leggetele tutte le sere dopo le preghiere (per chi non prega, come me)... possono andare bene pure al mattino, dopo aver bevuto il caffè!

Scherzi a parte... la maggior parte delle persone che non accettano in maniera equilibrata la sconfitta, commettono a mio avviso l'errore di pensare che tutto il mondo tennistico ruoti intorno a quella sconfitta.

La realtà, invece, è che non gliene importa un caxxo a nessuno.

L'unico ad essere amareggiato è solo lo sconfitto

Giustificarsi con tutto il mondo serve soltanto a farsi prendere in giro dai colleghi di racchetta. pirat

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da frank Sab 28 Mag 2011, 17:43

circeo3 ha scritto:Bellissima analisi, complimenti. A volte non è il tennista pero' che vince o perde una partita. Ho visto racchette che hanno subìto un set per 26 ed altre che sostituendo le prime nello stesso incontro hanno avuto un parziale di 55, oppure anche per la stessa racchetta, corde che scientificamente rendono nella stessa partita vari 15 in più o in meno.... il giocatore è relativo, conta di più l'attrezzatura.....

Grandissimo socio Very Happy

correnelvento ha scritto:
Lupo65 ha scritto:Corre, bell'analisi; mi ci ritrovo in alcuni punti, ma stringo la mano e dico "ben giocato" all'avversario e mi tengo le lamentele per me stesso.

Questo è il funto focale della questione. Lupo.

Tutti noi abbiamo delle motivazioni, a fronte di una sconfitta. E' umano.

Ma dobbiamo tenercele dentro.

All'avversario non importa un caxxo se abbiamo dormito poco, o se il sole negli occhi ci infastidiva.

Quoto al 100%...quando si perde niente scuse..ONORE ALL' AVVERSARIO Il tennista e la sconfitta. 87822
frank
frank

Messaggi : 5697
Data d'iscrizione : 28.01.11
Età : 51
Località : Latina...già Littoria Olim Palus

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da b52_ste Lun 30 Mag 2011, 17:42

Ahahahahah GENIALE questo post!!! Very Happy

Uno dei miei avversari è un misto tra il 2 e il 6... il problema è che comincia già prima ancora di entrare in campo!!! Neutral "e questa settimana ho avuto il torneo di calcetto, la maratona di New York, la scalata dell'Everest..." Ah, UN ATTIMO: quindi è una nuova categoria: IL SUPERIMPEGNATO! Cool
b52_ste
b52_ste

Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 30.05.11
Età : 40
Località : Faenza

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Ursus Lun 30 Mag 2011, 18:25

11.0 Quello che si incaxxa come una bestia - purtroppo quello sono io che in 4 incontri di coppa italia, 2 singoli e 2 doppi ne devo ancora vincere uno.... sono da analista !!!! muro
Ursus
Ursus

Messaggi : 673
Data d'iscrizione : 05.02.11
Età : 56
Località : Modena

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da garadel Lun 20 Giu 2011, 01:37

In campo sempre rispetto per l'avversario .. ma poi con i compagni di squadra ..

"..'sto pallettaro m'ha mandato fuori palla, ma poi ho dormito solo 2 ore stanotte, non avevo gli occhiali e quando lanciavo la palla sembrava ci fosse un'eclissi solare.."

Sono più per la discussione a tavolino sul telone di fondo con le mie molteplici personalità dopo X punti sbagliati:

"Allora? Che vogliamo fare?" , "Non li sai fare quei colpi!!!" , "Basta con questo back! Tiralo a tutto braccio il rovescio!!!" .. "PIEGALEEEEEEEEEEEE!" .. potete immaginare. Smile

garadel

Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 18.06.11
Età : 37

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Psyco Lun 20 Giu 2011, 10:25

Io di solito quando perdo con uno piu debole o del mio calibro rispondo semplicemente cosi:

Mio amico: " cos'è successo?" (Dopo la sconfitta)
IO: " E' successo che sono un coglione"

Vincevo 3-0 con un 4.4

Ora marco capirà perche il mio nome diventerà leggenda XD

Psyco

Messaggi : 83
Data d'iscrizione : 23.01.11

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da stetennis Lun 20 Giu 2011, 11:10

Io quando perdo con uno che gioca male, tira poco profondo e/o lento,
mi rendo soltanto conto di quanto sia ancora scarso tecnicamente.
Certo mi chiedo come fare a migliorare, anche se spesso non mi so dare risposte...

Però non c'è da preoccuparsi tanto. Da quel poco che ho capito
i 4 categoria, divisi nei loro tanto gironi, sono veramente scarsi tecnicamente.
I gap tecnici sono così grandi che ha poco senso torturarsi se un colpo viene male o bene. Non solo il livello medio dei colpi è basso, ma soprattutto lo è la varianza. In altre parole, un 4 dovrebbe stupirsi anche per i colpi che gli escono bene! Ha ragione Sat: cesto, cesto e cesto!!!!

stetennis
stetennis

Messaggi : 497
Data d'iscrizione : 29.07.10

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da alain proust Lun 20 Giu 2011, 11:26

io sono ipercritico verso me stesso, al limite del masochismo. non mi sento di appartenere a nessuna delle categorie "corriane", che conosco però tutte... Laughing
quando perdo so che è perchè l'altro ha meritato, e questo basta. avrà giocato meglio, forse meno peggio, ma ha meritato perchè il punteggio parla da solo.
nel merito, se il gap non è eccessivo (se trovo uno troppo superiore a me, non c'è storia e non mi devo contrire troppo) di solito mi autoflagello incolpando sempre e solo me stesso , per la mia tecnica e il mio fisico e "punendomi" con un'ora di servizi in solitaria (perchè spesso le mie sconfitte partono da lì, in più aggiungici il resto...).
poi corro ai ripari con un'ora riparatoria col maestro cercando di metterci qualche pezza.
alain proust
alain proust

Messaggi : 619
Data d'iscrizione : 13.12.10

Torna in alto Andare in basso

Il tennista e la sconfitta. Empty Re: Il tennista e la sconfitta.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.