Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Letture suggerite
Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 6 utenti online: 1 Registrato, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

aless

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Dimitrov segue l'esempio di Federer
Da gabr179 Oggi alle 07:09

» Impresa impossibile
Da Chiros Oggi alle 07:00

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da max1970 Gio 09 Lug 2020, 18:37

» Una bella intervista a Wilander
Da veterano Gio 09 Lug 2020, 16:32

» Il servizio bistrattato
Da Matteo1970 Mar 07 Lug 2020, 17:05

» Tappy Larsen
Da Chiros Mar 07 Lug 2020, 13:08

» Racchetta definitiva
Da spalama Mar 07 Lug 2020, 12:05

» Formula Uno 2019
Da Tempesta Sab 04 Lug 2020, 10:06

» Impostare una dieta dimagrante "sostenibile"
Da patillo Ven 03 Lug 2020, 08:46

» Rubare è un'arte ? Certo che sì .....
Da superpipp(a) Mar 30 Giu 2020, 22:56

» Muro a Milano
Da miguel Lun 22 Giu 2020, 18:16

» La regola che cambiereste
Da Tempesta Lun 22 Giu 2020, 10:22

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

chat

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da veterano il Mar 23 Apr 2013, 22:46

Ciao Leyt,allora ho visto anche il post del tuo compagno di battaglie.
Bueno come ti dicevo non ti preoccupare se devi lavorare piu' degli altri,non tutti siamo dotati,tennisticamente parlando eh eh eh.
Purtroppo si fa un sacrificio in piu e si dedica un po piu di tempo.
Ma quello che mi fa pensare e' proprio la tua mentalita'.Se hai incominciato a giocare in eta' adulta quello del pensare troppo e' un problema che assilla molti giocatori come te.
La soluzione e' allenaresi a non pensare.Nel senso che se la tua tecnica e' sicura perche' devi pensare,a cosa pensi............devi pensare a giocare.....ma poi neanche tanto.Nel senso che devi imparare a gestire l'attenzione quando ti serve e non farti distrarre da altri pensieri,creandoti una routine personale.L'errore va accettato come tale e non puo essere frutto di distrazione.ora se tu opensassi a giocare a tennis ,nel senso che devi concentrarti a prendere il tempo con il tuo avversario e guardare la palla quando colpisci,concentrandoti magari sul tuo respiro,da pensare non hai molto,ne hai abbastanza per giocare un tennis decente.Se il dubbio e' cosa devo usare per giocare sta palla,perche' ho diverse frecce al mio arco,bene qual'e la freccia piu precisa quella che mi da piu sicurezza.....bene gioco quella.Il pensare troppo per quello che riguarda il tennis non fa mai bene.Ora detto questo per avere delle sicurezze devi anche crearti un tuo tipo di gioco con degli schemini.IL tennis e' uno sport di situazione e puo darsi che tutti inostri bei schemini a secondo dell' avversario non funzionino a dovere,ma avere gia' prima di cominciare il punto un idea chiara di cosa si andra' a fare e' gia' un buon punto di partenza.Cioe' servo li perche' dopo se servo bene il secondo colpo sara' quello li e cosi via dicendo.Anche quando sei in risposta devi avere una strategia e sapere quale sara' la reazione del tuo avversario a seconda della tua risposta.Ora il tennis come bene sai si gioca sulle diagonali maggiori,ed e' un gioco geometrico,una volta imparate le geometrie del gioco,le scelte prese devono essere baste sui tuoi colpi migliori,non su quello lo so fare e ogni tanto mi entra.
Bueno detto questo il mio consiglio e' impara a getire la concentrazione e sentire il tuo respiro,accetta l'errore come quando fai un vincente,e allenati per costruiirti un gioco tuo basato su dei colpi sicuri.Le strategie in quarta non sono molte,basta migliorare i fondamentali quel tanto che serva a non dover pensare pìu al gesto tecnico.Difficile??? assolutamente no.......credimi con un servizio ben allenato una risposta decente e un dritto pesantino,come dicevo ad oedem in un post precedente,la quarta te la voli........Bueno animo e quando ti passano pensieri negativi per la testa ,pensa a giocare facile...........fai un bel respiro e concentrati sulle cose che servono.......in genere si gioca con un oggetto giallo e sferico. e a volte basta mettere piu attenzione su di esso quando devi colpire ed il gioco e fatto.Vedrai abbi fiducia nei tuoi mezzi e gioca i tuoi colpi piu' sicuri.....
veterano
veterano

Messaggi : 913
Data d'iscrizione : 09.01.10

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da oedem il Mer 24 Apr 2013, 08:14

veterano ha scritto:o.......credimi con un servizio ben allenato una risposta decente e un dritto pesantino,come dicevo ad oedem in un post precedente,la quarta te la voli........
mi permetterei di aggiungere all'elenco fatto anche due gambe attive e reattive perché, se sei immobile e hai una autonomia di 15 minuti, puoi anche essere Federer e giocare un tennis champagne per un po' ma alla fine perdi e uscirai dal campo con la bombola d'ossigeno e le allucinazioni Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 786556
oedem
oedem

Messaggi : 6055
Data d'iscrizione : 01.12.09

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da MSport il Mer 24 Apr 2013, 08:35

letyoursoul ha scritto:
veterano ha scritto:Vedy letyoursoul la tua ultima frase mi da molto da pensare.
Io penso troppo.........e sono poco dotato........
Ho letto tutto il tuo post e per consolarti ti posso dire che non sei l'unico a dover lavorare piu degli altri per mantenere un certo livello,comque la cura ce.........vediamo se riesco a buttare giu' qualcosa stassera.......ora devo scappare in campo a tirare palline.........

Vet, sto aspettando la cura...
Non voglio metterti fretta, ma potresti avere sulla coscienza un abbandono Exclamation
Scherzo ovviamente, ma se hai qualche indicazione da darmi sono qui.
Grazie

Let

ma tu che giocatore sei?
sei un bravo "giocatore della domenica" ma senza mire di classifica oppure sei uno che si dedica assiduamente?
te lo chiedo perchè dalla descrizione di pacianka, mi sembri un giocatore dotato tecnicamente (chop di dritto mica roba facile) ma acerbo tatticamente, uno spirito libero sul campo che opta per scelte estemporanee piuttosto che ragionate o meglio ancora "tattiche".
Te lo chiedo perchè purtroppo il tennis anche in quarta è uno sport di percentuale, piuttosto tattico, dove spesso prevale chi sbaglia meno piuttosto che chi fa i famosi "punti più belli", che alla fine valgono ne più ne meno di un errore non forzato o un doppio fallo...

MSport
MSport

Messaggi : 2477
Data d'iscrizione : 17.09.11
Età : 49
Località : Trezzano S/N (MI)

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da letyoursoul il Mer 24 Apr 2013, 08:58

veterano ha scritto:......Bueno animo e quando ti passano pensieri negativi per la testa ,pensa a giocare facile...........fai un bel respiro e concentrati sulle cose che servono.......in genere si gioca con un oggetto giallo e sferico. e a volte basta mettere piu attenzione su di esso quando devi colpire ed il gioco e fatto.Vedrai abbi fiducia nei tuoi mezzi e gioca i tuoi colpi piu' sicuri.....

Grazie Vet, sono consigli che cercherò di mettere in pratica.
Mi sembra di capire che un pò tutti cercate di dirmi di essere più positivo: forse è proprio questo il problema!
Io sono troppo critico e bloccato nei confronti di me stesso.
Il maestro dell'agonistica giovanile, con la quale ogni tanto mi alleno, mi ha detto questo: "devi essere disposto ad entrare in campo rischiando di prendere un 0-6, 0-6, ma giocando il tennis di cui sei capace e lasciando andare il braccio (attenzione, non sparando a caso...) e questo devi essere disposto a farlo in torneo e non solo per una partita..."
Proverò, ma secondo me ci vuole comunque sempre un progetto di fondo, anche ai nostri infimi livelli (miei).
letyoursoul
letyoursoul

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 27.06.11
Età : 51
Località : Nord Ovest

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da letyoursoul il Mer 24 Apr 2013, 09:48

Msport ha scritto:
Let ma tu che giocatore sei?

Bella domanda Msport!
Di quelle grosse e grasse...
di quelle che a pensarci bene puoi spaventarti a dare una risposta.

Ora, ognuno di noi spesso ha una percezione di se stesso molto differente rispetto alla percezione che gli altri hanno.
Io francamente non saprei dirti chi sono tennisticamente, forse perchè non sono ancora realmente niente.
Parto da alcuni presupposio oggettivi:
1) 44 anni, 1.75*68 kg, discreto allenamento, pratico molti sport, troppi e non sono realmente focalizzato, come dovrei per avere risultati, su niente (amo di ardente passione ciò che faccio e non riesco ad eliminare qualcosa!);
2) in età giovanile ho fatto qualche corso tennis non agonistico, ma nulla più. Poi ho giochicchiato con amici fino al liceo;
3) a settembre del 2008 dopo 20 anni di buio tennistico un mio caro amico mi riporta sui campi, ed è il lampo!
4) da allora ho cominciato a fare un pò più sul serio: 2/3 ore settimana, maestro e allenamenti;
5) primo infortunio, il polso fa crack e devo subire un piccolo intervento di pulizia (una plica della guaina dei tendini pizzicata provocava forte dolore) fermo 9 mesi in tutto;
5) 2010/2011 riprendo gradualmente, mi convincono a fare la tessera FIT, qualche torneo e campionato a squadre D3, arrivo ad essere 4.3 in meno di un anno (ma so che non significa niente, i giocatori seri, secondo la mia breve esperienza, si incominciano a vedere dal 4.2 in su, sempre che non siano dei finti NC);
6) 2012 secondo stop, preso da passione imparo ad incordare (male, ovviamente) e dopo un pò di esperimenti mi spacco il gomito con una APD + MSV focus HEX a 25 kg giocando d'inverno a temperature polari. Epicondilite, prima acuta e poi cronica, stop quasi definitivo di un anno, durante il quale a singhiozzo faccio giusto qualche partita e qualche allenamento senza avere un minimo di continuità e soffrendo sempre al gomito;
7)fine 2012 e inizio 2013 "l'alba di un nuovo mondo". Resetto la mia frenesia compulsiva e mi accatto due PK 15 300, ci monto sopra un multi di controllo (RIP CONTROL) e ricomincio. Il braccio regge e piano piano riprendo un pò di fiducia.
Cool sto giocando nuovamente 2/3 ore a settimana, il gomito è sotto controllo anche se non ancora perfetto.
Ora passo agli elementi soggettivi.
1) mi sento ancora molto acerbo tennisticamente parlando;
2) cuore, gambe sempre: tecnica così così;
3) i colpi più naturali sono la volée (più per doti fisiche che tecniche), il servizio e il back;
4) il colpo più costruito è il dritto, con il quale tiro pallettoni arrotati (presa abbastanza estrema) e se in fiducia spingo;
5) per forza di cose ho dovuto eliminare il rovescio ad una mano e passare a quello a due: dicono, gli altri, che mai infortunio fu più provvido. Prima sbagliavo adesso, con il due mani improvvisato almeno un pò mi difendo (ci ho fatto comunque qualche lezione sopra), ma i margini sono ancora enormi. Diciamo che essendo mobile arrivo bene sulla palla, ma di lì in poi è un salto nel buio;
6) tatticamente spesso leggo bene le partite, infatti mi fanno fare il coach in partita, ma solo quando si tratta di quelle degli altri... nelle mie invece mi perdo come nelle sabbie mobili. Ho diversi schemi, tutti ballerini. Diciamo che i più percentuali sono: diagonale di dritto (anche anomala) con pallettoni profondi e attacco in controtempo; Serve & volley con chip sostanzialmente in pareggio; back in avanzamento, lungolinea o incrociato sul quale a volte fingo l'attacco e faccio palla corta; il famoso chop di dritto (che sto cominciando ad odiare perchè mi rendo conto essere il classico colpo rifugio del coniglio). Tutto il resto è remare, sempre e comunque. Prima di farmi male al gomito, stavo imparando a chiudere con il dritto e sembrava funzionare. Adesso che sto riprendendo fiducia ci provo di nuovo e sembra possa essere uno step da consolidare (ma dipende da chi ho di fronte e da che palla mi offrono);
7) ho un vantaggio non indifferente, mi alleno sempre con due soci più forti 4.2 e 4.1 armati di pazienza, tanta.
Diagnosi?
"tennista della domenica", "insano di mente" o "finto pessimista illuso"
Ciauz
letyoursoul
letyoursoul

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 27.06.11
Età : 51
Località : Nord Ovest

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da Kingkongy il Mer 24 Apr 2013, 09:55

Mi sembra un consiglio "strano" quello dato dal maestro....anche se delle giovanili. Per carità, a te Let, serve non portarti in campo un po' di fantasmi, ma non mi sembra il massimo "accettare" il non-risultato "prima".
Secondo me, è importante accettare "durante" ma il fuoco agonistico deve bruciare sempre. Non è facile, me ne rendo conto, ma "la partita" e' il superamento dei nostri limiti. Accettarli per poi spostarli un poco alla volta.
Il salto di qualità - secondo me - lo fai ribellandoti "al solito errore".
Puoi accettare "anche" 6-0...ma solo ed esclusivamente se non hai fatto uno e uno solo dei "soliti errori". Chop per primo.
Per intendersi, in campo non si entra per un 6-0 nemmeno da Federer. Non esiste proprio!

Kingkongy

Messaggi : 833
Data d'iscrizione : 07.02.13

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da letyoursoul il Mer 24 Apr 2013, 10:24

Kingkongy ha scritto:
...Per intendersi, in campo non si entra per un 6-0 nemmeno da Federer. Non esiste proprio!

Giustissimo King!
Credo che il maestro, armato di santissima pazienza e conoscendo il mio blocco congenito, volesse proprio dirmi questo: di entrare in campo non per subire il cappotto senza reazione, ma di giocare senza freni inibitori e senza troppa paura del risultato (che lui individuava come spettro dei miei pensieri). Però forse ci hai visto meglio tu: l'unico vero spettro sono io...
Grazie
letyoursoul
letyoursoul

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 27.06.11
Età : 51
Località : Nord Ovest

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da oedem il Mer 24 Apr 2013, 11:08

let,
hai buon diritto, servizio e back naturali: che vuoi di più?
se il tuo diritto è profondo e arrotato, cosa ti manca per vincere?
pressi sulla diagonale di diritto, butti fuori dal cambo il tuo avversario, giochi lungolinea e casomai chiudi con voleé.

forse, e dico forse, pazienza di costruire il punto?
fretta nel chiudere dopo pochi scambi?

con servizio e diritto si gioca a tennis e si vince

Io fossi in te inizierei a giocare con un obiettivo: zero gratuiti
oedem
oedem

Messaggi : 6055
Data d'iscrizione : 01.12.09

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da letyoursoul il Mer 24 Apr 2013, 11:26

oedem ha scritto:let,

Io fossi in te inizierei a giocare con un obiettivo: zero gratuiti

Grazie medeo!
Il problema è che in partita quel dritto mi si incartapecorisce... più la partita si fa combattuta e meno lo tiro.
Con la tattica "zero gratuiti" divento il peggiore dei palletari e la frustrazione (mia) diventa talmente forte che sbaglio per irrigidimento progressivo... Very Happy
No, voglio un gioco che almeno provi ad essere propositivo: già di mio remo, ma voglio remare cum sensum!

letyoursoul
letyoursoul

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 27.06.11
Età : 51
Località : Nord Ovest

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da oedem il Mer 24 Apr 2013, 11:37

allora ecco la soluzione: mille cesti di diritto finché questo non la smette di "incartapecorire" e così puoi tirarlo senza rischi.

però sappi che neanche i pro tirano sempre i colpi, perché dovrebbe farlo un quarta???

secondo me tutto nasce da una base di insicurezza e puoi giocare meglio di quanto ti riesce.

giocare a zero gratuiti mica significa solo alzare campanili infiniti senza peso?
puoi benissimo giocare con zero gratuiti con un bel diritto toppato e profondo e ti assicuro che veder il proprio avversario faticare e indietreggiare e perder campo da soddisfazione.
inoltre col back (che ti riesce naturale) hai anche modo di variare il tipo di palla che l'avversario subisce.

guarda la palla, pensa solo a lei e a nient'altro e secondo me, concentrandoti su questa, svaniranno i tanti pensieri che si affacciano nella tua testa portandoti a irrigidimenti e altro.
oedem
oedem

Messaggi : 6055
Data d'iscrizione : 01.12.09

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da letyoursoul il Mer 24 Apr 2013, 11:44

Bene, grazie!
Ora sotto con gli allenamenti.
Oggi oretta sul cemento, vediamo di mettere assieme i pezzi!
letyoursoul
letyoursoul

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 27.06.11
Età : 51
Località : Nord Ovest

Torna in alto Andare in basso

Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis - Pagina 2 Empty Re: Cronaca di una serata di mezza primavera e di mezzo tennis

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum