Tennis Team
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Letture suggerite
Uno sguardo al mercatino
Chi è online?
In totale ci sono 7 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 7 Ospiti

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 80 il Lun 28 Mag 2012, 19:40
Ultimi argomenti
» Racchetta definitiva
Da marco61 Ieri alle 23:07

» E CALCIO SIA........IN FONDO SIAMO ITALIANI
Da max1970 Ieri alle 19:54

» Il servizio bistrattato
Da ace59 Ieri alle 10:02

» Impostare una dieta dimagrante "sostenibile"
Da patillo Ieri alle 08:46

» Rubare è un'arte ? Certo che sì .....
Da superpipp(a) Mar 30 Giu 2020, 22:56

» Impresa impossibile
Da Riki66 Mar 30 Giu 2020, 13:46

» Muro a Milano
Da miguel Lun 22 Giu 2020, 18:16

» La regola che cambiereste
Da Tempesta Lun 22 Giu 2020, 10:22

» Opinioni
Da correnelvento Ven 19 Giu 2020, 14:46

» FEDERER MI COPIA!
Da Tempesta Gio 18 Giu 2020, 23:13

» Babolat Pure Aero 2019
Da Attila17 Gio 18 Giu 2020, 14:06

» Djkovic è al capolinea ?
Da correnelvento Gio 18 Giu 2020, 06:12

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

chat

Era piú divertente il tennis del passato ?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Ospite il Mar 10 Ago 2010, 12:34

Spesso leggo post nostalgici sui tennisti del passato, com'erano piú bravi e come si potrebbe oggi rendere il tennis piú divertente, come si potrebbe tornare a serve and volley ecc.ecc.
Se peró mi faccio un po' di storia mi rendo conto che l'unico vero dato spettacolare era la carenza fisica dei giocatori e la relativa incapacitá di giocare il tennis percentuale che, piaccia o non piaccia é la filosofia vincente di questo sport.
Oggi il tennis é studiato, studiato e impostato a tavolino molto piú di anni fa, impostato sulla prestazione fisica e sulla filosofia di gioco, e questo se vogliamo lo rende noioso, é un tennis computerizzato.
Un Korda ad esempio che tanto mi ispiró ed esaltó in passato, oggi non avrebbe possibilitá, finirebbe per giocare i challenger o sarebbe costretto anche lui ad adeguarsi ad un tennis percentuale.
E non c'é soluzione, modifiche tecniche o di materiali non farebbero altro che peggiorare lo spettacolo e non farlo tornare al divertente di un tempo.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Satrapo il Mar 10 Ago 2010, 13:53

Comunque ai nostalgici del passato consiglio di vedere i match di Vilas sulla terra, in particolare un epico scontro contro Wilander in cui un giovane svedese in tutto il match applicò di sua spontanea volontà la regola dell'unica palla di servizio, visto che mise sempre in campo la prima palla limitandosi ad una messa in gioco dalla quale scaturivano palleggi lunghissimi fatti solo di innocue palle ributtate dall'altra parte fino allo sfinimento per noia. Era piú divertente il tennis del passato ? Lol

La nostalgia del passato è dovuta in gran parte alla mancanza di documentazione video estesa a tutti i match (e non solo ai grandi scontri), i primi turni degli slam erano spesso imbarazzanti, per non parlare del livello che si toccava nei tornei non di primissimo piano.

Oggi nel tennis maschile una finale Future è già un match tecnicamente godibile e i primi turni a livello ATP sono già match di livello tecnico molto elevato.

Prima levati i 4-5 campioni-fenomeni che ogni era ci regala, il livello medio era imbarazzante, la componente fisica del tutto casuale e la qualità media dei match raccapricciante.

Certo se prendiamo solo i magnifici ritagli del passato come il mitico tieB McEnroe - Borg a Wimbledon, le giocate di SuperMac o il divino serve and volley di Edberg, o il continuo attacco di Rafter ad un certo signor Sampras etc. etc. e giudichiamo SOLO da questo tutto il tennis del passato avremo un quadro della situazione un pochino limitato e fuorviante. Il livello tecnico del tennis si valuta considerando il livello tecnico del movimento.

Non fatevi ingannare dalla nostalgia, per valutare il livello del tennis si deve valutare il livello medio dei primi 200 del mondo, perchè i pochi fenomeni di ogni epoca continuano a regalarci di tanto in tanto epici match (anche oggi ogni tanto salta fuori il partitone!) ma se guardiamo al livello tecnico medio non c'è paragone, basta guardarsi e confrontare i primi turni dei tornei importanti per rendersi conto che il tennis moderno sovrasta quello del passato, come accade in tutti gli sport dove l'aspetto fisico-tecnico ha un peso rilevante.

Sui gusti non si discute e chi non ama il tennis moderno non lo amerà mai, però non bisogna commettere l'errore di giudicare il tennis del passato solo guardando i match epici tralasciando tutto il resto.

A me questo fa inorridire, a questa finale di Parigi preferisco di gran lunga una finale in un qualsiasi torneo di seconda categoria di oggi, e anche questo era il tennis del passato e non parliamo di scapoli ammogliati, è una finale del Roland Garros tra VILAS e WILANDER!!



Se vedessi un quarta categoria oggi muoversi a questi ritmi passeggiando per il campo tra un colpo e l'altro con la racchetta "penzoloni" lo prenderei a sediate!
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da dummy il Mar 10 Ago 2010, 14:18

Ho visto il punto; quello che colpisce è come wilander giocasse molto corto e come vilas non abbia mai approfittato; paradossalmente, quando vilas ha accorciato, wilander ha attaccato e chiuso il punto...

Oggi su un qualunque diritto di wilander un qualunque ATP 100 attaccherebbe!!!!

dummy

Messaggi : 73
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da correnelvento il Mar 10 Ago 2010, 16:39

Satrapo... questa finale la ricordo bene, la vidi in tv in diretta.

Fu un match particolare, nel senso che Vilas, intervistato anni dopo, disse (e non era una scusa) che prese una sorta di insolazione e non ebbe le forze in tutto l'incontro.

Il fatto, a mio parere, che non si possono fare paragoni negli sport di epoche differenti: tutti gli sport si evolvono, in particolare dal punto di vista atletico.

Se, per esempio si guardano le partite di Pelè oggi... sembra giochi alla moviola. ma è evidente che, allenato con i metodi di oggi, sarebbe ancora un numero uno... senza dubbio!

I campioni vanno rapportati all'epoca in cui giocavano... LORO erano i migliori del mondo.

Evidentemente, quando in uno Sport il lato atletico diventa prioritario... il livello medio si alza di molto...

Bisogna pure considerare che il nuovo tipo di tennis violento è stato reso possibile (come ha giustamente affermato Todd Martin) dalle corde monofilamento.

I giocatpri si sono adattati... gli effetti sono triplicati, le risposte al servizio micidiali... i Kick impressionanti.

Pensate a Tanner oggi... o al gioco da fondo che avrebbe potuto sviluppare Borg comn grafite e luxilon... Pensate forse sarebbe stato più scarso di Coria... che al suo apice era al livello di Nadal (su terra?)...

Non credo proprio.

Io li ho visti tutti dal vivo... i campioni anni 70.

Quello che posso dire che mi avevano impressionato esattamente come quelli di oggi (che, ovviamente giocano un tennis molto superiore)...

...con la differenza che mi divertivo molto di più. Forse perchè ero più giovane...
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16780
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da marco61 il Mar 10 Ago 2010, 22:08

Una cosa è inconfutabile: la palla una volta viaggiava di meno e c'era più spazio per la fantasia. Un Panatta che all'epoca deliziava tutti con smorzate e stop volley, con attacchi in back, veroniche ecc., oggi, a quel ritmo, farebbe fatica in terza categoria. All'epoca se avevi un buon braccio, non serviva tanta forza fisica per arrivare in alto. Considerate che Paolo Bertolucci è stato n° 12 del mondo, e non serve dire altro.
Era un altro tennis, vincenti da fondo non se ne vedevano, gli scambi erano più lunghi. Io mi divertivo di più, adesso se proprio non vedo giocare i migliori difficile riesca a seguire un match per intero.
Il periodo di cui parla Satrapo, secondo me, rappresenta il momento più nero nella storia del tennis. Erano i primi tempi del top spin, ancora non esistevano le giuste contromisure, le impugnature non erano così esasperate come oggi, e chiudere il punto o semplicemente venire avanti su palle di quel genere era davvero difficile. Adesso se appena rallenti, l'avversario ti entra in campo e fa dei buchi per terra.
Non ci si divertiva certo a vedere quelle partite. Ricordo una finale a Montecarlo tra Wilander e Arias, inguardabile.
Ecco, tolto quel particolare periodo, io mi divertivo di più seguendo le partite di una volta. Adesso è più questione di fisicità, ma io alle botte ho sempre preferito le carezze.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10981
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Ospite il Mer 11 Ago 2010, 12:50

Ecco, su un punto in particolare mi premeva sottolineare.
Il tennis non è cambiato per colpa dei materiali o dell'improvvisa perdita di fantasia dei giocatori, o peggio ancora come diceva un tizio di quelli che sparano giudizi gratuiti da teletennisdipendenza per colpa degli allenatori che non insegnano più le volèe.
Il tennis è cambiato perchè ci si è accorti che la percentuale è fondamentale, correre, saper fare due cose e metterla sempre dentro rende molto di più che inventarsi i colpi. Che poi si chiama basso livello di rischio.
E questo esisteva dai tempi che furono. Borg era bello a vedersi solo quando giocava contro McEnroe o Connors, ma un incontro Borg-Wilander sarebbe stato di una noia mortale, Ad esempio, in pochi sanno che Wilander sapeva giocare a rete come pochi, e infatti vinse moltissimi titoli in doppio, ma il non rischiare era una precisa scelta tattica la sua.
Qualcuno si riscorda Dibbs e Solomon ? Ore e ore di palleggi, ma quei due scalarono le classifiche anche se dotati di un talento mediocre, erano i primi segnali del tennis moderno.
Con questo cosa voglio dire ? Che a mio parere ovviamente, i materiali ci stanno salvando dai giocatori tutta difesa che sono certo oggi con materiali di un tempo sarebbero i veri primi in classifica. I materiali oggi comunque consentono di trovare l'attacco da fondo, la botta con spazio aperto anche limitato. Ma con tanto allenamento, con un fisico predisposto, con due fondamentali ben impostati e coi mateirali di un tempo, la filosofia del tennis percentuale oggi la farebbe da padrona assoluta rendendo gli incontri di una noia terribile.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Satrapo il Mer 11 Ago 2010, 15:36

wik ha scritto:Il tennis non è cambiato per colpa dei materiali o dell'improvvisa perdita di fantasia dei giocatori, o peggio ancora come diceva un tizio di quelli che sparano giudizi gratuiti da teletennisdipendenza per colpa degli allenatori che non insegnano più le volèe.

.........

Ad esempio, in pochi sanno che Wilander sapeva giocare a rete come pochi, e infatti vinse moltissimi titoli in doppio, ma il non rischiare era una precisa scelta tattica la sua.

Ecco questo punto è molto interessante, perchè purtroppo hai ragione Wik, ci sono molte persone (non mi riferisco a nessuno qui in particolare eh, sia ben chiaro!) che dal divano pensano di avere ben chiaro che:

- I nuovi materiali hanno ucciso fantasia, talento e gioco di attacco : FALSO
- I giocatori moderni non sanno più giocare le volè (FALSO) perchè gli allenatori non le insegnano più e nessuno si allena più a giocare di volo (FALSISSIMO!)

Che la cosa possa piacere o meno non crediate che un professionista di oggi abbia in media meno braccio dei giocatori del passato, non è affatto vero anzi il talento medio dei giocatori è sicuramente più alto che in passato; poi il campione è sempre uno su un milione, ma tra i primi 200 del mondo oggi ci sono davvero tanti buoni giocatori mentre in passato levati i primi 10-15 gli altri davvero potevano fare ben poco.

Se poi aggiungiamo che in passato a tennis ci giocavano solo pochi aristocratici entriamo in un ginepraio, perchè come si possa paragonare uno slam vinto negli anni 60 ad uno vinto oggi date le differenze in termini di competitività degli avversari proprio non lo capisco, ma di contro sono perfettamente daccordo con Corre quando dice che non si può mai fare un confronto tra epoche diverse: ognuno è campione solo nel suo tempo con buona pace dei nostalgici e dei "modernisti". Certo se dovessi scegliere un periodo per fare il pro SICURAMENTE non sceglierei l'epoca moderna, oggi arrivare ai vertici è davvero una impresa da fenomeni. Non che prima fosse facile eh, ma se mi dicessero scegli un Roland Garros in cui giocarti delle possibilità sicuramente non ne sceglierei uno degli ultimi anni!

Come giustamente ha ricordato Wik però, un Wilander aveva ottime volè, ma anche un Nadal di oggi ha ottimi colpi di volo, per non parlare della sensibilità di braccio di un Murray o (per fare un esempio che scandalizzerà molti) di un Roddick che imposta il suo gioco su mazzate degne di un boscaiolo perchè così vince di più, ma un paio di anni fa al Foro Italico ho assistito in prima persona ad un pittino tra Djokovic e Roddick in cui si sono visti "giochi di prestigio" degni di un McEnroe d'annata.

Il punto è che ai tempi del grande MC, ovviamente avendo il suo braccio divino e inarrivabile, ci si poteva permettere di fare magie in partita perchè il livello atletico era generalmente basso. Su una carezza del "Genius" Panatta non ci arrivava mai, Borg qualche volta si e qualche volta no, Lendl e compagni hanno cominciato a riuscirci un po' più spesso fino ad arrivare ad un Ferrer (per non scomodare Nadal!) che oggi sul medesimo colpo ci arriverebbe a cannone stampando una fucilata in fronte a chiunque, e su questo amici non influiscono i materiali ma la preparazione fisica dei giocatori e la capacità tecnica negli spostamenti.

Ma nessuno davvero riesce ad apprezzare il modo in cui questi fenomeni oggi coprono il campo sul cemento scambiando a velocità siderali? Davvero pensate che sia più difficile fare un back con una racchetta di legno rispetto al muoversi con tanta reattività e controllo su un campo di cemento scambiando a ritmi assurdi rimandando indietro con gli interessi le sassate con cui ci bombarda l'avversario?

Dice bene Wik, i difensori di oggi sarebbero ben contenti di giocare coi legni perchè con la capacità di reazione e spostamento odierna ai ritmi del legno passerebbero ore a rimandare qualsiasi cosa al mittente conversando amabilmente al telefono.

Perchè guardate che Nadal e Ferrer col legno la palla la rimandano indietro lo stesso, solo che con il loro meraviglioso footwork (perchè il footwork di Nadal, di Ferrer, di Davydenko etc. etc. tecnicamente è altrettanto meraviglioso e inarrivabile per i comuni mortati di quanto lo sono state le carezze di McEnroe o le veroniche di Panatta o il serve and volley di Edberg..) il punto con i ritmi del legno non glielo fai nemmeno col trucco delle tre carte.

Il talento, la sensibilità, la classe, il braccio non è solo la stop-volley o il serve-and-volley ma anche la diagonale di fondo tenuta a velocità mostruosa blindando il campo con un footwork marziano per poi trovare il vincente sapendo che se non chiudi davvero alla grande l'avversario che ha piedi marziani anche lui ci arriva e ti castiga nell'angolo opposto.

Il perchè molti amatori vedano il talento solo nel gioco di volo è un mistero che non ho mai capito, guardate che una volè non è necessariamente tecnicamente più difficile e non richiede necessariamente più talendo del trovare un lungolinea da fondo dopo uno scambio a ritmi mostruosi.

Non si va più a rete non perchè non si sappiano più fare le volè, ma perchè i giocatori di oggi hanno passanti mostruosi e questo non dipende solo dai materiali ma soprattutto dalla tecnica (footwork) e dalla preparazione atletica. Se tornassimo ai legni la drastica riduzione dei ritmi di gioco nuocerebbe ancora di più agli attaccanti perchè sarebbero costretti a venire avanti senza poter mettere minimamente in crisi il difensore, ragionate sul fatto che ora attaccando tirando bordate si rischia il passante in fronte, immaginate venendo avanti con le "carezze" dei tempi del legno, vedreste il difensore avere il tempo di arrivare sulla palla con 2 mesi di anticipo, fare tre flessioni, chiamare a casa per dire "butta la pasta", firmare tre autografi ed avere ancora il tempo per infilare il passante con la mano nel caso non volesse utilizzare la racchetta. Era piú divertente il tennis del passato ? 786556
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da correnelvento il Mer 11 Ago 2010, 15:46

Satrapo________

Disamina lucida e "competente".

Però ritengo che con il legno, ed i fisici moderni, gli attaccanti sarebbero comunque (anche se di poco) avvantaggiati.

E' vero che i difensori arriverebbero benissimo sulla palla,,, ma è altrettanto vero che questa camminerebbe MOLTO meno, e darebbe il tempo al volleatore di arrivare "comodo" sulla palla.

Concordo quasi totalmente sul gioco di piedi moderno... tranne su Borg: a mio parere non era troppo inferiore ai tennisti moderni, e sicuramente molto superiore a quello di Lendl.
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16780
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Satrapo il Mer 11 Ago 2010, 16:04

correnelvento ha scritto:E' vero che i difensori arriverebbero benissimo sulla palla,,, ma è altrettanto vero che questa camminerebbe MOLTO meno, e darebbe il tempo al volleatore di arrivare "comodo" sulla palla.

Concordo quasi totalmente sul gioco di piedi moderno... tranne su Borg: a mio parere non era troppo inferiore ai tennisti moderni, e sicuramente molto superiore a quello di Lendl.

Però vedi Corre, se il suo attacco è morbido come ai tempi del legno una volta giunto a rete per tempo e ben posizionatosi l'attaccante ha comunque spazio da guardare a destra e a sinistra perchè il suo attacco non riuscirà a condizionare la direzione del passante. Il volleatore è in vantaggio nella misura in cui riesce a far colpire in situazione di difficoltà-ritardo il difensore. Tra un uomo perfettamente piazzato a rete ed uno a fondo pronto a tirare il passante perfettamente piazzato sulla palla, il vantaggio è ancora di chi deve passare: banalmente già il poter scegliere se passare a destra o a sinistra trasforma il tutto in una situazione "portiere contro rigore" sulla quale di certo non si può puntare per vincere un match. Per arrivare a giocarsi il punto a rete con delle possibilità concrete bisogna costringere il difensore a tirare il passate in ritardo di posizione, in modo da obbligarlo a scegliere la direzione possibile (che verrà presidiata dal volleatore) oppure tentare il miracolo scegliendo l'angolo "impossibile" per il ritardo di posizione, che essendo un colpo ad alto rischio porterà percentualmente più punti all'attaccante che al difensore.

In sostanza un attaccante fa il punto sia quando chiude la volè contrastando il passante che ha "chiamato" con il suo attacco, sia quando incassa il passante impossibile perchè sa che percentualmente anche il "passante impossibile" andando a segno 1 volta su 3 lavora per lui.

Riguardo a Borg si, decisamente fu un precursore del footwork moderno per reattività e intensità di spostamenti però non dimentichiamoci che lui eccelleva rispetto alla media ma in condizioni di ritmi decisamente inferiori ad oggi, ma comunque siamo di fronte ad un pioniere del footwork moderno, ed infatti quello che stupiva di Borg a detta di tutti i suoi avversari dell'epoca era la capacità di arrivare su palle che sembravano ormai chiuse.
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da correnelvento il Mer 11 Ago 2010, 16:28

Sat_____

Il fatto è che sono un "romantico"!

In ogni caso leggo tutti punti di vista molto interessanti, che aiutano ad inquadrare la questione da molteplici prospettive...
cheers
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16780
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Ospite il Mer 11 Ago 2010, 16:31

correnelvento ha scritto:Sat_____

Il fatto è che sono un "romantico"!

In ogni caso leggo tutti punti di vista molto interessanti, che aiutano ad inquadrare la questione da molteplici prospettive...
cheers
Ecco, questo è un punto fondamentale
l'opinione condivisibile che aumenta a prescindere la cultura che sia condivisa o meno.
E in questi termini credo che questo forum sia così come l'abbiamo voluto e cercato, e la cultura tennistica sia in prima linea.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da correnelvento il Mer 11 Ago 2010, 16:39

Condivido senza riserve!
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16780
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da vale il Mer 11 Ago 2010, 20:16

Satrapo ha scritto:Il perchè molti amatori vedano il talento solo nel gioco di volo è un mistero che non ho mai capito, guardate che una volè non è necessariamente tecnicamente più difficile e non richiede necessariamente più talendo del trovare un lungolinea da fondo dopo uno scambio a ritmi mostruosi.

mai capito neanche io !!!
vale
vale

Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 15.12.09
Età : 48

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da marco61 il Mer 11 Ago 2010, 20:31

Non essendo un tecnico, giudico ciò che i miei occhi da appassionato di tennis mi permettono di vedere.
Ed è probabilmente molto diverso da ciò che sanno cogliere wik e Satrapo, osservando un match di tennis.
A me emoziona, ad esempio, vedere una smorzata sulla risposta al servizio, mentre mi emoziona molto meno un ace tirato a 240 kmh.
A parlare di queste cose, mi viene in mente il mondo dei motori.
Un ingegnere meccanico probabilmente sarà molto affascinato dalla Formula 1 di oggi, anche solo osservare il motore di uno di questi bolidi, per gli addetti ai lavori, è probabilmente uno spettacolo davvero appagante.
Capire poi come la tecnologia possa influire sui risultati in pista, fa tutto il resto.
A me però divertiva di più vedere i gran premi quando la velocità permetteva i sorpassi, quando si usciva dalle curve derapando, quando non ci si giocava tutto in un cambio gomme.
Certo, vedere questi mostri incollati all'asfalto mentre tirano curve a 300 kmh. orari è impressionante.
Però resto dell'idea che, quando tutto va leggermente più piano, il tocco finale allo spettacolo è sempre l'uomo a doverlo dare.
Poi, come si è già scritto, ognuno vede le cose con i propri occhi.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10981
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da correnelvento il Mer 11 Ago 2010, 21:20

marco61 ha scritto:Non essendo un tecnico, giudico ciò che i miei occhi da appassionato di tennis mi permettono di vedere.
Ed è probabilmente molto diverso da ciò che sanno cogliere wik e Satrapo, osservando un match di tennis.
A me emoziona, ad esempio, vedere una smorzata sulla risposta al servizio, mentre mi emoziona molto meno un ace tirato a 240 kmh.
A parlare di queste cose, mi viene in mente il mondo dei motori.
Un ingegnere meccanico probabilmente sarà molto affascinato dalla Formula 1 di oggi, anche solo osservare il motore di uno di questi bolidi, per gli addetti ai lavori, è probabilmente uno spettacolo davvero appagante.
Capire poi come la tecnologia possa influire sui risultati in pista, fa tutto il resto.
A me però divertiva di più vedere i gran premi quando la velocità permetteva i sorpassi, quando si usciva dalle curve derapando, quando non ci si giocava tutto in un cambio gomme.
Certo, vedere questi mostri incollati all'asfalto mentre tirano curve a 300 kmh. orari è impressionante.
Però resto dell'idea che, quando tutto va leggermente più piano, il tocco finale allo spettacolo è sempre l'uomo a doverlo dare.
Poi, come si è già scritto, ognuno vede le cose con i propri occhi.


ma quanto m'attizza st'omo! Era piú divertente il tennis del passato ? 786556
correnelvento
correnelvento

Messaggi : 16780
Data d'iscrizione : 12.07.10
Località : .

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Satrapo il Gio 12 Ago 2010, 04:10

marco61 ha scritto:Però resto dell'idea che, quando tutto va leggermente più piano, il tocco finale allo spettacolo è sempre l'uomo a doverlo dare.
Poi, come si è già scritto, ognuno vede le cose con i propri occhi.

Si Marco sulla Formula 1 concordo con te, i GP da qualche anno a questa parte sono di una noia mortale. Ma li sono le macchine a stare incollate all'asfalto grazie a controlli di trazione, cambi robottizati etc etc, dovremmo levare gli aiuti elettronici per ridare alla variabile pilota il giusto peso.

Ma nel tennis dovresti rallentare oltre alla palla anche i piedi degli atleti moderni, e non la vedo una strada facilmente percorribile! Era piú divertente il tennis del passato ? 786556

Riguardo a cosa emoziona il tecnico e cosa l'amatore beh, a me ad esempio emoziona una risposta messa in campo magari anche profonda a fronte di un primo servizio che viaggia a 230km/h sul cemento, e questo mi emoziona più di qualsiasi smorzata perchè in effetti la smorzata riesce anche a noi di tanto in tanto, mi capita di vederne qualcuna andare a morire appena dopo il nastro anche nella partitella della domenica valida per la classifica sociale del circolo. Invece per vedere qualcuno in grado di rispondere ad un servizio che viaggia oltre i 200 devo per forza avere in campo due top100.

Quindi il bello di avere oggi servizi che viaggiano così veloce sta anche nel meravigliarsi di come si possa risucire a ribatterli, perchè alla fine per vincere un break bisogna pur sempre farlo e se Karlovic non è numero uno del mondo e non ha mai vinto un torneo di quelli che contano davvero vuol dire che il break lo prende anche lui.

Comunque giustamente ognuno apprezza un aspetto di una realtà, ed il bello è proprio confrontarsi sui diversi punti di vista.
Satrapo
Satrapo
Moderatore

Messaggi : 1524
Data d'iscrizione : 02.12.09

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da veterano il Gio 12 Ago 2010, 20:48

Ciao a tutti ho letto un articolo su un intervista fatta ad Edberg,dove dice che il suo tipo di tennis al giorno d'oggi sarebbe improponibile.
Pero per contro dice anche che non sarebbe impossibile,magari con qualche modifica..........
Bueno mi piacerebbe sapere da voi come pensate che si evolvera' il tennis tra dieci anni,ritroveremo qualche giocatore d'attacco stile Edberg modificato,o sara' sempre e solo un dominio da fondo,cosa potra' cambiare di sostanziale nella tecnica futura???????? e nel tipo di insegnamenti???? ci sara qualche allenatore che con pazienza e un po di follia ritornera' ad insegnare un tipo di gioco d'atacco piu 'simile al vecchio stile sebbene con qualche modifica,oppure si proseguira' nella strada del poco rischio e gioco piu reditizio che ormai e stata tracciata ????
veterano
veterano

Messaggi : 911
Data d'iscrizione : 09.01.10

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Ospite il Gio 12 Ago 2010, 20:58

Si manterranno gli stessi principi, solo si lavorerà di più sulla variazione e lo slice diventerrà obbligatorio anche per i bimani

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da marco61 il Gio 12 Ago 2010, 21:30

Comunque qualcosa negli ultimi tempi, per rendere il gioco meno veloce, è stato fatto. Questo significa che è convinzione generale che rallentando il gioco lo spettacolo ne possa beneficiare.
A Wimbledon da qualche anno l'erba viene tagliata più alta, e i campi in sintetico sono meno veloci di un tempo.
Posto che non si potrà fare molto sulle racchette, perchè non usare palline meno elastiche? Non necessariamente più pesanti, cosa che alla fine potrebbe aver ripercussioni sul fisico, ma solo meno elastiche, quindi meno veloci.

_________________
Irsa Pro Stringer
Irsa Racquet Technician
Hesacore authorized reseller

"Il cervello finisce con l'adattarsi all'invecchiamento rassegnandosi a impartire ordini in linea con la mutata condizione fisica." Satrapo, li 05/07/2010
marco61
marco61

Messaggi : 10981
Data d'iscrizione : 01.12.09
Età : 58
Località : sanremo

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da wetton76 il Ven 13 Ago 2010, 17:00

A proposito di tennis del passato, guardate un attimo questo breve video:

https://www.youtube.com/watch?v=QiU8HFwEBPs&feature=related

1991 Us Open, terzo turno, Chang-McEnroe

Ci sono degli scambi stupendi giocati da McEnroe (anche se la partita alla fine l'ha vinta Chang) ... nelle inquadrature ravvicinate si nota una "velocità" di gioco abbastanza sostenuta ... ad esempio al minuto 2:00 c'è un recupero pazzesco di Chang che tenta il passante (Mac è cmq ben piazzato a rete e riesce a chiudere il punto).
wetton76
wetton76

Messaggi : 519
Data d'iscrizione : 14.07.10
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Feliciano il Dom 07 Nov 2010, 13:08

D'accordo Satrapo, la risposta vincente sul servizio che viaggia a 200kmh è una prodezza balistica, ma devi convenire che il tennis offerto nei match del passato è in genere molto più godibile di quello attuale.
Mi divertivo di più a seguire in TV un qualsiasi match della fine anni '80-primi anni '90 che non uno attuale.
Che ti posso dire... un Edberg-Chang mi entusiasmava più di un Nadal-Davydenko. Sarà che è come le squadre di calcio che ti innamori da bambino, ma il secondo non riesco proprio a vederlo tutto sino alla fine.
A mio avviso, le palline con cui si gioca attualmente hanno un rimbalzo troppo alto, che favorisce i contrattaccanti da fondocampo.


Ho trovato sul tubo questo video d'annata. Ma Rod Laver aveva davvero 38 anni come c'è scritto? Shocked
Su che superficie stanno giocando?

Feliciano
Feliciano

Messaggi : 967
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 39

http://www.albertoponturo.it

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Filippo il Dom 07 Nov 2010, 13:42

Sarò di un altra genrazione tennistica, ma vedere partite antecedenti al 1995-2000 mi fa morire di noia, soprattutto se su terra e soprattutto se fanno solo s&v.
Ho visto l'altro giorno una partita su supertennis, credo fosse un primo o secondo turno di Roma 1983. La prima cosa che ho pensato è stata: ma il pubblico pagava o era pagato per stare lì a vedere una partita del genere? Nemmeno due pallettari al circolo dove gioco io riuscirebbero ad essere così noiosi.
Filippo
Filippo

Messaggi : 764
Data d'iscrizione : 22.12.09
Località : esattamente qui, nel fiviggì

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da miguel il Dom 07 Nov 2010, 14:36

giocano sulla terra verde superficie abbastaza usata ,soprattutto in passato,negli stati uniti. rispetto alla terra rossa è un po'
più veloce. laver poteva sicuramente avere almeno 38 anni in quel match.
@ filippo: rispetto ad adesso la palla viaggia meno ma ti assicuro che vedere giocare in quegli anni era tutto fuorchè noioso... certo se poi ti beccavi un solomon-dibbs potevi anche tagliarti le vene ma quella tipologia di giocatori esiste anche oggi, un ferrer-trojcki per dire non èche sia sto gran bel vedere pur essendo i due giocatori più che ottimi
miguel
miguel

Messaggi : 5477
Data d'iscrizione : 08.12.09
Età : 53
Località : torino

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da cristiano75 il Lun 08 Nov 2010, 11:05

Secondo me si... potrebbe essere più spettacolare e quindi + divertente, ma solo ad una condizione, se nn si va a considerare il basso livello sportivo atletico e tennistico!

Il tutto, appunto xchè si parla di divertente... è per fare il solito esempio sul calcio che tutti noi conosciamo... è come quando le squadre iniziano ad allungarsi, ed anzichè stare in 30 mt a farsi pressing... stanno belle lunghe con difese bassissime... cosa succede?! I giocatori hanno il tempo di pensare, l'attaccante può stoppare e provare l'uno contro uno, il fantasista può provare qualche assist... e via dicendo... si è più spettacolare, ma il tutto avviene solo xchè nn si sta giocando veramente a calcio!

Idem nel tennis... più spettacolare, xchè la palla e giocatori viaggiano la metà! Insomma 1 altro sport!
cristiano75
cristiano75

Messaggi : 163
Data d'iscrizione : 01.02.10

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da zaphod il Lun 08 Nov 2010, 13:08

Da sempre i nonni ci dicono che si "stava meglio quando si stava peggio". Ma sarà poi vero? Anche in altri sport (per esperienza la pallacanestro) c'è questo assurdo dibattitodel tipo: "come Magic, Larry Bird e Julius Erving non c'è nessuno il basket odierno è puro atletismo senza tecnica!"
E' un modus operandi del cervello umano forse per difendere i ricordi della fanciullezza, la sua "storia". Il proprio essere insomma.
Chi segue ancora in modo costante il tennis (o la pallacanestro o qualsiasi altro sport) sa che questo dibattito non ha senso: è evidente che il livello medio atletico (ma anche tecnico) generale è incredibilmente superiore. Sa allo stesso modo che ci sono partite dannatamente divertenti e interpreti eccezionali.

Poi la volee di dritto di Mac a fine del filmato contro Chang, i passaggi no look di Magic e un rovescio di Federer contro Nalbandian a Parigi qualche anno fa https://www.youtube.com/watch?v=icVJVjeTB9M ci ricordano che il genio è un elemento immateriale fuori dal tempo.
zaphod
zaphod

Messaggi : 1066
Data d'iscrizione : 08.10.10
Età : 40
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Era piú divertente il tennis del passato ? Empty Re: Era piú divertente il tennis del passato ?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum